Roma
1
Milan
2
fine
(0-1)
keystone-sda.ch/ (VALENTIN FLAURAUD)
+7
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
STOP AND GO
06.10.2019 - 12:290
Aggiornamento : 19:00

Ambrì, l'abnegazione non fa gol; il Lugano porta sempre qualcosa a casa

Tante note positive (e qualche problema) per biancoblù e bianconeri. E che sorpresa il giovane Davos

AMBRÌ/LUGANO - Ambrì e Lugano sono lontani dall'aver risolto del tutto i loro problemi. Riusciti, nelle settimane, a crearsi un gioco convincente, possono in ogni caso guardare con ottimismo al prosieguo della stagione: la loro competitività non è in discussione. Per il definitivo salto di qualità sia biancoblù che bianconeri dovranno però imparare a essere cinici. Questo ha ribadito l'ultimo hockey visto; perché se ti sbatti e crei, ma poi non sfrutti le occasioni che ti capitano...

HCAP – Semaforo giallo. Carattere sì, concretezza no.
Voglia e abnegazione ci sono? Sì. I ragazzi seguono coach Cereda? Pendono dalle sue labbra. Il gioco convince? Molto più di quello di tante rivali. Tenuto conto di ciò – e soppesando anche le doti di chi si muove sul ghiaccio - l'Ambrì dovrebbe potersi beare di un inizio di campionato molto positivo. Non è così perché, e ormai non è una novità, chi deve fare gol semplicemente non lo fa. O lo fa con il contagocce. Il pessimo Friborgo visto alla Valascia venerdì (coach French è infatti stato silurato) è stata l'unica squadra contro la quale i biancoblù siano riusciti a piazzare più di tre reti. Non va bene, perché non concretizzare quanto prodotto può, alla lunga, costare carissimo: una buona classifica, la tranquillità, la serenità... E sarebbe un peccato.

HCL – Semaforo verde. Continuità.
Non sono sempre stati perfetti ma, con un mix di qualità dei singoli, gioco e opportunismo, dalla seconda metà di settembre i bianconeri hanno cominciato a far bottino, senza più smettere. Dalla sconfitta interna patita dal Davos, il Lugano ha sempre chiuso una serata con almeno un punto in tasca. Non male per una squadra in grave difficoltà nelle primissime uscite e che, invece, ora sembra aver individuato con certezza la via da percorrere. E riuscire a portare qualcosa a casa anche nelle occasioni meno semplici – vedi la partita di Langnau, quando la compattezza delle uscite precedenti non si è vista – è un ottimo punto di partenza nell'attesa che la via sia percorsa fino in fondo.

NATIONAL LEAGUE – Semaforo verde. Il...verde Davos.
Ci sono i senatori Ambühl, Lindgren, Palushaj, Marc e Dino Wieser, Kienzle e DuBois, è vero; il Davos è in ogni caso da considerare come una squadra giovane. Tutti gli altri componenti della rosa sono infatti Under 30. Tutti freschi, cattivi e affamati. Tutti ottimamente guidati da Christian Wohlwend. I grigionesi erano guardati con sospetto prima d'inizio stagione; classifica a parte – il decimo posto è “inquinato” dai pochi match giocati, tutti in trasferta – sono invece riusciti a offrire un hockey veloce e produttivo. E a convincere. Hanno vinto quattro delle sei partite disputate e, in generale, si sono mostrati molto “avanti” nel lavoro svolto. Sono da playoff? È difficile da dire ora. Quel che è certo è che sono agguerriti: non vivranno una stagione da spettatori.

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch/ (VALENTIN FLAURAUD)
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
VISIO 1 anno fa su tio
Invitoa separare gli articoli riguardanti le due squadre, grazie. i giocatori del Lugano commettono trippo falli strupidi e fanno siesta nel tempo centrale, oh non prendete le brutte abitudini della scordsa stagione perche se volete, ora il gioco di squadra, tanto atteso, c'è. auguri
sergejville 1 anno fa su tio
@VISIO ? comunque c'era anche il langnau in pista. E' vero che i bianconeri non hanno spinto come nel primo tempo... ergo poi usi troppo il bastone (= falli) però direi che ai ragazzi di kapanen non si può imputare quasi nulla, tenendo conto che 24 ore prima si erano spremuti nel big match contro i Lions. I tigrotti (in casa sempre temibili e agguerritissimi) non a caso, dopo il derby a berna, sono sembrati frastornati dall'inizio luganese.
sergejville 1 anno fa su tio
L'abnegazione ce l'hanno in tanti, non solo in valle. Semplicemente l'ambrì sta faticando, soprattutto in trasferta. Il campionato è equilibratissimo, il Rappi è pericoloso mentre l'anno scorso dopo 10 partite era già ultimissimo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-28 23:21:24 | 91.208.130.89