ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
25 min
Reinserimento professionale, investiti 1,6 milioni nel 2020
La Suva ha permesso di risparmiare oltre 20 milioni di franchi per indennità giornaliere e rendite.
GRIGIONI
1 ora
Vaccino disponibile anche presso i medici di famiglia
Le quantità saranno distribuite secondo le priorità previste dal piano di vaccinazione cantonale.
FOTO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
3 ore
I suoi genitori l’hanno salvata dal collasso
A causa dei corsi universitari a distanza, Chiara Bovigny è arrivata a un passo dal burn-out
SVIZZERA
10 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
13 ore
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
SCIAFFUSA
14 ore
Sola sull'autobus a 4 anni, la polizia la riporta a casa
La bambina ha abbandonato la propria scuola dell'infanzia senza attendere l'arrivo del papà.
SVIZZERA
15 ore
Accordo quadro, esclusa l'interruzione dei negoziati
Il Consiglio Nazionale chiede che un compromesso sia raggiunto a tutti i costi.
SVIZZERA
17 ore
«L'esclusione dei ricercatori elvetici dai programmi UE va evitata»
Il comitato di swissuniversities chiede al Governo federale d'instaurare relazioni durature con Bruxelles
GRIGIONI
17 ore
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
SVIZZERA
18 ore
Mobility pricing: i partiti sostengono i progetti pilota
Per il modello proposto dal Governo federale c'è però il malcontento di UDC e TCS
BERNA
18 ore
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
BERNA 
19 ore
Casse malattia: nel 2020 calo dei reclami
Complessivamente sono stati inoltrati 4457 dossier, rispetto ai 4968 del 2019.
SAN GALLO
19 ore
Bandiere arcobaleno distrutte, l'ira della comunità LGBTQ+
Sconosciuti al momento gli autori del gesto
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera altri 2650 casi nel weekend
Sono 8 i decessi confermati in laboratorio. I dati dell'UFSP
GRIGIONI
20 ore
Abbonamenti sciistici offerti ai politici, al via l'inchiesta
Le possibili imputazioni sarebbero concessione e accettazione di vantaggi. Si tratterebbe di un segreto ormai arcinoto.
FOTO
ZURIGO
20 ore
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel settimo distretto della Città di Zurigo.
SVIZZERA
21 ore
Tratta di essere umani da record in Svizzera
I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.
SVIZZERA
21 ore
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
22 ore
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
22 ore
Telecamere nei centri d'asilo per scongiurare le violenze
I dispositivi saranno installati all'esterno e interno delle strutture per migliorare la sicurezza dei richiedenti.
SVIZZERA
21.02.2017 - 06:010
Aggiornamento : 08:45

La Confederazione ha speso 450'000 franchi in un telefilm per "spaventare" i migranti

Girato in Svizzera e Nigeria racconta i lati oscuri della migrazione, per la Sem può funzionare. Amnesty: «Loro sanno già che è un'odissea»

BERNA - La Svizzera non è una terra dell'oro. Ne sa qualcosa Joshua, nigeriano arrivato come illegale nella Confederazione: soldi pochi, problemi con le autorità molti. Qualità della vita? Decisamente bassa.

Joshua però non è una persona reale, è il protagonista di una serie televisiva di 13 episodi co-prodotta da Nigeria e Svizzera che si chiama “Missing Steps” destinata al pubblico africano.

L'obiettivo di questa fiction, per la realizzazione della quale la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) ha stanziato 450'000 franchi, è disincentivare la migrazione verso la Svizzera: «Vogliamo mostrare il lato non edulcorato», ha spiegato alla Srf Lukas Rider della Sem, «vivere da sans-papier qui da noi non è affatto bello».

Una trovata che però non piace ad Amnesty International e all'esperta di migrazione Jill Alps secondo la quale «è inutile», perché «chi decide di migrare sa bene – grazie alle storie di parenti e amici – a cosa va incontro». Ma non finisce qui, proprio perché è una campagna chiaramente occidentale: «Rischia di essere inefficace, chi si trova in Africa semplicemente potrebbe non fidarsi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Kama 4 anni fa su tio
"...Amnesty International e l'esperta di migrazione Jill Alps secondo la quale «è inutile», perché «chi decide di migrare sa bene – grazie alle storie di parenti e amici – a cosa va incontro» Ahaaaaa allora lo ammettete finalmente!! sanno benissimo a cosa vanno incontro, come sono le leggi e cosa fare per raggirarle e poter restare il più possibile o ottenere ciò che vogliono...
Kahr 4 anni fa su tio
Almeno quando arrivano qua non potranno dire "non lo sapevamo, nessuno ci aveva avvisato". E quando torneranno in patria potranno dire ai loro amici: "quel film rappresenta la verità, fidati di me".
Giorgio8989 4 anni fa su tio
@Kahr 450'000.-...?? per poi dire cosaa..?? ma che li diano al popolo sti soldi e non far film bambagia che non lo guarda e che non servono a nessuno
limortaccituoi 4 anni fa su tio
Per la metà dei soldi lo avrei fatto io. Avrei messo insieme delle immagini, video e dichiarazioni dei vari Bisngasca, Lorenzina, Salvini e il resto di quella marmaglia...vedi come si sarebbero spaventati i migranti! Meglio morir di fame che avere a che fare con personaggetti così!
Cleofe 4 anni fa su tio
uhm... chissa se la Bosia Mirra ha visto il film.
gabola 4 anni fa su tio
@Cleofe lei li porta dentro per girare il film...infatti parte di quei soldi li hanno dati come premio propio a lei
aquila bianca 4 anni fa su tio
@Cleofe Visto che, invece di subire un processo per aver infranto la legge, è stata PREMIATA.... ;-(( Sarà lei la regista, e potrà ambire al NOBEL PER COME METTERLA IN QUEL POSTO ALLA LEGGE.... ;-((( ..... sta cosa proprio mi crea un bruciore di stomaco che non ti dico..... ;-(( Buona giornata Cleofe ;-)
Cleofe 4 anni fa su tio
@aquila bianca condivido il tuo bruciore... ma non 'e nello stomaco...
mgk 4 anni fa su tio
finch e la mafia italica li va a prendeere....
Bacaude 4 anni fa su tio
@mgk attenzione ai giudizi tranchant. Ricordati che la mafia italica ha bisogno di ragionieri, avvocati e tesorieri...
aquila bianca 4 anni fa su tio
@mgk .....finché la mafia va..... tu non remare.... ;-)
spank77 4 anni fa su tio
Arriveranno senza dubbio a pensare che sia una "complotto" per non farli partire. Se decidono di partire e lasciare la loro terra è perchè non hanno più speranza in un futuro e sono disperati. Dovrebbero girare un film sulla speranza nel cambiamento nella loro terra piuttosto che un film che tenti di sbiadire i loro sogni altrove.
shooter01 4 anni fa su tio
l'idea in se non è male. Finalmente si comincia a capire che molti sono "migranti di comodo"
Bacaude 4 anni fa su tio
@shooter01 Chissà se Zurigo finanzierà un documentario in dialetto per scoraggiare i ticinesi...
El Jardinero 4 anni fa su tio
Si certo che uno che vuole emigrare ha giusto il tempo, la voglia e i mezzi per stare a guardare un telefilm.. Soldi buttati nel water!!
Bacaude 4 anni fa su tio
Basterebbe parlare davvero coi migranti economici per capire che una vita tra mille difficoltà in Europa è comunque molto meglio rispetto a quella che hanno nei paesi d'origine. Sanno perfettamente cosa li aspetta ma sanno anche che molti loro connazionali hanno trovato lavoro e stanno bene. In alcuni paesi africani come Senegal, Ghana o Costa d'avorio tutto il villaggio paga per mandare il loro elemento migliore a lavorare in Europa e, quello che sucede nei fatti, è che con quel poco che guadagna da noi mantiene comunque un sacco di gente lì. Se si vuole evitare che migrino bisognerebbe mettersi una mano sulla coscienza e spendere sì, ma non in documentari ma in infrastrutture. Per chi scappa da un conflitto poi non existe nessuna alternativa
mats13 4 anni fa su tio
Gli unici soldi spesi bene dalla Confederazione nell'ambito dei rifugiati...
Benji78 4 anni fa su tio
Con un telefilm si vuol spaventare gente che scappa dalla povertà e dalle guerre e gli si vuol far credere che qui da noi si sta male e che è meglio vivere sotto le bombe, tra tagliatori di gole o nella miseria. Di cose ridicole se ne sentono molte, ma questa è in lizza per il podio.
vulpus 4 anni fa su tio
Una buona iniziativa quella di presentare in loco la realtà di chi vuole emigrare in Europa( e non solo in Svizzera) e sia informato a cosa va incontro. Il titolo dell'articolo è criticabile e forviante: penso non si voglua spaventare nessuno, ma disencintivare una migrazione che non può avere uno sbocco, visti i problemi che ci sono. Queste persone, perchè non si impegnano per migliorare loa situazione nel loro paese, e scelgono la via di abbandonare il proprio paese? Sono attratti da lustrini europei, che poi si spengono al primo impatto con la realtà. E queste associazioni, che vivono di immigrati e delle loro disgrazie, dovrebbero smetterla di illudere queste persone e magari impegnarsi nei loro paesi a migliorare il tenore di vita. È una realtà che la maggioranza di chi emigra verso l'Europa lo fa solo per motivi economici e non perchè spinti dalla guerra.
Benji78 4 anni fa su tio
@vulpus Mi sembra che pur di alimentare i nostri pregiudizi diciamo sempre tutto e il contrario di tutto. Decidiamoci, qui da noi stanno male o stanno bene? Adesso sembra stiano male, mentre alla prima occasione si sentirà dire che "stan mei che num", "hanno anche il natal", "piacerebbe anche a me fare un c.... dalla mattina alla sera", "Num a mategnum tuc" ecc. ecc. ecc. La verità è che qui stanno molto meglio che nei loro paesi e loro lo sanno benissimo. In Africa ci sono guerre di cui in televisione o sui giornali non si parla mai. Si pensa che siano migranti economici, ma se si va a vedere scappano da conflitti. Ovviamente ci sono anche molti migranti economici. Il problema è che scappano dalla miseria e non da un paese che sta bene per cercare il lusso. Pensare di risolvere il problema con un telefilm è proprio infantile. Soldi buttati nel gabinetto. Poi in Nigeria dove c'è Boco Haram e una guerra in corso, uno dei paesi più violenti dell'Africa, dove povertà, tratta di esseri umani e corruzione sono la normalità. Mah
vulpus 4 anni fa su tio
@Benji78 se pensi che star meglio vuol dire dover rimanere dentro una struttura chiusa ( che chiamano protetta) da ramina e porte, se star meglio vuol dire alzarsi al mattino e non saper cosa fare enon poter fare nulla, se star bene vuol dire non avere attorno la propia famiglia e i propri amici, se star meglio vuol dire perdere contatto con le proprie origini e il proprio paese, bè(... etante altre) allora concordo con tè che stanno meglio qui.Ma mi sembra che si riduca a mangiare, e un tetto. La maggior parte sono giovani risorse per il loro paese e fuggono verso un miraggio che è emarginazione, disoccupazione criminalità, sfruttamento. O pensi che per queste persone l'Europa è qualcosa d'altro??
Telma 4 anni fa su tio
Una telefilm? Articolo scritto da un migrante?
ziopecora 4 anni fa su tio
se avessero la certezza assoluta di venir rimandati a casa non si metterebbero in viaggio.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 09:30:41 | 91.208.130.87