Keystone, archivio
+ 2
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
11 min
Presente e futuro: il Lugano ingaggia Christopher Lungoyi
Il giovane attaccante rossocrociato è cresciuto nel Servette: ha firmato fino al 2023
NATIONAL LEAGUE
42 min
Lo Zugo ingaggia Andreas Martinsen
L'attaccante norvegese proviene dall'organizzazione dei Pittsburgh Penguins
TENNIS
1 ora
Sarà Stan-Zverev, avanti Nadal
Nei quarti del torneo di Melbourne il tedesco - vittorioso su Rublev - sfiderà il vodese. Lo spagnolo mette ko Kyrgios
SUPER LEAGUE
1 ora
Nuovo arrivo a Thun
Sbarca nel Canton Berna - in prestito dall'Ajax - l'attaccante 21enne Hassane Bandé
HCL - L'ANALISI
2 ore
Il Lugano vince ovunque e... contro tutti
La formazione bianconera è reduce da tre vittorie consecutive
MELBOURNE
3 ore
Kyrgios in campo con la maglia di Bryant
L'australiano ha voluto rendere omaggio al campione NBA, scomparso in un incidente in elicottero
TENNIS
5 ore
Stan non molla mai: vinta la battaglia con Medvedev al quinto set
Negli ottavi degli Australian Open il vodese ha sconfitto il russo con il punteggio di 6-2, 2-6, 4-6, 7-6(2), 6-2
SUPER LEAGUE
7 ore
Il Lugano bagna il 2020 con una sconfitta... e ora si attendono i rinforzi
La formazione ticinese è caduta a San Gallo contro la seconda forza di questo campionato. La nota positiva è la rete di Bottani
LOS ANGELES
14 ore
«Egoista e spietato, per questo amo Kobe Bryant»
Dominatore in campo e con una vita privata turbolenta, l'ex cestista ha lasciato un vuoto enorme nel cuore di tanti. Parlare al passato è difficile
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
07.11.2019 - 09:000
Aggiornamento : 21:29

«Fazzini e Bertaggia si giocano i Mondiali. Wohlwend? Come Cereda e Del Curto»

Stefano Togni ha lanciato la Deutschland Cup, esprimendosi su diversi temi: «Postma? è molto più offensivo rispetto a Ohtamaa e potrà quindi rivelarsi prezioso per il Lugano»

KREFELD (Germania) - Nella giornata odierna prenderà il via la Deutschland Cup e sarà la Svizzera ad aprire la 30esima edizione di questa manifestazione (ore 16.15). La selezione guidata da Patrick Fischer affronterà la Slovacchia, mentre a seguire sarà la volta di Germania-Russia (19.45). 

Per l'occasione l'head-coach rossocrociato ha convocato anche cinque esordienti: Nyffeler, Egli, Le Coultre, Maillard e Moy. «È una Nazionale giovane, composta da elementi vogliosi di dimostrare le loro qualità per potersi guadagnare il posto», è intervenuto l'ex attaccante di Lugano e Ambrì degli anni '90 Stefano Togni. «Oltre a questo è anche l'anno dei Mondiali casalinghi, per cui le motivazioni per ognuno sono doppie. Nello stesso tempo Fischer approfitta di questi tornei per provare più giocatori possibili in ambito internazionale, soprattutto coloro che hanno un ruolo importante nei rispettivi club». 

E i posti disponibili per la rassegna iridata non saranno molti... «Ovviamente l'allenatore ha già in mente lo “zoccolo duro” che porterà ai Mondiali, ma per i posti restanti questi tornei sono un ottimo banco di prova. La concorrenza è grande e i vari giocatori – oltre a essere compatibili con il gruppo – devono dimostrare a Fischer di avere la voglia e la passione necessaria per difendere i colori rossocrociati. Altrimenti vengono esclusi».

Nella lista dei convocati figurano anche i ticinesi Fazzini, Bertaggia e Simion... «È sempre un piacere vedere diversi ticinesi in Nazionale e per loro si tratta di una convocazione meritata. Bertaggia piace molto a Fischer per le sue qualità: non molla mai, vuole sempre dare il massimo e si sacrifica molto. Dal canto suo Fazzini è un vero sniper e si fa soprattutto apprezzare per le sue doti realizzative, anche se è notevolmente migliorato nella fase difensiva. Infine Simion è il classico giocatore che parla poco, ma che sul ghiaccio si fa sentire».

Uno sguardo al campionato: cosa ne pensi di Postma, il nuovo straniero del Lugano? «Ha caratteristiche diverse rispetto a Ohtamaa, è molto più offensivo e potrà quindi portare il suo contributo a livello di impostazione del gioco e anche in fase realizzativa. Oltre a questo è in possesso di un buon tiro e potrà tornare utile nei powerplay. Zurigo e Davos? I Lions hanno un roster incredibile, un allenatore di primo livello che ha vinto due Mondiali con la Svezia e degli stranieri che fanno la differenza. La squadra è inoltre consapevole di non poter fallire due stagioni consecutive. I grigionesi hanno invece avuto un buon impatto con il nuovo progetto e con il nuovo allenatore. Trovo che Wohlwend abbia un po' lo stesso stile di Cereda e Del Curto: è un coach che pretende molto, sul ghiaccio i suoi giocatori devono sempre dare il 100% e lui lavora molto bene con i giovani. I grigionesi potranno indubbiamente dire la loro». 

keystone-sda.ch/ (WALTER BIERI)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 14:20:05 | 91.208.130.87