ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
17 min
Berthon continua a Ginevra
Rinnovo per il 27enne attaccante, che rimarrà un'Aquila fino al 2022
TENNIS
35 min
Nadal chiude in vetta: agganciati Federer e Djokovic
Il mancino di Manacor, per la quinta volta in carriera, chiuderà l'anno in testa al ranking Mondiale
FORMULA 1
1 ora
Disastro Ferrari: «Daremo un segnale forte ai piloti»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Sono errori che si pagano come immagine e come squadra: non va bene». Nel frattempo la FIA chiude la vicenda: «Nessun colpevole»
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Il Berna perde Justin Krueger
Il difensore 33enne starà ai box per un periodo di tempo indeterminato
HCAP
4 ore
Ad Ambrì il massimo (per ora) non basta
L'ultimo posto in classifica è un risultato preoccupante per una squadra che già sta spingendo il piede sull'acceleratore
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Il Davos presta Meyer allo Zugo
L'attaccante 22enne rinforzerà i Tori fino a Natale. Nel frattempo, in casa Zugo, da segnalare anche l'infortunio di Leonardo Genoni
HCL
7 ore
Crisi-Lugano? No, però è tempo di riconoscere ed evitare gli errori
"Mollati" dagli attaccanti che hanno tirato la carretta per settimane, i bianconeri faticano a segnare. Tocca a Kapanen trovare una soluzione, anche magari rivedendo la sua filosofia
NAZIONALE
9 ore
Svizzera, il compitino a Gibilterra e poi la festa
Alla Nazionale basterà raccogliere un punto contro una selezione modesta per garantirsi la partecipazione all'Europeo
FORMULA 1
16 ore
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
BB/BN BEST EVER
15.06.2017 - 10:260
Aggiornamento : 23:18

Beat Kaufmann sul primo titolo vinto a Lugano nel 1986: «Fu qualcosa di unico»

L'attuale capo degli arbitri della Lega Nazionale fu il capitano del Lugano che 31 anni fa vinse il suo primo titolo

LUGANO - Fu il capitano di quel Lugano che, durante la stagione 1985-86, conquistò il primo titolo della sua storia. Il ricordo è ancora vivissimo nella sua mente, d'altronde come si fa a dimenticare l'emozione di una gioia così grande?

Insieme al mago John Slettvoll e al cecchino Kent Johansson (92 punti in 40 incontri), Beat Kaufmann riuscì a "guidare" un gruppo sino al successo. I bianconeri dominarono la Regular Season per poi schiacciare i propri avversari anche durante i playoff. Quella squadra si rivelò semplicemente di un altro pianeta rispetto alla concorrenza. 

Arrivato in riva al Ceresio nel 1983, l'oggi capo degli arbitri della nostra Lega Nazionale nella sua carriera di giocatore ha vinto sei volte il titolo di campione svizzero (4 volte con il Berna e 2 con il Lugano).

Beat, cosa ti ricordi di quella cavalcata?
«È passato un po' di tempo, ma i ricordi sono ancora vivi. Non si possono scordare quei momenti, visto che si trattò del primo titolo. Non ci aspettammo quel successo ed è per questo che l'emozione fu ancora più grande. Io non ho vissuto tutti i titoli vinti a Lugano, ma penso che quello dell'86 fu un qualcosa di unico e di molto particolare».

Fu un successo targato John Slettvoll?
«Io giunsi a Lugano nel 1983, lo stesso anno in cui arrivò anche John Slettvoll. Facemmo un grosso passo avanti con lui. Quella fu anche la fase dell'introduzione dell'hockey professionistico e questo va sottolineato. Fu l'inizio di un hockey nuovo, diverso». 

Cosa cambiò John Slettvoll nel Lugano e in generale nell'hockey svizzero?
«Diciamo che negli anni precedenti a Berna fummo molto autodidattici. Da questo punto di vista invece Slettvoll cambiò molto. Con lui si trovò sempre una soluzione a tutto, non ci fu mai una mia mia domanda o un mio dubbio a cui non riuscii a trovare risposta. Gli allenamenti cambiarono completamente e John introdusse molta più tattica».

Beat Kaufmann fu il capitano di quel Lugano.
«Anche a Berna ricoprii questo ruolo per diverse stagioni e probabilmente ebbi questa capacità di aiutare e unire il gruppo. Cercai di far capire che uno da solo non poté andare da nessuna parte. Da questo punto di vista ancora oggi è così». 

Infine due parole sul cecchino Kent Johansson...
«Ai tempi era un giocatore particolare. Non praticava un hockey visibile e spettacolare, ma il suo gioco era estremamente efficace. Tutti potevano contare su di lui e quando un compagno non aveva più forze, oppure non ce la faceva più Kent riusciva sempre a tirar fuori ancora qualcosa da ogni singolo elemento. Non era per nulla arrogante, ma di certo non era un giocatore di tante parole». 

Quale Lugano è stato più forte, quello del 1985/86 o del 2015/16? Rispondi votando nel sondaggio.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 16:05:52 | 91.208.130.87