SVIZZERA
13.10.2016 - 19:280

Un crimine all'anno, viene espulso dopo 24 anni

È successo a un cittadino albanese 42enne, ha fatto ricorso al Tribunale federale che però non gli ha dato ragione

LOSANNA - Il canton Svitto gli aveva revocato il permesso di soggiorno già nel 2014 ma la decisione d'esplusione era stata rimandata al Tribunale federale. Quest'ultimo però, come scrive il Luzerner Zeitung, ha finito per respingerlo.

Dovrà quindi abbandonare la Svizzera un 42 kosovaro che risiede in Svizzera dal 1992. A convincere per il "no" il tribunale di Losanna le 24 condanne penali nei suoi confronti.

Si tratta, come scrive il quotidiano, prevalentemente di violazioni stradali (sono 14) alcune delle quali anche gravi. Per questo motivo l'Ufficio delle Migrazioni competente gli aveva inviato ben due richiami, l'ultimo risaliente al 2011.

Dopodiché ecco la svolta: l'uomo inizia a delinquere seriamente e a macchiarsi di reati di droga, molestie, violenze e ingiurie a pubblico ufficiale accumulando pure debiti per 83¦000 franchi.

Il verdetto del Tribunale federale è quindi categorico: malgrado il lungo soggiorno in Svizzera, «l'integrazione non può considerarsi riuscita». L'uomo lascerà sul suolo elevetico una moglie e tre figli. «La vita famigliare era comunque già compromessa», spiega il comunicato, «i figli inoltre sono abbastanza grandi da poter tollerare un rapporto a distanza con il padre».

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 17:04:41 | 91.208.130.86