FORMULA 1
16.07.2015 - 12:430
Aggiornamento : 15:22

Red Bull in cerca di motori nuovi: Mercedes e Ferrari litigano per il “cliente”

Insoddisfatto delle prestazioni delle power unit della Renault, il team del patron Dietrich Mateschitz cambierà fornitore di propulsori. A chi si affiderà?

MILTON KEYNES (Gbr) - Comincia a prendere i connotati di una telenovela l'intrigo che sta tenendo banco in Formula 1 relativamente alle motorizzazioni del prossimo anno. La ventilata fornitura di motori Mercedes per la Red Bull, stanca dell'inadeguatezza Renault, avrebbe reso nervosi quelli della Ferrari, pronta anch’essa a fornire i motori al team di Milton Keys.

Cercando di fare ordine, secondo quanto riportato da Autosprint, è risaputa la delusione di Red Bull per i risultati degli ultimi due anni, imputati soprattutto allo scarso rendimento della motorizzazione Renault. E allora, dopo le minacce del team manager Horner e del patron Dietrich Mateschitz, si è cercato di correre ai ripari: tramite l'ingresso del brand Aston Martin, la Red Bull potrebbe ottenere le power unit migliori del lotto, quelle griffate Mercedes, con la benedizione di Bernie Ecclestone spaventato di perdere un team così importante.

E la Ferrari? Il cavallino rampante non ha gradito questa ipotesi di accordo, che vedrebbe, dopo la Williams un nuovo avversario motorizzato Mercedes. E allora, anche per un ritorno economico, da Maranello sarebbero pronti ad "offrire" le proprie power unit alla Red Bull, decisa comunque a lasciare la Renault, che tornerebbe nel vano motore della Lotus e resterebbe a spingere le Toro Rosso.

Un bell’intreccio di pistoni...

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 14:09:13 | 91.208.130.86