Immobili
Veicoli
CAR Hurricanes
VEGAS Knights
01:00
 
PIT Penguins
ARI Coyotes
01:00
 
NJ Devils
DAL Stars
01:00
 
OTT Senators
BUF Sabres
01:00
 
CAR Hurricanes
VEGAS Knights
01:00
 
PIT Penguins
ARI Coyotes
01:00
 
NJ Devils
DAL Stars
01:00
 
OTT Senators
BUF Sabres
01:00
 
RUSSIA 2018 - CORREVA L'ANNO
03.07.2018 - 20:030
Aggiornamento : 21:02

Il capro-espiatorio Maradona e la fine dell'imbattibilità di Zenga

Il 3 luglio 2010 l'Argentina perse 0-4 con la Germania nei quarti e nello stesso giorno del 1990 l'ex portiere dell'Italia incassò la rete di Caniggia dopo 518' di imbattibilità

MOSCA (Russia) - Straordinario sul terreno di gioco, un po’ meno sulla panchina: stiamo parlando di Diego Armando Maradona e della sua “dimenticabile” esperienza al timone dell’Argentina: l’ex Pibe de Oro ha fatto il selezionatore in un unico Mondiale - Sudafrica 2010 - chiuso con l’eliminazione del 3 luglio per mano della Germania.

Dopo le agevoli vittorie nel girone e quella contro il Messico, nei quarti l'Abliceleste sfidò infatti i tedeschi, e fu sconfitta con un perentorio 4-0. L’Argentina, già sotto il tiro di stampa e critica per un gioco tutt’altro che frizzante - nonostante il grande potenziale - trovò in Maradona il controverso capro espiatorio. Contro di lui le dichiarazioni di diversi giocatori in rosa che, nell’anonimato, criticarono pesantemente i metodi d’allenamento e soprattutto la decisione di non convocare un certo Javier Zanetti, reduce dal Triplete con l’Inter. Scelta ricaduta invece in favore di tal Ariel Garcé, convocato perché il Pibe de Oro lo sognò mentre alzava la Coppa del Mondo vinta dalla sua Seleccion.

Sempre l’Argentina fu protagonista di un altro fatto avvenuto il 3 luglio, questa volta del 1990: un colpo di testa di Caniggia mise fine all’imbattibilità di Walter Zenga - dopo 518 minuti - e impedì di fatto all'Italia di raggiungere l'ultimo atto della competizione. Il record regge tutt’ora: per la cronaca gli azzurri riuscirono a mantenere la propria porta inviolata per ben cinque partite: dopo i successi di misura contro Austria e Stati Uniti, Schillaci e soci rifilarono due gol alla Cecoslovacchia. Negli ottavi di finale venne piegato l’Uruguay (2-0) e nei quarti fu battuta l'Irlanda (1-0). Tutto perfetto prima che Caniggia e l’Argentina spegnessero i sogni di gloria dei padroni di casa, mettendo fine alle “notti magiche”.

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 00:16:36 | 91.208.130.89