Keystone (archivio)
UN DISCO PER L'ESTATE
23.07.2019 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.2019 - 18:05

Il portiere giramondo con Langnau nel cuore

Sbocciato tardi, Martin Gerber ha girato una moltitudine di Paesi e campionati. Ma è sempre rimasto legato alla sua terra natale, dove ha pure portato la Stanley conquistata nel 2006

UN DISCO PER L'ESTATE

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LANGNAU - Giramondo. Un po’ per necessità. Un po’ per virtù. Ma con un posto sempre fissato nel cuore. La sua Langnau. Là dove è cresciuto e ha strappato il primo contratto da professionista. Là dove è tornato durante il lockout della stagione 2004/05. Là dove ha portato la Coppa Stanley  vinta con i Carolina Hurricanes nel 2006. 

Nato nel 1974 a Burgdorf, la città più popolosa dell’Emmental che dista circa 20 chilometri da Langnau, Martin Gerber è sicuramente stato tra i portieri più forti e longevi nella storia dell’hockey rossocrociato. E ha giocato un po’ ovunque. Dopo i primi anni e una lenta crescita alla Ilfis il cerbero bernese decide di tentare l’avventura estera. Vola in Svezia. A Karlstad. Dove a 27 anni esplode. La straordinaria stagione vissuta nel Farjestad gli vale la chiamata degli Anaheim Mighty Ducks. In seguito il bernese viaggia parecchio al di qua e al di là dall’oceano. Tornerà al Langnau e al Farjerstad - dove vincerà anche il titolo svedese - durante il lockout, poi girovagò tra America del Nord (Carolina) e Canada (Ottawa e Toronto) prima di accettare l’avventura russa (Atlant Mytishchi). A 36 anni suonati prova il comeback in NHL, ma la sua avventura ad Edmonton dura solo tre partite. Torna nuovamente in Svezia (Vaxjo e Rogle) prima di fare ritorno in Svizzera dove, dopo 4 stagioni a Kloten, chiuderà la carriera nel 2017 a 42 anni. 

Una carriera infinita iniziata a rilento ma che ha raggiunto picchi altissimi. Come quello toccato contro i maestri canadesi durante l’incredibile match ai Giochi Olimpici di Torino del 2006. Gerber in quella partita fu semplicemente intrattabile. Disinnescò tutti i 49 tiri scagliati contro la sua gabbia e permise alla Svizzera di imporsi per 2-0. Ma il successo contro la selezione della foglia d’acero fu solo un gustoso stuzzichino per il cerbero bernese, che quello stesso anno ebbe l’onore di vincere il campionato di NHL. Un successo, quello conquistato in gara-7 contro gli Edmonton Oilers, che ha reso Gerber il secondo elvetico (dopo David Aebischer) in grado di alzare al cielo la Stanley. Anche se le sfide decisive, l'ex portierone, che aveva iniziato la stagione da titolarissimo (60 partite di regular season), le ha dovute guardare dalla panchina. Una vita tra (tanti) alti e (qualche) basso per il giramondo dell’hockey svizzero.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Keystone (archivio)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 10:08:46 | 91.208.130.87