VEGAS Knights
0
NY Rangers
5
fine
(0-2 : 0-2 : 0-1)
CHI Blackhawks
3
ARI Coyotes
3
overtime
(3-1 : 0-2 : 0-0 : 0-0)
EDM Oilers
2
BUF Sabres
2
2. tempo
(0-2 : 2-0)
VEGAS Knights
NHL
0 - 5
fine
0-2
0-2
0-1
NY Rangers
0-2
0-2
0-1
 
 
11'
0-1 PANARIN
 
 
12'
0-2 KREIDER
 
 
28'
0-3 TROUBA
 
 
31'
0-4 FAST
 
 
56'
0-5 ZIBANEJAD
PANARIN 0-1 11'
KREIDER 0-2 12'
TROUBA 0-3 28'
FAST 0-4 31'
ZIBANEJAD 0-5 56'
Ultimo aggiornamento: 09.12.2019 03:38
CHI Blackhawks
NHL
3 - 3
overtime
3-1
0-2
0-0
0-0
ARI Coyotes
3-1
0-2
0-0
0-0
1-0 TOEWS
1'
 
 
2-0 DEBRINCAT
9'
 
 
 
 
11'
2-1 FISCHER
3-1 KUBALIK
18'
 
 
 
 
27'
3-2 GARLAND
 
 
29'
3-3 SODERBERG
1' 1-0 TOEWS
9' 2-0 DEBRINCAT
FISCHER 2-1 11'
18' 3-1 KUBALIK
GARLAND 3-2 27'
SODERBERG 3-3 29'
Ultimo aggiornamento: 09.12.2019 03:38
EDM Oilers
NHL
2 - 2
2. tempo
0-2
2-0
BUF Sabres
0-2
2-0
 
 
5'
0-1 OKPOSO
 
 
11'
0-2 LARSSON
1-2 SHEANAH
29'
 
 
2-2 NYGARD
36'
 
 
OKPOSO 0-1 5'
LARSSON 0-2 11'
29' 1-2 SHEANAH
36' 2-2 NYGARD
Ultimo aggiornamento: 09.12.2019 03:38
ULTIME NOTIZIE Sport
SERIE A
4 ore
Tre punti per il Milan a Bologna
Rossoneri vittoriosi al Dall'Ara per 3-2
STOP AND GO
5 ore
Punti e fiducia (rinnovata): avanti con Kapanen. Ambrì tra sorrisi e rimpianti
In una settimana delicata, quella dove si decidevano le sorti del coach, il Lugano ha raccolto 6 punti. Tante note positive per i biancoblù (e qualche problema in powerplay). Il Berna si è risvegliato
SCI ALPINO
5 ore
Tommy Ford... Gigante
A Beaver Creek lo statunitense ha vinto la sua prima gara di CdM davanti ai norvegesi Kristoffersen e Nestvold-Haugen. Nono Gino Caviezel
SCI ALPINO
7 ore
Gut-Behrami, altro boccone amaro. Corinne Suter sul podio
Il super G di Lake Louise è andato alla Rebensburg davanti all'italiana Delago e alla svittese. Solo 12esima la ticinese, attardata di 1''28
SCI ALPINO
8 ore
Ford comanda a Beaver Creek, out Odermatt
Lo statunitense è in testa dopo la prima manche del Gigante. Il migliore degli elvetici è Murisier, momentaneamente nono
BASKET
8 ore
Vince e convince il Massagno, cade il Lugano
Gli uomini di Gubitosa si sono imposti 91-77 sugli Starwings. Tigers ko sul parquet dello Swiss Central (107-102)
HCAP
9 ore
L’Ambrì mostra i muscoli e piega i Tori all’overtime
I biancoblù hanno superato 3-2 lo Zugo grazie ad una prova di sacrificio e carattere. Decisiva la rete di Zwerger al supplementare
SUPER LEAGUE
9 ore
San Gallo da sballo. Fanno la voce grossa anche Servette e Basilea
In trasferta i biancoverdi, terzi a -2 dalla capolista YB, hanno piegato 4-1 il Thun. I granata hanno liquidato lo Zurigo (5-0), mentre i renani hanno strapazzato il Sion (4-0)
SERIE A
10 ore
Balotelli rialza il Brescia
Importante successo esterno per gli uomini di Corini: SPAL sconfitta 1-0. Il Torino piega la Viola (2-1) e inguaia Montella. 2-2 tra Sassuolo e Cagliari
SERIE A
12 ore
Quattro gol e due espulsioni: pari pirotecnico al "Via del Mare"
Lecce e Genoa hanno impattato 2-2 nel lunch-match della 15esima giornata di Serie A
HCL
13 ore
Lugano interessato a McIntyre?
I bianconeri starebbero valutando la possibilità di portare in Ticino l'attaccante dello Zugo
NATIONAL LEAGUE
16 ore
Carica su Jörg: Noreau sotto la lente
È stata aperta una proceduta ordinaria nei confronti del difensore dello Zurigo
FORMULA 1
16 ore
«Vettel e Leclerc? Ogni anno vedo piloti che si sbattono fuori a vicenda»
Fernando Alonso si è espresso in merito alla F1 in generale: «La reputazione si basa sui fatti. Mi viene in mente quando lasciavo la scia a Monza per spirito di collaborazione»
MOTO GP
19 ore
«Lorenzo era duro con tutti. Valentino Rossi? Stava per lasciarci»
Lin Jarvis ha parlato dei suoi due pupilli dei tempi d'oro: «Necessitavamo di qualcuno con un talento straordinario e l'istinto assassino»
SERIE A
1 gior
La Lazio piega la Juventus e l'Inter... allunga!
La compagine biancoceleste si è imposta 3-1 sui bianconeri
SCI ALPINO
1 gior
Vince la Schmidhofer, Lara è (solo) 27esima
La sciatrice austriaca si è imposta davanti a Mikaela Shiffrin e a Francesca Marsaglia
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Il Berna è rinato: terzo successo di fila per gli Orsi
La squadra della Capitale ha prevalso 4-2 contro il Friborgo. Nello stesso tempo vittorie anche per Davos, Rapperswil e Zugo
HCL
1 gior
Il Lugano rialza la testa e stende la capolista Zurigo
I bianconeri dimenticano la sconfitta di Langnau superando con una prova di carattere i forti Lions. 3-1 il risultato
AUTOMOBILISMO
30.07.2018 - 17:170
Aggiornamento : 18:57

Sesta posizione e punti preziosi per Marciello

Il pilota di Caslano è in vetta alla classifica Blancpain Endurance

SPA-FRANCORCHAMPS (Belgio) - Dopo l’eccelsa prestazione dello scorso anno, dove ricordiamo Raffaele Marciello ha guidato per ben quattordici ore concludendo la gara in terza posizione assoluta, ha avuto luogo la 70esima edizione della Total 24H di Spa-Francorchamps. In questa occasione il pilota di Caslano ha preso parte alla storica competizione come portacolori AMG a bordo della Mercedes-AMG GT3 numero 88 del Team AKKA-ASP, insieme ai compagni Daniel Juncadella e Tristan Vautier.

Le aspettative per questa edizione erano davvero elevate, considerando la vittoria sfumata nel 2017 a poco più di un’ora dal termine. Il pacchetto squadravettura-piloti è di tutto rispetto ma, come sempre, in una gara di così lunga durata è difficile fare pronostici, essendo numerose le variabili in gioco: il meteo, le neutralizzazioni di gara, i pit-stop azzeccati nel momento più opportuno che possono far guadagnare secondi molto importanti in una competizione che si gioca sul filo dei decimi, anche dopo ventiquattro ore di gara.

Mercoledì i motori si sono accesi esclusivamente per la tradizionale parata che raccoglie migliaia di appassionati lungo il centro storico della cittadina di Spa mentre le vetture da corsa sfilano per le vie. Giovedì è stata la giornata più lunga: si è iniziato con le prove libere, dove la vettura numero 88 non ha montato gomma nuova ed ha preferito lavorare sul set-up in vista della durata dello stint e non della prestazione assoluta; il risultato è stato una macchina ben guidabile ma molto molto più lenta delle case concorrenti sui lunghi tratti veloci del circuito Belga. Medesimo è stato il responso durante la sessione di pre-qualifiche dove non si è riusciti ad andare oltre alla quattordicesima posizione assoluta, su ben sessantacinque vetture iscritte, osservando impotenti lo stradominio di BMW, Audi, Aston Martin e Porsche. Nel tardo pomeriggio di Giovedì, sono andate in scena le qualifiche che hanno visto guidare nell’ordine Marciello (il più veloce del trio di piloti), Juncadella e Vautier. Come sempre il risultato finale delle prove di qualificazione è dato dalla media dei tre tempi fatti segnare dai piloti nelle rispettive sessioni e, nel caso della 24H di Spa, esclusivamente i primi venti classificati avevano accesso alla Superpole di Venerdì: sessione riservata appunto alle venti vetture più veloci del lotto, pronte a darsi battaglia per strappare il tempo migliore e definire così le prime venti posizioni di partenza della gara.

L’obiettivo di entrare nella Superpole è stato centrato, riuscendo a piazzarsi in dodicesima posizione ma, sempre constatando l’enorme svantaggio nei confronti degli avversarsi, a volte anche imbarazzante sui rettilinei. Giovedì notte, terminate le qualifiche, sono poi andate in scena le prove libere in notturna, volte ad abituare i piloti a guidare al buio ed a valutare il set-up della vettura in condizioni di pista più fresca; in questo caso, Marciello ha piazzato la sua vettura in prima posizione, forte del fatto che le condizioni di poca luminosità sono a lui congeniali.
Venerdì tardo pomeriggio, poco prima della Superpole, durante il warm up, purtroppo Raffaele è incappato in un errore, finendo nelle barriere con la vettura danneggiata e dunque impossibilitata a prendere parte alla Superpole.

Durante la notte i meccanici hanno lavorato sino a tardi per riparare la vettura e Sabato pomeriggio Marciello ha potuto prendere il via dalla ventesima posizione. Guidando per le prime tre ore, Raffaele è riuscito a risalire sino alla undicesima posizione prima di lasciare il volante per le successive tre ore allo Spagnolo Juncadella. Il passo mostrato da Marciello è stato impressionante ed i sorpassi compiuti gli hanno permesso di riportare notevolmente in gioco la Mercedes numero 88. Purtroppo, già a partire dall’ultima ora di guida di Raffaele e successivamente nell’ora di guida di Juncadella, un problema al cambio si è fatto sempre più sentire, complicando notevolmente il proseguio della corsa. In fase di scalata infatti, non era possibile scalare più di due marce contemporaneamente, cosa che ovviamente rendeva praticamente impossibili le staccate rapide partendo dalla sesta marcia. La scelta era tra il rimanere in pista e vedere quanto si sarebbe potuto proseguire o fermare immediatamente la macchina e provare a sostituire il cambio, compromettendo però la gara, dato che l’intervento avrebbe richiesto più di un’ora di lavoro. Si è scelto di proseguire, evitando di inserire la sesta marcia in modo da avere il rapporto più adeguato nelle curve successive ai veloci rettilinei (soprattutto dunque quinta, quarta e terza, usufruendo della scalata massima di due marce).

Nonostante le avversità, l’equipaggio della Mercedes AMG numero 88 non si è arreso e dopo essere scivolato nuovamente in ventesima posizione, è iniziata la rincorsa. Grazie ad alcune
posizioni recuperate da Vautier e Juncadella, Marciello ha ripreso la vettura per altre tre ore di guida e, passo a passo, è riuscito addirittura a portarla dalla sedicesima posizione alla terza posizione assoluta, impresa davvero straordinaria considerando l’handicap tecnico. Dopo le prime sei ore di guida, il Ticinese è riuscito a riposarsi un po’ prima di riprendere il volante per un successivo triplo stint che lo ha visto condurre sempre tra la quarta e la quinta posizione. A questo punto, il gap prestazionale nei confronti delle vetture concorrenti in pista si è fatto maggiormente sentire ed il volante è tornato nelle mani di Raffaele per le sue ultime due ore di guida (sulle undici totali effettuate) in sesta posizione, piazza che è stata mantenuta da Vautier sino alla fine della corsa. Considerando i presupposti delle prime due ore di gara, quando il ritiro sembrava imminente, ci si può ritenere ampiamente soddisfatti di quanto ottenuto in questa gara massacrante, riuscendo a segnare punti importanti allo scadere delle dodici e delle ventiquattro ore che hanno permesso a Marciello di portarsi in testa alla classifica assoluta piloti del Blancpain Endurance.

La prossima settimana Raffaele scenderà in pista per una gara, non inizialmente prevista, nel campionato GT Tedesco, prima di un po’ di meritato riposo; si ripartirà poi a fine Agosto con la 10H di Suzuka, terzo appuntamento del campionato Intercontinental GT Challenge.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 03:39:12 | 91.208.130.87