ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 ore
In carcere per il fallimento di una fiduciaria
L'uomo aveva effettuato un totale di 702 transazioni illegali con denaro di conti bancari dei suoi clienti, dopo aver perso privatamente sei milioni di franchi in borsa
GINEVRA
2 ore
Ginevra chiude il fascicolo sull'oligarca Khrapunov
Il procedimento era stato avviato nel 2012 per un sospetto arricchimento fraudolento
BASILEA CITTÀ
2 ore
Un nuovo nemico naturale contro i batteri multiresistenti
Un team internazionale di ricercatori, con la partecipazione dell'Università di Basilea, ha scoperto un antibiotico naturale per eliminare la concorrenza di altri batteri
SWAZILAND
3 ore
37 svizzeri rimasti feriti in un incidente di ritorno da un safari
Il pullman che li trasportava si è cappottato. 10 persone hanno subito ferite importanti e sono state ricoverate, il tour operator: «Sono stati fortunati»
FOTO
SVIZZERA
5 ore
«Bambini, fate valere i vostri diritti»
Parola di Alain Berset, oggi in piazza a Berna per la Convenzione sui diritti del fanciullo: «Un giorno non di promesse, ma di impegno»
SAN GALLO
6 ore
Ragazzino in bici investito da un furgone
L'incidente è avvenuto questa mattina a Berneck: il dodicenne ha rimediato ferite lievi
SCIAFFUSA
6 ore
Per «risparmiare tempo» non dichiarano oltre 160 chili di carne
Il furgone è stato notato nelle vicinanze delle cascate del Reno. Al suo interno si trovavano anche 52 chilogrammi di formaggio
GRIGIONI
6 ore
«Sì alla traduzione simultanea in Parlamento»
La conferenza dei presidenti del Legislativo ha di recente appoggiato una proposta del granconsigliere socialista Tobias Rettich
BERNA
27.11.2016 - 18:290

«L'aiuto al suicidio è una richiesta sociale»

Lo ha affermato in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione Exit della Svizzera romanda

BERNA - L'aiuto al suicidio fornito da Exit risponde alla domanda della società e il diritto alla morte dovrebbe far parte delle libertà individuali. Lo afferma in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione in Svizzera romanda.

Nel 2000 Exit contava 8000 membri in Romandia e ora sono 24'000, precisa il presidente. "Ciò dimostra che il lavoro dell'associazione risponde ad una richiesta della società". "La gente - osserva Sobel - ha prima voluto gestire l'inizio della vita, con la contraccezione, l'aborto e la procreazione assistita. Ora spera di gestire l'uscita dalla vita", con il predominio dei principi di responsabilità, autonomia e indipendenza.

Il numero di pazienti aiutati da Exit è nettamente aumentato l'anno scorso: 213 in Romandia (+22% rispetto al 2014) e 782 in Svizzera tedesca (+30%). Il cancro è il primo motivo indicato dalle persone che si rivolgono ad Exit.

Il presidente di Exit romanda ricorda inoltre che l'aumento dei suicidi accompagnati dall'associazione è correlato ad una diminuzione di quelli non assistiti. E, a suo parere, una persona capace di intendere e di volere che auspica di morire non dovrebbe essere impedita nella sua intenzione da un'azione legale.

È recente il caso di un ultraottantenne ginevrino che aveva chiesto l'aiuto di Exit ed è stato fermato nel suo intento da un'azione giudiziaria intentata dai fratelli. L'anziano ha poi messo fine ai suoi giorni da solo alla metà del mese. Dopo il suo decesso, i fratelli si sono rivolti nuovamente alla giustizia con una querela penale contro Exit per omissione di soccorso.

"In una società che accetta l'autodeterminazione, si rispetta la decisione altrui; altrimenti la persona appartiene ad un clan ed è il clan che decide per lei", osserva il dottor Jérôme Sobel. C'è anche - ricorda - una sentenza del Tribunale federale in cui si afferma che una persona capace di discernimento ha il diritto di scegliere i mezzi e il momento della propria morte.

Le specialista è poi scettico riguardo agli psichiatri che, per evitare la morte di un malato, associano automaticamente una richiesta di aiuto al suicidio con una depressione e una ridotta capacità di discernere.

Il 30% dei membri di Exit hanno oltre 75 anni. L'inverno della loro vita è reso difficile da varie polipatologie invalidanti legate all'età e scelgono una qualità di vita piuttosto che una quantità di sopravvivenza, spiega Sobel. Inoltre l'accompagnamento dei canditati alla morte è un lungo processo che prevede questionari e molte discussioni sulle altre opzioni possibili. "E se troviamo che una persona presenta segni di demenza o problemi psichiatrici chiediamo il certificato di uno specialista".

ats 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 21:50:56 | 91.208.130.87