BERNA
05.01.2016 - 12:120

Tasso di disoccupazione superiore alla Germania, "tornare al cambio minimo"

L'Unione Sindacale Svizzera lancia l'allarme: disoccupazione in aumento. Nel 2001 i disoccupati erano 100mila, a fine settembre 230.580

BERNA - L'Unione sindacale svizzera (USS) esige misure più incisive per lottare contro la disoccupazione: provvedimenti in particolare a protezione dei lavoratori anziani, ma soprattutto il ritorno a un tasso minimo di cambio franco-euro.

L'abbandono del tasso minimo nel gennaio 2015 da parte della Banca nazionale svizzera (BNS) ha condotto a un aumento della disoccupazione in Svizzera, una evoluzione contraria a quella osservata nel resto d'Europa, ha rilevato oggi a Berna il presidente dell'USS Paul Rechsteiner, presentando nella consueta conferenza stampa annuale gli obiettivi della maggiore confederazione sindacale elvetica.

La disoccupazione - rileva l'USS - ha raggiunto in Svizzera un "triste massimo storico": a fine settembre, il paese contava 230'580 persone senza lavoro, contro circa 100'000 nel 2001. Secondo le statistiche dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO/BIT), la Svizzera ha ormai un tasso superiore alla Germania, cosa che non era finora mai successa dopo la Seconda Guerra Mondiale. Nel 2016 la disoccupazione dovrebbe continuare ad aumentare fino a raggiungere un tasso medio annuo del 3,6% (2015: 3,3%) secondo le previsioni della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Oltre alla sopravvalutazione del franco, i sindacati vedono un'altra causa per la crescita della disoccupazione dagli anni 2000: l'aumento dell'età pensionabile da 62 a 64 anni per le donne e i "peggioramenti delle prestazioni nelle assicurazioni sociali". Insieme avrebbero costretto dalle 90'000 alle 110'000 persone supplementari a cercarsi un lavoro.

Di fronte a questa situazione l'USS presenta una serie di rivendicazioni. Chiede innanzitutto alla BNS di fissare di nuovo un "obiettivo vincolante" per quanto riguarda il tasso di cambio. I datori di lavoro dovrebbero inoltre essere obbligati ad annunciare i posti vacanti agli uffici regionali di collocamento per facilitare ai disoccupati la ricerca di un lavoro. Per i lavoratori anziani è poi necessaria una migliore protezione contro i licenziamenti. Nuovi aumenti dell'età pensionabile sono da respingere, perché "peggiorano i problemi". L'USS ribadisce anche il suo impegno contro le discriminazioni salariali di cui sono vittime le donne e per più contratti collettivi di lavoro.

Il 2016 sarà contrassegnato da due grandi sfide, ha rilevato il presidente Rechsteiner: il mantenimento degli accordi bilaterali con l'Unione europea e la previdenza vecchiaia. Secondo l'USS gli accordi vanno mantenuti. Devono però "andare a vantaggio di tutti i lavoratori", ragione per cui "vanno turate le falle" in fatto protezione di salari e dei posti di lavoro.

Per quanto riguarda la previdenza vecchiaia, l'Unione sindacale ribadisce la richiesta di un aumento del 10% delle rendite AVS, come chiede la sua iniziativa popolare AVSplus. Le due camere del parlamento l'hanno già bocciata a grande maggioranza. Ancora non è noto quando sarà sottoposta al popolo.

Rechsteiner ha anche denunciato l'iniziativa popolare dell'UDC per l'"attuazione dell'espulsione degli stranieri che commettono reati", in votazione il prossimo 28 febbraio, definendola un attacco diretto contro gli stranieri di seconda generazione. Chi commette reati va punito "ma non deve anche perdere in sovrappiù la propria esistenza sociale", ha affermato.

ats 
 

Commenti
 
madras 2 anni fa su tio
Certo grazie a voi gli Svizzeri vengono lasciati da parte mentre voi pur di avere sempre più affiliati, difendete sempre di più stranieri e frontaliri. Bisognerebbe eliminarvi tutti !!!!!!
Danny50 2 anni fa su tio
Povera USS. Adesso si mettono pure a fare gli esperti in economia. Ma andate a nascondervi che e meglio
ilarios 2 anni fa su tio
La Svizzera finora ha tenuto l'occupazione bassa non perché era più bella, ma per le barriere di entrata ai lavoratori esteri. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
LatOscuro 2 anni fa su tio
Chissá quanto sará la disoccupazione dopo la fine dei trattati con l'UE...
Raff71 2 anni fa su tio
Mi piacerebbe proprio sapere quanti sono i frontalieri e gli stranieri che percepiscono la disoccupazione......poi non parliamo dell'AI......ðŸ˜Â­
Iron 883 2 anni fa su tio
@Raff71 se percepiscono la disoccupazione e' perche' l'hanno pagata con le regolari deduzioni salariali. E' un loro diritto, non rubano nulla a nessuno! Quanti frontalieri con lavoro fisso hanno contribuito alla casse della disoccupazione? Non scagliamoci sempre e solo sui frontalieri!
GI 2 anni fa su tio
Forza dirigenza USS: investite in posti di lavoro, siate attivi in ambito del mercato monetario acquistando Euro a tutto spiano vendendo Franchi svizzeri......e non fate pausa per prendervi un caffè o fumare una sigaretta.....e tutto passerà !
Potrebbe interessarti anche
Tags
disoccupazione
tasso
lavoro
uss
svizzera
aumento
unione
sindacale
berna
cambio
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 13:11:37 | 91.208.130.87