Red Bull Salzburg
2
Eintracht Frankfurt
2
fine
(1-1)
Ambrì
1
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
Berna
0
Friborgo
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Bienne
2
Zurigo
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Lakers
1
Lugano
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Zugo
3
Langnau
1
2. tempo
(2-1 : 1-0)
Ajoie
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-1 : 0-0)
Kloten
0
GCK Lions
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Visp
1
Turgovia
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
Olten
0
Langenthal
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Keystone
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
4 min
Laver Cup, Federer ci sarà: «Mi aspetto un'atmosfera incredibile»
Il fuoriclasse renano darà come di consueto manforte al Team Europe: «Non vedo l'ora di giocare a Boston»
EUROPA LEAGUE
32 min
Per il Basilea c'è l'Eintracht Francoforte
I tedeschi del rossocrociato Djibril Sow hanno eliminato il Salisburgo nei 1/16 di finale
CHAMPIONS LEAGUE
47 min
«Sarrismo-Ronaldo? Feeling impossibile»
Emanuele Giaccherini, dopo il ko in Champions contro il Lione, ha detto la sua sulla Juventus
EUROPA LEAGUE
1 ora
«Sicurezza, ma nessuna angoscia»
Giorgio Marchetti, segretario generale dell'UEFA, ha parlato della questione coronavirus a margine del sorteggio di Nyon
SUPER LEAGUE
3 ore
Coronavirus, stop al calcio: «Decisione condivisa»
Lugano: Michele Campana e Maurizio Jacobacci sono intervenuti in un'inedita conferenza stampa
EUROPA LEAGUE
7 ore
Il Basilea deve attendere. Spiccano Roma-Siviglia e Inter-Getafe
Si è tenuto il sorteggio degli 1/8 di finale di Europa League. Le partite sono in programma il 12 e il 19 marzo
NATIONAL LEAGUE
7 ore
Lugano: ti giochi i playoff!
O dentro o fuori: i bianconeri affrontano Rapperswil e Ambrì. Con sei punti la squadra di Pelletier sarebbe qualificata
SUPER LEAGUE/CHALLENGE LEAGUE
8 ore
Il calcio si ferma: rinviate tutte le sfide del weekend
La SFL, per far fronte alla diffusione del coronavirus, ha deciso di rinviare tutte le partite in programma
NATIONAL LEAGUE
9 ore
Coronavirus: tutte le partite si svolgeranno a porte chiuse
Stop alle manifestazioni con più di 1'000 persone. Tutto lo sport fa i conti con il diffondersi del coronavirus
SCI ALPINO
11 ore
Vince il maltempo: annullata la combinata a Hinterstoder
La prova, in programma nella località austriaca, non si disputerà a causa del maltempo
TENNIS
11 ore
Wawrinka s'inchina a Dimitrov
Il vodese, impegnato nei quarti di finale del torneo di Acapulco, è stato sconfitto in due set
NATIONAL LEAGUE
12 ore
«Gioco e sostanza ci hanno tenuti in vita»
Tra luci e ombre il Bienne di Fuchs è già certo di un posto nella top-8: «La società ha sempre sostenuto Törmänen»
BB/BN BEST EVER
13.07.2017 - 12:020
Aggiornamento : 19:07

Nessun segreto e scommesse vinte: «Fummo anche criticati, ma...»

Un titolo speciale e indimenticabile conquistato "di prepotenza" sul ghiaccio dei cugini: Jean-Jacques Aeschlimann racconta la stagione 98/99 del suo Lugano

LUGANO - Conquistato alla Valascia nel lunedì di Pasqua del 1999, il quinto titolo del Lugano, "strappato" ai cugini, fa ancora luccicare gli occhi a tutti i tifosi bianconeri. Jean-Jacques Aeschlimann, che in riva al Ceresio ha giocato ben 14 stagioni, è stato uno dei grandi protagonisti di quella storica cavalcata.

«Eravamo un gruppo affiatato, creato sapientemente da Koleff per arrivare fino in fondo - spiega Aeschlimann - C’erano giocatori “maturi”, d'esperienza, che sapevano come curarsi e prepararsi: c’erano anche diversi padri di famiglia e fin da subito ci fu una bella intesa».

In stagione il Lugano non incantò, chiudendo comunque al terzo posto, ma nei playoff risultò poi intrattabile. «Vero. Mediaticamente ci fu rimproverato che giocavamo un hockey poco attrattivo, molto speculativo. Personalmente scrissi una lettera ai media per spiegare la validità del nostro sistema, ideale per arrivare al top nel momento giusto e gestire il carico dei playoff con partite ogni due giorni. All’epoca venni un po’ deriso, ma poi l’analisi si rivelò giusta…». 

Tra i pali ci fu l’innesto di un giovane portiere francese, un certo Cristobal Huet… «Un’altra scommessa vinta da Koleff e dalla società. Fu determinante in molte fasi del campionato. Lugano è stato il trampolino di lancio della sua carriera, tuttora in corso… Anche la scelta di Gates Orlando fu azzeccata… parlano i fatti».

Le chiavi della difesa erano invece affidate al "Vichingo" Peter Andersson. «Aveva tantissimo tempo di ghiaccio, in squadra ci scherzavamo. Dicevamo che la ruota della fortuna, dei “numeri” di Koleff, si fermava sempre sul suo… Giocava tanto, ma produceva anche. Si sapeva gestire al meglio ed era costante».

Che ricordi hai di Jim Koleff? «Lo ritengo uno dei migliori allenatori che ho avuto, soprattutto per il modo in cui preparava la squadra e analizzava le partite. Per noi nessuna squadra aveva segreti. Insieme al suo staff svolgeva un lavoro di analisi incredibile e questo ci dava certezze, sicurezza. A questo proposito ho un aneddoto: nella famosa finale contro l’Ambrì, in gara-1 vinta ai penalty, Huet sapeva già esattamente cosa avrebbero fatto i vari Petrov e Di Pietro… Sono convinto che tutta questa preparazione sia stata il punto più importante di quell’annata».

Piegato il Davos in 6 partite - prendendosi anche la rivincita della stagione precedente -, lo Zugo (campione in carica) addirittura in 5, nella finalissima il Lugano cancellò i sogni biancoblù (4-1). «In principio, contro il Davos, ci sottovalutarono: alcune partite andarono all’overtime o ai rigore e, vista la nostra età media, credevano che con il passare delle partite ci saremmo spompati. Ed invece, di energie ne avevamo eccome. La finale poi fu qualcosa di incredibile, da oltre Gottardo ci hanno sempre invidiato la magia dei derby. Quella finale è stata la festa dell’hockey ticinese. Vincere, per il club e i tifosi, è stato pazzesco. Personalmente, trattandosi del mio primo titolo, è stato speciale e straordinario».

In finale si trattava di battagliare contro l’Ambrì dei record. Come arrivaste a quella serie? «Non c’era paura, poiché conoscevamo i mezzi a nostra disposizione, ma rispetto, soprattutto per il calibro offensivo dell’Ambrì. Avevamo già impostato la stagione basandoci sulla difesa e sulla compattezza a tutta pista, rispettando le consegne di Koleff. Sapevamo che per vincere contro l’Ambrì di Petrov, Di Pietro&Co avremmo dovuto incassare innanzitutto poche reti… e così è stato».

Qual è stato secondo te il Lugano più forte: quello del 2005/06 o quello del 1998/1999? Rispondi votando nel sondaggio

Commenti
 
Ivan Tti 2 anni fa su fb
Punto 1 non abbiamo cugini...tutta una cosa a parte L' hcl e'nato nel 41 a parte e non fu una divisione dirigenziale come tra Milan ed Inter. 2 d'ora che i p88 capiscano che arrivare primi in ES non vuol dire essere i migliori ed essere campioni,I play off sono una cosa a parte , lo so che capire il concetto risulta difficile a qualcuno visto le scarpe volte che hanno raggiunto i play off......3 STO ANCORA GODENDOOOOOOOOOOOO
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 20:43:39 | 91.208.130.89