tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO E VIDEO
ZURIGO
3 ore
L'ultimo saluto a Kuhn: «Grazie per tutto, Köbi»
La Svizzera calcistica, ma non solo, ha reso omaggio a Zurigo all'ex selezionatore nella Nazionale. Magnin: «Era un uomo del popolo». Frei: «Una leggenda»
GINEVRA
3 ore
Arrestato il deputato Simon Brandt
L'accusa è "violazioni del segreto d'ufficio"
TURGOVIA
5 ore
Frontale fra un camion e un trattore
I due conducenti hanno riportato solo lievi ferite
SVIZZERA
5 ore
Il Consiglio federale in breve
Ecco il riassunto di tutte le decisioni prese dal Governo nella giornata odierna
SVIZZERA
6 ore
Torturati e uccisi per soldi, prigione a vita per un 30enne
Nel 2016, l'uomo, con la complicità della moglie e di un garagista, tolse la vita a un 36enne e a un 25enne
SVIZZERA
6 ore
Il canone per le imprese è anticostituzionale
Per il Tribunale amministrativo federale la classificazione in sei livelli tariffari è troppo indifferenziata
VAUD
7 ore
Vaud mette al bando le antenne 5G
Il Consiglio di Stato ha deciso di confermare il divieto finché la Confederazione metterà a disposizione strumenti che consentano ai cantoni di verificare i valori limite delle radiazioni
VALLESE
7 ore
Assalto al bancomat, si cercano tre scassinatori
Il fatto è accaduto a Leytron
SVIZZERA
7 ore
Sotto il Cupolone non si balla il valzer
Dopo la rielezione dell'intero Consiglio federale, non ci saranno cambiamenti nemmeno alla testa dei vari dipartimenti
ZURIGO
8 ore
La savana dello zoo accoglie quattro rinoceronti bianchi
Il nuovo spazio verrà inaugurato il 9 aprile. Vi troveranno casa anche giraffe, zebre, struzzi, suricati e iene
SVIZZERA
8 ore
Condannato per aver nascosto i vestiti di un'amica in sauna
La motivazione è che la querelante è stata costretta a camminare nuda nella "Sauna-Studio-Tanzlokal"
SVIZZERA
8 ore
Amministrazione federale: più viaggi in treno al posto dell'aereo
È la strategia adottata dal Consiglio federale per ridurre del 30% entro il 2030 le emissioni di CO2 causate dai voli
BERNA
27.10.2014 - 10:170
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Aiuto per i figli degli alcolisti

Il problema riguarda decine di migliaia di bambini In Svizzera

LOSANNA - In Svizzera sono parecchie decine di migliaia i bambini e le bambine che soffrono - per lo più in silenzio - a causa dell'alcoldipendenza dei loro genitori. Con una campagna nazionale negli uffici postali, Dipendenze Svizzera vuole attirare l'attenzione del pubblico sulla loro difficile situazione. Da tempo Dipendenze Svizzera elabora e promuove offerte a sostegno dei bambini e dei loro genitori.

Boby dà una voce a questi bimbi: il cagnolino protagonista dell'omonimo libro per bambini pubblicato da Dipendenze Svizzera è la mascotte dei figli degli alcolisti. A partire da oggi i clienti degli uffici postali riceveranno un cagnolino di peluche. Lo scopo è sensibilizzare la popolazione sulla situazione di questi piccoli e raccogliere fondi a loro favore. L'azione, organizzata negli uffici postali di medie e grandi dimensioni di tutta la Svizzera durerà due settimane.

Il problema riguarda decine di migliaia di bambini In Svizzera sono decine di migliaia i bambini che crescono con un genitore alcolista. La loro vita di famiglia è spesso caratterizzata da tensioni e instabilità. Se il papà o la mamma bevono, a casa praticamente tutto ruota intorno all'alcol. Spesso vengono a mancare la fiducia e la sicurezza e i bambini devono assumersi responsabilità troppo pesanti per la loro età. Essi cercano di sgravare i loro genitori, ma nel contempo si sentono impotenti e soli, come Tina, 9 anni, che afferma: "Cerco sempre di nascondere le bottiglie, in modo che la mamma non beva troppo, ma non riesco mai a trovarle tutte e così la mamma si ubriaca lo stesso». Molti di questi bambini si sentono colpevoli dei problemi che la loro mamma o il loro papà hanno con l'alcol. Inoltre soffrono per il fatto di non poterne parlare né in famiglia né al di fuori. Non di rado questi bimbi sono testimoni se non addirittura vittime di violenza e aggressioni.

Rompere il circolo vizioso - Da diversi studi è emerso che i figli degli alcolisti corrono un rischio sei volte maggiore di sviluppare a loro volta una dipendenza o altri problemi psichici. Tuttavia, con il dovuto sostegno sono perfettamente in grado di sviluppare una personalità sana. È quindi molto importante offrire aiuto per tempo sia ai bambini che ai loro genitori, cosa che Dipendenze Svizzera fa già da parecchio tempo, promuovendo per esempio dei gruppi di discussione, dove i bambini possono scambiare esperienze, o il sito www.mamatrinkt.ch / www.papatrinkt.ch / www.mamanboit.ch / www.papaboit.ch, che offre ai bambini e ai ragazzi un forum di discussione. Inoltre, Dipendenze Svizzera mette a disposizione dei diretti interessati e dei professionisti parecchio materiale informativo. A ciò si aggiungono i corsi per gli specialisti del settore sociale, della formazione e della sanità, affinché i bambini toccati dal problema possano essere identificati per tempo e, se del caso, indirizzati verso le offerte d'aiuto. Il prossimo corso si terrà i prossimi 6 e 7 novembre ad Aarau.

Dipendenze Svizzera vuole rompere il silenzio Per un alcolista è doppiamente difficile ammettere a se stesso che il suo problema non fa soffrire solo lui, ma anche i suoi figli. A causa del senso di colpa e di vergogna, i genitori faticano a dire che si sentono sopraffatti dal problema. Le difficoltà a casa restano così un segreto di famiglia. Il fatto, però, è che sin da piccoli i bambini percepiscono le tensioni: spesso non capiscono esattamente la situazione e proprio per questo motivo soffrono ancora di più. È quindi necessario parlarne apertamente. Se l'opinione pubblica viene sensibilizzata su questo tema, per i genitori alcolisti risulterà più facile accettare che la loro dipendenza è una malattia e cercare aiuto per sé e per i loro figli.

Impegno per le famiglie con problemi di alcol - Dipendenze Svizzera si impegna in maniera mirata per i diretti interessati e i loro figli. Come?

- Sensibilizzazione e corsi: Dipendenze Svizzera organizza corsi per i centri di prevenzione delle dipendenze e di consulenza in materia di dipendenze, nonché per altri specialisti, affinché sappiano riconoscere i bambini a rischio che crescono con genitori dipendenti e possano indirizzarli verso le offerte d'aiuto disponibili. Il prossimo corso si terrà il 6 e il 7 novembre ad Aarau. Tra le offerte per gli specialisti rientra anche la piattaforma nazionale di scambio e aggiornamento.

 


Trovate ulteriori informazioni su

http://www.suchtschweiz.ch/suchtbelastete-familien /

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-13 22:29:25 | 91.208.130.85