Svizzera
18.12.2005 - 18:490
Aggiornamento : 13.10.2014 - 14:02

Giovani socialisti: abolire esercito, non riformarlo

ZURIGO - In occasione dell'assemblea dei delegati svoltasi a Zurigo, i Giovani socialisti svizzeri (GSS) hanno adottato un documento che chiede l'abolizione dell'esercito, e l'introduzione da subito della libera scelta fra servizio civile e militare. D'altro canto la sezione giovanile del PS ha deciso di appoggiare il referendum contro la revisione della legge sugli satranieri.

Fino a quando la maggioranza dei votanti sostiene l'esercito, bisogna per lo meno eliminare la discriminazione nei confronti di chi presta il servizio civile, sottolinea un comunicato odierno. Inoltre occorre abolire la giustizia militare e l'impiego dell'esercito per compiti di sicurezza interna.

Oltre alla richiesta dell'abolizione delle forze armate, decisa dopo una discussione "lunga e appassionante", i GSS vogliono pure la creazione di un servizio civile per la pace, di un soccorso civile in caso di catastrofi, l'aumento consistente dei mezzi a favore della ricomposizione civile dei conflitti e il divieto di esportazione di materiale da guerra.

I giovani socialisti sono contrari ad ogni professionalizzazione dell'esercito, che - soottolineano - deve essere eliminato e non riformato, come proposto nel maggio scorso dal Partito socialista svizzero.



ATS
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 16:36:19 | 91.208.130.86