TiPress/archivio
+12
NATIONAL LEAGUE
27.10.2020 - 08:000
Aggiornamento : 10:36

Ambrì e Lugano in pista, «nella speranza di poter completare la stagione»

Con la situazione Covid costantemente monitorata, il campionato per ora va avanti. Club compatti, si vuole continuare

BERNA - Inutile negarlo, quelli che stiamo vivendo sono giorni intensi e di preoccupazione per tutto il mondo dello sport, col destino del campionato di hockey ancora da definire. La scorsa settimana la SIHF ha precisato che si andrà avanti almeno sino al 2 novembre indipendentemente dal numero di spettatori - in alcuni Cantoni c’è già stata una riduzione a 1'000, in altri a zero - e la situazione resta costantemente monitorata.

In questo scenario d’incertezza per ora si va avanti, e questa sera sono 5 i match in programma: in pista anche le ticinesi, con l’Ambrì che ospita lo Zurigo e il Lugano che fa visita al Losanna. Tornata a giocare e vincere dopo lo stop per la quarantena, la squadra di Pelletier cercherà innanzitutto conferme. I biancoblù in campionato sono invece reduci da quattro sconfitte, tutte di misura con tre delle quali arrivate oltre il 60’.

Detto questo resta difficile parlare di punti, meccanismi da migliorare e dettagli su cui insistere, quando la testa di molti corre già al Consiglio federale di mercoledì. A questo proposito i 12 presidenti dei club di NL hanno scritto ieri una lettera congiunta al CF e ai Consigli di Stato, rimarcando l’importanza dello sport su tutti i livelli e la volontà di portare a termine la stagione rispettando le norme di sicurezza.

Convinte dell’efficacia dei piani di protezione sviluppati in questo periodo - definiti esemplari anche grazie a investimenti a livello di strutture e quant’altro - le società hanno ribadito come «calcio e hockey siano di enorme importanza nel nostro Paese. Socialmente, economicamente e in termini di salute. È quindi fondamentale che lo sport sia praticato anche in tempi di crisi, per la squadra, per gli juniores, per i tifosi, per lo staff, per i partner e per l'intera popolazione». In sostanza «non bisogna permettere al virus di dettare e proibire le nostre vite».

Restano in primo piano anche le preoccupazioni dal punto di vista economico, con la salute finanziaria dei club - già messa a dura prova - che verrebbe gravemente compromessa da ulteriori restrizioni. Le società, a livello di capienza, vorrebbero mantenere il limite dei 2/3 dei posti a sedere, sui quali hanno costruito la base finanziaria della stagione accettando comunque grandi deficit. In caso contrario l'unica via sarebbe quella di promettere ai club degli aiuti a fondo perso per far fronte alle ulteriori perdite imposte.

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 03:15:45 | 91.208.130.89