Keystone
+ 12
ULTIME NOTIZIE Sport
METZ
1 min
Morde il pene al suo avversario: dieci punti di sutura e squalifica di cinque anni
È successo in Francia, in occasione del match fra Terville e Soetrich
SUPER LEAGUE
1 ora
«Un allenatore? È come conoscere una donna...»
Chiacchierata con Livio Bordoli: «Al Lugano è mancato tantissimo Gerndt. La lotta per il titolo? 10 franchi sul San Gallo li punterei...»
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
4 ore
“Paga (e sta zitto)”, unica soluzione per evitare il tracollo City
Il ricorso dei Citizens dopo la sentenza della UEFA? Arno Rossini: «A Manchester potrebbero anche cercare un accordo. Non penso ci sarà un fuggi-fuggi»
CHAMPIONS LEAGUE
11 ore
Klopp cade a Madrid, l'implacabile Haaland stende il PSG
Il Liverpool è stato sconfitto 1-0 dall'Atletico Madrid nell'andata degli ottavi di finale. PSG battuto a Dortmund (2-1)
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Il Friborgo vince a Losanna e inguaia il Berna
I burgundi si sono imposti per 3-2 nel derby romando, incamerando tre punti preziosissimi in ottica playoff e allungando a +4 sulla linea
TENNIS
14 ore
Laaksonen: è già finita
Il tennista rossocrociato, alla sua quinta sconfitta di fila, è stato eliminato al primo turno del torneo di Delray Beach
SUPER LEAGUE
15 ore
«Spero di ripagare la fiducia che il Lugano ha avuto in me»
Il nuovo attaccante del Lugano, Rangelo Janga, si è presentato alla stampa. Il ds Padalino: «Necessitavamo di un giocatore con le sue caratteristiche»
TENNIS
16 ore
Rios shock: «L'Atp ha coperto quattro volte il doping di Agassi»
Marcelo Rios, ex numero 1 del ranking mondiale, va all'attacco: «Insabbiarono tutto. Masters? Si giocava sempre sul veloce per favorire Sampras»
SUPER LEAGUE
17 ore
Brutte notizie per il San Gallo: stagione finita per Babic
L'attaccante 22enne, autore di 7 reti in 19 match, si è infortunato al ginocchio destro. Problemi anche per Xamax e YB
HCAP - L'ANALISI
16.09.2019 - 07:000
Aggiornamento : 15:38

Ambrì senza mordente: inizio complicato e 0 punti

Avvio di campionato in salita per i biancoblù, alle prese con enormi difficoltà nell'andare a segno

AMBRÌ - Un inizio in salita ma non ancora preoccupante. Il campionato dei biancoblù è cominciato con due sconfitte, rimediate contro il fortissimo Zugo e contro l'abbordabile Rapperswil.

I primi 120' di gioco hanno già fornito alcuni spunti su cui riflettere. Il primo dato a saltare all'occhio – e forse in questo momento il più allarmante – sono le difficoltà della squadra nell'andare a bersaglio. Sette partite ufficiali – tra campionato, coppa e Champions – e soli undici gol realizzati. Una miseria. Con una media di appena 1,5 gol a incontro, e non scopriamo l'acqua calda, risulta difficilissimo vincere le partite. Soprattutto se in porta Daniel Manzato non è in grado di offrire le medesime garanzie di cui beneficiava lo scorso anno la squadra con Conz tra i pali.  

Il tanto chiacchierato Kubalik non c'è più e Zwerger – colui che dietro al ceco l'anno scorso aveva messo a segno il maggior numero di reti – appare lontano dalla sua forma migliore. E in questo momento Robert Sabolic – nonostante qualche sporadico spunto personale – non sembra aver ancora assimilato gli schemi di Luca Cereda. Ad ogni modo bocciare lo sloveno dopo solo sette partite ufficiali sarebbe ingeneroso... E sempre a proposito di stranieri anche Brian Flynn attualmente è in ritardo di condizione. L'unico giocatore d'importazione che “gira” è Matt D'Agostini.

In vista della difficilissima trasferta di Berna, in agenda domani, i leventinesi dovranno ripartire dal secondo e dal terzo tempo giocati venerdì contro lo Zugo. 40' in cui Trisconi e compagni hanno messo sul ghiaccio grinta, determinazione, sudore e in generale tutti quegli elementi che soltanto alcuni mesi fa avevano permesso ai sopracenerini di staccare la qualificazione ai playoff. La sensazione, però, è che l'Ambrì potrà tornare a fare l'Ambrì soltanto quando tutti i suoi giocatori avranno raggiunto il 100% del loro stato di forma. 

keystone-sda.ch/STR (Samuel Golay)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
pardo54 5 mesi fa su tio
Lascia perdere: è solo un asino che raglia alla luna. 40 anni o oltre gettati nel cesso.
Tony15 5 mesi fa su tio
40 anni buttati nel cesso
toto2 5 mesi fa su tio
come sempre in estate e ad inizio stagione,montanaro.........
hcap76 5 mesi fa su tio
@toto2 Tu invece ogni volta che scrivi un (chiamiamolo) commento.......
matteo2006 5 mesi fa su tio
@toto2 Se è vero che da 40 anni segui l'hockey pori nüm se fai ancora commenti di questo livello; a 40 anni e più dovresti aver maturato un intelligenza sportiva ben diversa, ma questo è solo la mia opinione.
matteo2006 5 mesi fa su tio
@hcap76 Inutile rispondergli, la mia è davvero l'ultima risposta a sui commenti, è solo capace di criticare la sua squadra se non vince ogni volta il campionato e dire che l'Ambrì è merda null'altro, dai suoi commenti non esce nulla di concreto e non può che essere così da chi il ghiaccio l'ha visto solo nel freezer o dalla tribuna. Non che serva aver giocato ad hockey per poter commentare una partita ma diciamo che aiuta e gente così nelle piste in tribuna poi ce ne sono a bizzeffe sono quelli che urlano "tira tira" come se lui sapesse meglio di chi sta sul ghiaccio 4-5 ore al giorno cosa fare. Tutti scienziati dell'hockey.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-19 11:07:00 | 91.208.130.89