BERNA
16.11.2016 - 17:010
Aggiornamento : 17:30

Ecco quando vi rimborseranno il biglietto del treno

Anche in Svizzera le aziende di trasporto pubblico dovranno risarcire i passeggeri in caso di ritardo. Tutto quello che c'è da sapere per farsi rimborsare il biglietto

Risarcimento ritardi

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Il Consiglio federale intende rafforzare ulteriormente il sistema ferroviario svizzero, e soprattutto dare più diritti dei passeggeri, in particolare con risarcimenti in caso di forti ritardi.

Quando si potrà essere rimborsati?
«In caso di connessioni perse, soppressione di treni e cancellazioni. Attualmente i clienti beneficiano di un rimborso solo se l'orario ferroviario non può essere rispettato e quindi di conseguenza si perde  l'ultimo collegamento della tabella di marcia. Ora le aziende di trasporto saranno chiamate a rispondere anche nel caso di forti ritardi che provocano la perdita di coincidenze, l’arrivo in ritardo alla stazione di destinazione oppure nel caso della cancellazione della corsa».

Quali saranno i benefici per il viaggiatore?
«I passeggeri saranno rimborsati: Se il viaggio non può venir effettuato o perde lo scopo per cui doveva venir effettuato a causa di un ritardo o di una cancellazione il cliente ha tre alternative tra le quali scegliere.

  • rinunciare alla corsa e pretendete il completo rimborso del biglietto.
  • ritornare al punto di partenza della corsa senza pagare e farsi rimborsare completamente il prezzo del biglietto.
  • Farsi rimborsare la tratta di viaggio a cui si vuole rinunciare a causa del ritardo. 
  • Se il treno arriva in ritardo o viene soppresso il viaggiatore ha diritto ad una prestazione di servizio. Non è previsto il rimborso.

Per i ritardi che superano l'ora, invece, è previsto il risarcimento che copre almeno il costo del 25% del biglietto. Per i ritardi di oltre 2 ore, invece, il rimborso è del 50%.

Il Consiglio federale ha fissato un importo minimo di 10 franchi sotto il quale non vi è diritto all'indennizzo e l'azienda non è chiamata al rimborso.

Valgono le stesse regole per i viaggiatori con biglietti singoli e gli abbonati?
No. Indennizzi e rimborsi sono previsti soltanto per i possessori di biglietti di corsa semplice, non per coloro che dispongono di un abbonamento generale o regionale. Infatti, come rileva il Consiglio federale, risulta impossibile determinare il prezzo effettivo di una tratta percorsa da un abbonato (qui si intende che più l'abbonato sfrutta il suo abbonamento, meno gli costerà la tratta) ed è anche molto difficile dimostrare la presenza in quel determinato treno che accumula il ritardo. Inoltre con l'acquisto di un abbonamento generale si beneficia in tutti i casi di uno sconto.

Nell'ordinanza del Consiglio federale vengono regolamentati i diritti dei passeggeri che utilizzano i pullman a lunga percorrenza. L'Unione europea ha stabilito per questa tipologia di viaggiatori un'indennizzo a partire dai 120 minuti di ritardo. In questi casi il rimborso ammonta al 50 % sul totale del costo del biglietto.

Quando entrerà in vigore la nuova normativa?
Non è stato ancora stabilito. L'ordinanza è stata trasmessa al Parlamento, che deciderà in tempi non ancora conosciuti se accettarla o meno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
mela morsicata 4 anni fa su tio
Bisognerebbe integrare chi possiede un abbonamento generale
Equalizer 4 anni fa su tio
In fin dei conti la gente non vuole rimborsi, vuole un treno affidabile e puntuale, con quella puntualità che ci ha reso famosi in tutto il mondo dal dopo guerra fino...... all'invasione multiculturale.
Thy 4 anni fa su tio
Ma non è già così da 7 anni? Un comunicato stampa delle FFS del 30 ottobre 2009 recitava: "Dal prossimo cambio orario le FFS adotteranno le disposizioni europee sui rimborsi in caso di ritardo nel traffico internazionale. I viaggiatori interessati riceveranno un buono viaggio che potrà essere tramutato in denaro contante agli sportelli di tutte le stazioni. Dal prossimo cambio orario le FFS adotteranno le disposizioni europee sui rimborsi in caso di ritardo nel traffico internazionale. Per ritardi superiori ai 60 minuti sarà rimborsato il 25 per cento del prezzo del biglietto, oltre i 120 minuti di ritardo il rimborso sarà del 50 per cento."

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 03:35:43 | 91.208.130.86