Ti-press (Samuel Golay)
+4
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
MOTOMONDIALE
1 ora
«Dupasquier? Ci ha ricordato che in moto i piloti rischiano la vita»
L'ex pilota ticinese Marco Colandrea: «Le due ruote ti danno tanto, ma hanno il potere di toglierti tutto».
EURO 2020
2 ore
Guai a sbagliare
Nel match delle 15, valido per il Gruppo C, Ucraina e Macedonia del Nord cercano il riscatto
EURO 2020
9 ore
Petkovic: onore all’Italia, «Ma non è finita»
«Non li scopriamo certo a questo Europeo». Mancini: «Abbiamo meritato di vincere, ma la Svizzera è un'ottima nazionale».
EURO 2020
10 ore
Niente da fare per la Svizzera, esulta l'Italia
La truppa di Petkovic è stata sconfitta con il punteggio di 3-0, doppietta di Locatelli.
IL SORPASSO...A QUATTRO RUOTE
12 ore
Due gare senza Mercedes sul podio? Come una città svizzera senza banche...
Diverse le situazioni alle quali le Frecce d'argento non erano abituate.
EURO 2020
13 ore
Il Galles non si ferma: punita la Turchia
Vittoria per i britannici, che con Ramsey e Roberts sono volati in vetta al Gruppo A
SUPER LEAGUE
15 ore
Niente mini-licenza? Un problema per Renzetti, non per il Lugano
Niente passaggio di proprietà? Per la SFL sarà il presidente a dover garantire pagamenti e oneri
EURO 2020
16 ore
Miranchuk segna: la Russia vince e si riscatta
Un gol del giocatore dell'Atalanta ha permesso ai russi di imporsi 1-0.
TENNIS
16 ore
Delusione Federer: secondo turno amaro, è già out ad Halle
Il renano saluta l'erba tedesca: è stato battuto in tre set dal canadese Felix Auger-Aliassime.
EURO 2020
18 ore
Per Turchia e Galles è già (quasi) l'ultima spiaggia
Günes: «L'Italia ci ha dominati ma l'Europeo va avanti»
EURO 2020
18 ore
Insulti ad Alioski: fermato Arnautovic
L'Uefa ha deciso di punire l'attaccante austriaco che non potrà pertanto scendere in campo domani contro l'Olanda.
HCL
07.05.2021 - 09:310
Aggiornamento : 17:11

Bianconeri tra errori e orrori; avranno imparato?

Per ottenere qualcosa che non hai mai avuto devi fare qualcosa che non hai mai fatto.

Nello sport vince solo chi sa programmare, seminare e poi attendere.

LUGANO - “Bollito”. “Finito”. “Insegnante di un hockey che non funziona più”. Nei mesi, questi sono stati tra i commenti più “lusinghieri” rivolti a Chris McSorley. 

“Il Lugano è la sua ultima grande occasione”, qualcuno ha raccontato poi negli ultimi frenetici giorni, nei quali il segreto - di pulcinella - del suo ingaggio aspettava solo di essere svelato.

La realtà è che più che per il 59enne coach, questo matrimonio in salsa ticinese è piuttosto l’ultima grande occasione per il Lugano. Per cosa? Per dimostrare di essere finalmente diventato un club snello, moderno e lungimirante. Di saper programmare, seminare e poi attendere. Perché è solo così, soprattutto nello sport, che si riescono a ottenere i risultati.

State impazzendo per il super Zugo di Dan Tangnes? Gongolavate davanti al miracolo-Davos di Arno Del Curto? Allora è forse giusto puntualizzare che, prima di arrivare a questo punto, con il titolo a un passo, alla Bossard Arena il norvegese ha masticato amaro per tre stagioni. Allora è anche corretto ricordare che, prima di cominciare a fare grandi i gialloblù, arricchendone la bacheca con sei portaombrelli, il maghetto grigionese è dovuto passare attraverso sei anni magri. E che dire dell’ultimo Ambrì, quello - quando non decimato dalle assenze - capace di essere competitivo nonostante un budget poco… competitivo? È perché Luca Cereda lo sta quotidianamente plasmando ormai dal 2017.

Certo, è giusto che gli allenatori non abbiano credito infinito; è tuttavia pure corretto che questi siano spinti e difesi indipendentemente dai risultati. Che il loro operato sia valutato e giudicato una stagione alla volta, non una partita alla volta. È questo, ovvero la parte più difficile del lavoro, che dovrà fare il Lugano. Se saprà sostenere - nella buona e nella cattiva sorte - lo spigolossimo professionista che si è messo in casa, allora potrà sfidare alla pari, a livello di qualità e testa, le rivali più forti della Lega. 

La frase “Per ottenere qualcosa che non hai mai avuto devi fare qualcosa che non hai mai fatto” va molto di moda e si può adattare anche a chi lavora alla Cornèr Arena. Gli anni di mancati successi dovrebbero infatti aver insegnato ai bianconeri cosa davvero serve per salire di livello.

È davvero così? Non serve che attendere.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 1 mese fa su tio
Programmare, seminare, attendere.... tutto molto difficile da applicare in uno sport di squadra professionistico, dove alla fine basta un’offerta allettante per far cambiare fede ad un giocatore..... ma anche ad un allenatore.....
Nano10 1 mese fa su tio
tutto esatto quello che è stato scritto, ma anche il livello tecnico dei giocatori nella rosa ha la sua importanza per qualsiasi progetto
Mamy 1 mese fa su tio
Il Lugano non ha più scuse!
sergejville 1 mese fa su tio
La pazienza la deve avere non solo il Club ma pure tanti tifosi e tanti Media. Chris grande acquisto per molti motivi. Poi -come sempre- nello sport entrano in gioco moltissimi fattori; tanti incontrollabili. Forza Lugano!
Bibo 1 mese fa su tio
@sergejville Appunto, il club non ne ha di pazienza, inutile fare proclami in tal senso, progetti a medio termine, ecc... Se non faranno bene nei primi 2 anni, tanti saluti e si ricomincia...è sempre stato così negli ultimi 15 anni. I tifosi del Lugano si sa che vogliono solo vincere, ma il club dovrebbe essere più paziente...
Evry 1 mese fa su tio
@sergejville Certo, era ora che arivasse uno che sa il proprio mestiere e non risparmi certi fannulloni con il naso in alto ma... AUGURI e FORZA LUGANO
sergejville 1 mese fa su tio
@Bibo Forse non mi sono spiegato: a volte la pazienza del Club è messa a dura prova da tanti tifosi e da tanti giornalisti. Con McSorley gli intenti dell’HCL sono chiari. Che i tifosi (tutti) seguano di pari passo. Quindi forza Chris e forza Lugano!
Bibo 1 mese fa su tio
@sergejville Quando il club ascolta i tifosi e soprattutto i giornalisti allora è segno che il "progetto" è già in crisi e/o la dirigenza non ha le 00!
Evry 1 mese fa su tio
@sergejville Certo, era ora che arivasse uno che sa il proprio mestiere Ben detto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 09:24:20 | 91.208.130.89