keystone-sda.ch/ (GIAN EHRENZELLER)
+ 17
ULTIME NOTIZIE Sport
SERIE B
1 ora
Tramezzani per risollevare il Livorno
L'ex tecnico del Lugano ripartirà dalla B italiana e sostituirà l'esonerato Roberto Breda
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Friborgo, Kamerzin rinnova
Il difensore 31enne ha esteso il suo contratto con i Dragoni fino al 2022
NAZIONALE
2 ore
Karrer prende il posto di Guerra
Nazionale: il difensore del Ginevra sostituirà il ticinese alla Natur Energie Challenge
NAZIONALE
4 ore
Euro 2020, Svizzera in ritiro a Bad Ragaz. Dopodiché Baku e campo base a Roma
Prende forma il programma dei rossocrociati. Già in agenda anche due amichevoli, contro Germania (31 maggio) e Liechtenstein (4 giugno)
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Futuro agli Orsi per Dustin Jeffrey
L'attaccante canadese, attualmente al Losanna, ha firmato un biennale con il Berna
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Il Langnau perde Glauser: out 6-8 settimane
Il difensore 23enne, infortunatosi a una spalla, si è dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico
HCAP
6 ore
Ambrì: tanto coraggio e due punti preziosi
Nonostante i numerosi infortuni, ai quali si è aggiunto anche Conz, i leventinesi hanno saputo mettere sotto Hofmann e compagni
OLIMPIADI
8 ore
Scandalo doping: Russia fuori dai Giochi per 4 anni
Recidiva nel falsificare i dati dei controlli antidoping: la WADA sanziona pesantemente la Russia. Possibile la presenza degli atleti a norma sotto una bandiera neutrale
SUPER LEAGUE
10 ore
Un pareggio stretto, ma a Lugano il vento è cambiato
Ennesima prova di forza di un Lugano che a Neuchâtel ha dovuto però fare i conti con tanta sfortuna
NATIONAL LEAGUE
19.11.2019 - 12:010
Aggiornamento : 15:00

«Zugo, Losanna, Zurigo, Berna, Lugano e Bienne più ricchi»

Spinto da stranieri ispiratissimi, il Davos sta volando. Raeto Raffainer: «Non siamo fenomeni. Se giochiamo all'80% non vinciamo»

DAVOS - La sconfitta incassata sabato contro il Ginevra non ha tolto il sorriso al Davos. Ci mancherebbe altro visto che, dati come "modesti" in estate, i gialloblù hanno completato una prima parte di campionato sontuosa. Sostenuti, anzi spinti, da stranieri più che ispirati, i grigionesi stanno infatti viaggiando alla sontuosa media di 2 punti a partita. Peggio, di un soffio, solo della capolista Zurigo.

I 20 punti fin qui registrati da Lindgren, i 16 di Tedenby, i 14 di Palushaj e i 12 di Rantakari stanno rendendo un po' più semplice il lavoro di Christian Wohlwend, ma non fanno sbilanciare Raeto Raffainer.

«Non siamo neppure arrivati a metà campionato – ha raccontato il direttore sportivo gialloblù – i numeri significano poco».

Eppure, forse, per una squadra rinnovata a fondo, proprio la prima parte di stagione poteva essere quella complicata.
«Ma ci sono anche stati fattori positivi. Abbiamo potuto godere di lunghe pause, non abbiamo infortunati, gli stranieri – appunto – stanno facendo molto bene...».

Casualità, ok, ma anche meriti. In fondo non stiamo più parlando di un club con un budget stratosferico.
«Non siamo più nella top-6 dei team più ricchi è vero, da 2-3 anni le cose sono cambiate».

Da quando la divisione degli introiti della Spengler è stata modificata in favore delle altre compagini di LNA?
«Anche. Noi in quel momento abbiamo visto le nostre possibilità diminuire. Altri invece sono cresciuti. Penso allo Zugo, con il suo nuovo presidente, o al Losanna, con la sua proprietà americana. Davanti a noi ci sono poi sicuramente anche Zurigo, Berna, Lugano e Bienne. Prima di dare giudizi su quanto sta accadendo è però giusto attendere».

Fino alla Spengler?
«Fino a febbraio. Dal 26 dicembre, quando inizierà la nostra coppa, e per tutto gennaio avremo un calendario fittissimo. Dovremo recuperare un po' dei match che abbiamo saltato e ci troveremo anche a giocare tre volte a settimana in casa. Sarà una bella sfida. Ed è nella speranza di vincerla che abbiamo allestito una rosa con 19 attaccanti».

Contro un Lugano in difficoltà, questa sera ne serviranno forse meno.
«Il Lugano non c'entra. Certo, ci sono squadre nella Lega contro le quali si fa più fatica rispetto ad altre; il punto è però riuscire a muoverci come sappiamo. Se riusciremo a mettere sul ghiaccio il pattinaggio e l'energia che ci hanno spesso contraddistinto, se riusciremo a “fare battaglia”, allora avremo la possibilità di vincere. L'avremmo contro chiunque. Se invece giocheremo come fatto contro il Ginevra, allora perderemo di sicuro. In quel confronto siamo stati molli e poco convinti. E non ce lo possiamo permettere. Non siamo fenomeni: dare l'80% non ci basta per pensare di centrare i tre punti».

keystone-sda.ch/ (GIAN EHRENZELLER)
Guarda tutte le 21 immagini
Commenti
 
Giambi 2 sett fa su tio
Subiamo anche stasera come contro chiunque. Dai all'ottava sconfitta consecutiva senza attacco e senza gioco resta solo il panettone
sergejville 2 sett fa su tio
complimenti al davos ma non bisogna dimenticare che giocare in 24 ore soltamto una partita invece di due è un bel vantaggio in fatto di freschezza e di recupero da ev. acciacchi. Giocare al martedì-sabato-martedì è l'ideale.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 20:11:53 | 91.208.130.87