TIPRESS
SVIZZERA
08.04.2015 - 09:460
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

"I rom siano maggiormente riconosciuti in Svizzera"

L'appello arriva da diverse organizzazioni umanitarie

BERNA - Diverse organizzazioni umanitarie vogliono maggior rispetto e riconoscimento per i Rom in Svizzera. Oggi, in occasione della giornata internazionale dedicata a questa minoranza etnica, chiedono al Consiglio federale di dar loro un miglior accesso alla partecipazione politica e di accordare ai nomadi stranieri più spazi di transito.

Le minoranze come Jenisch, Sinti e Rom continuano ad essere stigmatizzate nella politica e nei media, viene indicato in una lettera aperta alla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, pubblicata oggi. I Rom subiscono anche la cosiddetta "profilazione razziale" da parte della polizia. Questa coalizione di organizzazioni vuole quindi contrastare tale tendenza.

La maggior parte degli 80-100 mila Rom che vivono su suolo elvetico possiede un passaporto svizzero. Nonostante ciò sono assenti dalle istanze politiche, criticano le ONG.

La coalizione di organizzazioni è invece soddisfatta dell'istituzione da parte della Confederazione di uno speciale gruppo di lavoro per discutere della carenza di spazi per il soggiorno e il transito dei gitani.

La lettera aperta è stata firmata, tra le altre, anche da Amnesty International e da Caritas.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 17:33:53 | 91.208.130.87