Segnala alla redazione
HAN X./PENG S
BENCIC B./KENIN S.
19:35
 
KUDERMETOVA V. (RUS)
1
BENCIC B. (SUI)
2
fine
(4-6 : 6-4 : 6-7)
Davos
Berna
19:45
 
Friborgo
Zugo
19:45
 
Losanna
Langnau
19:45
 
HAN X./PENG S
0 - 0
19:35
BENCIC B./KENIN S.
WTA-D
DOHA QATAR
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 19:29
KUDERMETOVA V. (RUS)
1 - 2
fine
4-6
6-4
6-7
BENCIC B. (SUI)
4-6
6-4
6-7
WTA-S
DOHA QATAR
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 19:29
Davos
LNA
0 - 0
19:45
Berna
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 19:29
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Zugo
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 19:29
Losanna
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 19:29
Keystone/Tipress, archivio
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
50 min
«Io, Roger e Nadal abbiamo un gruppo WhatsApp»
Lo ha rivelato il serbo: «Cerchiamo di aiutarci l'uno con l'altro»
TENNIS
53 min
La Bencic vince un'intensa battaglia
Superati i 1/16 di finale del torneo di Doha: battuta 6-4, 4-6, 7-6(4) la russa Veronika Kudermetova
NAZIONALE
3 ore
Petkovic è carico: «Cari tifosi, sono fiero di continuare questa avventura con voi»
Il presidente Blanc: «Non ha mai fallito la qualificazione ai grandi tornei e ha dato una certa continuità ai risultati»
NAZIONALE
4 ore
Petkovic-Svizzera: si continua
Il 56enne selezionatore, in sella dal 2014, rimarrà sulla panchina della Nazionale almeno fino al 2022
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Reclamo respinto, Cadonau non gioca
Confermata la squalifica per il difensore del Langnau, che non sarà in pista a Losanna
NAZIONALE
7 ore
E la Svezia ci è andata una volta ancora di traverso...
Grande gioia per l'argento conquistato o enorme delusione per l'oro mancato? Chiedetelo ai finalisti del Mondiale 2018
HCL
10 ore
Playoff sì, playoff no: Lugano, sono giorni di fuoco
Regna ottimismo, ma non troppo. Parola a Bottani, Gautschi, Cantoni e Conne
NHL
10 ore
Merzlikins getta la spugna
Nella notte il portiere dei Columbus Blue Jackets è stato sostituito per infortunio
NATIONAL LEAGUE
10 ore
Aurélien Marti simula: multato
Il difensore del Gottéron ha ricevuto un'ammenda di 800 franchi
TENNIS
10 ore
Wawrinka: primo turno dolce ad Acapulco
In Messico il vodese ha superato in tre set l'americano Tiafoe
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Giocano le altre, il Lugano guarda e "gufa"
Questa sera saranno in pista Friborgo, Losanna e Berna, le rivali che potrebbero estromettere i bianconeri dai playoff
UN DISCO PER L'ESTATE
22.08.2019 - 07:010
Aggiornamento : 13:31

«C'erano tifosi che ballavano dentro la galleria del San Bernardino»

Jörg Eberle ha raccontato qualche aneddoto "ticinese": «Il più forte? Johansson, ma che linea insieme a Ton e Lüthi»

LUGANO - Negli ultimi trent'anni sono passati tanti campioni da Lugano e uno di questi è sicuramente Jörg Eberle. 

Nella sua carriera l'ex attaccante ha avuto il merito di vincere la bellezza di sette campionati svizzeri: due con il Davos (1984 e 1985), quattro con i bianconeri (1986, 1987, 1988 e 1990) e uno con lo Zugo (1998). Oltre a questo l'attuale 57enne è il giocatore che ha realizzato più gol nella storia del Lugano. In 13 stagioni ha infatti siglato 288 reti (253 in regular season e 35 nei playoff) per un totale di 450 punti complessivi in 488 partite. Nella massima serie svizzera i punti sono invece 620 in 728 incontri disputati. «Nella mia carriera ho spesso avuto la fortuna di trovarmi al posto giusto nel momento giusto», ha analizzato proprio Eberle. «A Lugano siamo riusciti a formare un grande gruppo e abbiamo vinto tanto. Sono dell'idea che per riuscire a togliersi le proprie soddisfazioni bisogna restare con i piedi per terra quando le cose vanno bene e non demoralizzarsi troppo quando invece non si raggiungono gli obiettivi desiderati. Grazie a questa filosofia sono anche riuscito a rialzarmi più in fretta quando vivevo una situazione negativa». 

Qual è il tuo ricordo più bello in bianconero? «Ne ho moltissimi, ma vincere il primo campionato della storia della società nel 1986 è stato speciale e davvero emozionante. Eravamo a Davos e al nostro rientro in Ticino migliaia di tifosi ci stavano aspettando in una Resega strapiena. È stata una festa incredibile che ricorderò per tutta la vita. Ed è anche impossibile dimenticare i nostri supporters giunti nei Grigioni che - dopo il match - ballavano e festeggiavano dentro la galleria del San Bernardino. Il ricordo più brutto? È stata dura lasciare Lugano e sarei rimasto, ma è stata unicamente una scelta concernente il mio futuro professionale».

Chi è il giocatore più forte con cui hai giocato? «Sicuramente Kenta Johansson. A quei tempi era il giocatore ideale per il nostro campionato, nettamente più decisivo rispetto a mostri sacri come Mats Waltin o Mats Näslund che erano già affermati in NHL. Per quanto riguarda gli svizzeri invece dico Andy Ton e Fredy Lüthi, visto che abbiamo formato una linea svizzera temibile e vincente. Avevamo tutti e tre più o meno la stessa età e ci siamo tolti molte soddisfazioni. Il difensore più ostico? Reijo Ruotsalainen aveva un pattinaggio incredibile e non lo superavi tanto facilmente anche se, essendo molto offensivo, ti dava la possibilità di "fregarlo" partendo in contropiede».

Eberle ha anche difeso i colori rossocrociati per una quindicina d'anni e con la Nazionale ha disputato sette Mondiali "B", quattro Mondiali "A" e due edizioni dei Giochi Olimpici, ma non ha mai avuto l'occasione di volare oltre oceano. «Mi sarebbe ovviamente piaciuto provarci, ma ai nostri tempi la NHL sembrava un obiettivo irraggiungibile. Sono comunque dell'idea che ogni epoca ha i suoi pregi e i suoi difetti. Nella generazione precedente per esempio c'erano campioni come Alfio Molina che erano obbligati ad avere una professione parallela, poiché i salari degli sportivi svizzeri non erano all'altezza. Uno come lui, se fosse nato qualche anno dopo avrebbe guadagnato un sacco di soldi. Quando però ha smesso di giocare è riuscito a mantenere il suo lavoro fino alla pensione, mentre altri dopo di lui, malgrado avessero un bel salario sono finiti male».  

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Commenti
 
RobediK71 6 mesi fa su tio
Non toccate Maradona ai napoletani ...
BarryMc 6 mesi fa su tio
Grande uomo e grande campione! È stato un piacere averlo con noi e vederlo per anni trascinare il nostro squadrone. Ragazzo umile e semplice, non si è mai montato la testa. Dice il vero quando parla del mitico Alfio, ma pure lui, fosse nato con questa generazione emergente, sarebbe sicuramente arrivato in NHL. Non gli mancava nulla, fisico, testa, tecnica, tutto nel suo bagaglio. Grandi pure Fredy ed Andy e ...molti altri di quella squadra che ci ha regalato momenti da pelle d'oca ed indimenticabili!!!! GRAZIE!
bobà 6 mesi fa su tio
@BarryMc verissimo!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 19:32:36 | 91.208.130.86