BOS Bruins
3
VEGAS Knights
2
fine
(1-1 : 0-1 : 2-0)
NY Rangers
2
NY Islanders
4
fine
(0-2 : 0-1 : 2-1)
CAR Hurricanes
4
WIN Jets
1
fine
(3-1 : 0-0 : 1-0)
PHI Flyers
2
PIT Penguins
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 0-0)
CHI Blackhawks
0
FLO Panthers
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
BOS Bruins
NHL
3 - 2
fine
1-1
0-1
2-0
VEGAS Knights
1-1
0-1
2-0
 
 
2'
0-1 STONE
1-1 LAUZON
12'
 
 
 
 
32'
1-2 HAGUE
2-2 DEBRUSK
45'
 
 
3-2 KREJCI
53'
 
 
STONE 0-1 2'
12' 1-1 LAUZON
HAGUE 1-2 32'
45' 2-2 DEBRUSK
53' 3-2 KREJCI
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 22.01.2020 03:36
NY Rangers
NHL
2 - 4
fine
0-2
0-1
2-1
NY Islanders
0-2
0-1
2-1
 
 
14'
0-1 BAILEY
 
 
17'
0-2 BEAUVILLIER
 
 
30'
0-3 LEE
 
 
44'
0-4 NELSON
1-4 BUCHNEVICH
54'
 
 
2-4 KREIDER
56'
 
 
BAILEY 0-1 14'
BEAUVILLIER 0-2 17'
LEE 0-3 30'
NELSON 0-4 44'
54' 1-4 BUCHNEVICH
56' 2-4 KREIDER
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 22.01.2020 03:36
CAR Hurricanes
NHL
4 - 1
fine
3-1
0-0
1-0
WIN Jets
3-1
0-0
1-0
1-0 NECAS
3'
 
 
2-0 WILLIAMS
6'
 
 
 
 
7'
2-1 LAINE
3-1 TERAVAINEN
19'
 
 
4-1 WILLIAMS
50'
 
 
3' 1-0 NECAS
6' 2-0 WILLIAMS
LAINE 2-1 7'
19' 3-1 TERAVAINEN
50' 4-1 WILLIAMS
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 22.01.2020 03:36
PHI Flyers
NHL
2 - 0
3. tempo
0-0
2-0
0-0
PIT Penguins
0-0
2-0
0-0
1-0 VORACEK
26'
 
 
2-0 VAN RIEMSDYK
39'
 
 
26' 1-0 VORACEK
39' 2-0 VAN RIEMSDYK
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 22.01.2020 03:36
CHI Blackhawks
NHL
0 - 0
2. tempo
0-0
0-0
FLO Panthers
0-0
0-0
Ultimo aggiornamento: 22.01.2020 03:36
Tipress (archivio)
Kamensky è tornato ad Ambrì per il 75° del club nel 2012.
ULTIME NOTIZIE Sport
COPPA ITALIA
4 ore
Gattuso respira: il Napoli stende la Lazio e vola in semifinale
I partenopei si sono imposti 1-0: decisivo Insigne. Immobile ha sbagliato il rigore del possibile pareggio
SWISS LEAGUE
5 ore
Non basta una doppietta di Gerlach, Rockets piegati dal Sierre
In partita fino alla mezz'ora (3-3), i rivieraschi sono stati sconfitti 6-3 davanti ai propri tifosi
HCL
5 ore
Il Lugano ribalta (con fatica) i Lakers e torna sopra la riga
Tre punti d'oro per i bianconeri, che hanno superato il Rapperswil al termine di un match combattuto e povero di reti. 2-1 il risultato finale maturato alla Cornèr Arena. Langnau ko a Zugo (2-1)
HCAP
5 ore
Trasferta amara, l'Ambrì cade a Bienne
I biancoblù di Cereda, dopo tre successi consecutivi in campionato sui Seelanders, sono stati sconfitti 3-1. La linea si allontana
SCI ALPINO
8 ore
Dramma Paris: ginocchio a pezzi, stagione finita
Caduto in allenamento, l'italiano si è rotto il crociato anteriore del ginocchio destro
TENNIS
8 ore
King Roger impressionato da Sinner: «In campo è uno spettacolo»
Il campione renano si è espresso in merito al giovane talento italiano: «Quello che mi piace particolarmente di lui è che tira con la stessa forza sia con il dritto sia con il rovescio»
WINTER YOUTH OLYMPIC GAMES
9 ore
Nuova medaglia per Siri Wigger
La 16enne rossocrociata ha vinto l'argento nella 5km a stile classico. Oro alla svedese Rosenberg, bronzo alla statunitense Kramer
HCAP
12 ore
L'Ambrì perde (ancora) Hofer: stop di 3-4 settimane
L'attaccante 28enne ha subìto una frattura del malleolo della caviglia destra a seguito di una discata
NATIONAL LEAGUE
14 ore
Tegola Friborgo: Sprunger squalificato due turni
Il capitano dei burgundi è stato sospeso in seguito a una carica alla testa rifilata a Burren del Berna
UN DISCO PER L'ESTATE
19.06.2019 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.2019 - 18:07

Le tredici gemme del mago Valeri

Giunto in Leventina a seguito del primo lockout della NHL, Kamensky ha fatto innamorare di sé un’intera tifoseria in sole dodici partite

AMBRÌ - Tredici gemme. Come il numero che portava sulla maglia. Tredici magie che in sole dodici partite hanno fatto innamorare di lui una tifoseria intera. Lo zar Valeri Kamensky - sbarcato sotto le volte della Valascia nell’inverno del 1994 a seguito del primo lockout della NHL - ha incantato tutti dall’alto della sua classe cristallina.

Kamensky nacque il 18 aprile 1966 a Voskresensk, una cittadina situata a un centinaio di chilometri da Mosca. Sotto la ferrea disciplina sovietica, Valeri si avvicina all’hockey. Gioca dapprima nel club del suo paese, il Khimik, per poi trasferirsi, a soli 19 anni, al prestigioso CSKA Mosca. La squadra dell’Armata Rossa. Nella capitale affianca gente del calibro di Sergei Makarov, Igor Larionov, Vyacheslav Fetisov e il duo che poi fece le fortune del Friborgo "Slava" Bykov e Andrei Khomutov. A seguito della caduta del Muro di Berlino, e con la conseguente disgregazione dell’Unione Sovietica, Kamensky, come molti altri russi, si lascia sedurre dalle sirene d’oltreoceano e nel 1991 firma per i Québec Nordiques. Ma la franchigia canadese non è stata l’unica squadra ad interessarsi all’ala del CSKA. E tra le altre pretendenti c’era pure l’Ambrì-Piotta.

Il lungo corteggiamento del direttore sportivo leventinese Sergio Gobbi si concretizzò durante una sera d’ottobre del 1994. Quando Kamensky diede la propria disponibilità per l’approdo in Leventina. In un Ambrì che già parlava russo sia in panchina, con Alexander Jakushev e Peter Malkov, che sul ghiaccio con Igor Fedulov e Dimitri Kvartalnov.

L’impatto del numero 13 in biancoblù fu incredibile. Le dodici partite con lui sul ghiaccio - tutte vinte - indimenticabili. Come le sue reti. Come quelle che ribaltarono dal 2-5 al 6-5 un derby praticamente già perso. O come quella, meravigliosa, segnata al Davos. Sotto una Curva Sud che ha vissuto col fiato sospeso la doppia finta del funambolo russo, il disco che passa sotto le gambe dell’attonito difensore grigionese Andy Egli e che poi si insacca all’incrocio dei pali. Pochi fotogrammi per indicare la grandezza del campione russo. Che dopo la parentesi leventinese entrerà definitivamente nell’Olimpo dell’hockey mondiale conquistando la Stanley con Colorado (1995/96) che gli permetterà di completare il prestigiosissimo Triple Gold Club.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Commenti
 
sergejville 7 mesi fa su tio
Questo non ci piove. E questo succede (o succederà) sempre in tutte le squadre. Ma cmq la mia non era una polemica, solo una semplice constatazione.
cle72 7 mesi fa su tio
ovvero? cosa intende? solo 12 partite poiché é rientrato in USA per la fine del lookout tutto qua! cmq. il più forte e prolifico arrivato in Svizzera, uno spettacolo vederlo e ammirarlo. Ricordo ancora i gol spettacolari fatti! FORZA AMBRI!
sergejville 7 mesi fa su tio
@cle72 la mia non era una polemica, solo una constatazione. kamensky grandissimo giocatore e curriculum eccezionale. E pure in Valle diede spettacolo. Ma -converrà con me- 12 partite son davvero poche, soprattutto pensando quanto si gioca adesso.
sergejville 7 mesi fa su tio
kamensky, 12 partite con l'hcap; non propriamente una figura importante per il Club.
Bibo 7 mesi fa su tio
@sergejville Ha lasciato il segno più di tanti stranieri che hanno giocato molto di più...e non parlo solo nell'Ambrì...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 03:39:16 | 91.208.130.87