Foto upi
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
17 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
23.06.2015 - 14:210
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Spesso sottovalutati i pericoli della bici elettrica

Tra il 2011 e il 2014 il numero dei feriti gravi o dei morti è più che raddoppiato, rileva l'upi

BERNA - Le biciclette elettriche - le cosiddette e-bike - causano sempre più incidenti poiché i pericoli sono spesso sottovalutati secondo l'Ufficio prevenzione infortuni (upi). Tra il 2011 e il 2014 il numero dei feriti gravi o dei morti è più che raddoppiato.

Si tratta di un aumento proporzionale al numero di e-bike in circolazione e al momento non vi sono segnali di un arresto di tale tendenza. L'upi ha perciò deciso di svolgere un'approfondita analisi sulla sicurezza delle biciclette elettriche nella circolazione stradale. Si tratta di uno studio unico nel suo genere in Svizzera che, oltre a una panoramica sullo stato della ricerca, comprende un'analisi degli incidenti, un sondaggio tra i conducenti e un esperimento sulla valutazione della velocità delle e-bike da parte degli altri utenti della strada.

Uno dei risultati emersi colpisce particolarmente: la causa di lesioni gravi nei conducenti di bici elettriche è più spesso attribuibile agli incidenti a veicolo isolato che alle collisioni. Tuttavia, i conducenti sono poco consapevoli di questo rischio.

Anche se non è ancora possibile stabilire il rapporto tra rischio d'infortunio ed e-bike rispetto a quello con la bicicletta normale, dalle analisi emerge che gli incidenti con bici elettrica sono più gravi. Il motivo principale è attribuibile all'età media superiore dei conducenti di biciclette elettriche rispetto a quella dei ciclisti, e dunque alla maggiore vulnerabilità.

Le collisioni si verificano per lo più agli incroci e nelle rotatorie a causa del mancato rispetto del diritto di precedenza delle e-bike da parte dei conducenti di veicoli a motore. La velocità delle bici elettriche viene sottovalutata.

A fine giugno l'upi lancerà una campagna di sensibilizzazione, con manifesti con l'angelo della prevenzione, il barbuto Franky Slow Down, che farà da testimonial.

La versione online dell'analisi sulla sicurezza "E-bike nella circolazione stradale" (in tedesco con riassunto in italiano) può essere scaricata all'indirizzo www.media.upi.ch, dove è inoltre disponibile un filmato sul tema delle e-bike e materiale di immagini sulla campagna e-bike.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:02:56 | 91.208.130.85