TiPress (foto d'archivio)
+2
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
47 min
L’Icardi scontato e le vetrine di Wanda Nara
50 milioni (più bonus): poco o tanto per l’attaccante argentino?
LIGUE 1
9 ore
«Ridurmi il salario del 30%? Sono un padre di famiglia»
Dimitri Payet guadagna 500'000 euro al mese: «Come tutti ho degli impegni da onorare, la mia posizione era già chiara»
TENNIS
12 ore
«Federer o Nadal? Il più forte è chiaramente Djokovic»
«Pagherei il biglietto per guardare Roger, che ha più classe, e poi Rafa, ma Nole è un fenomeno su tutte le superfici»
CARNET NOIR
13 ore
Si è spento a Bergamo Carlo Ubbiali, vinse 9 Mondiali
Il leggendario pilota di motociclismo aveva 90 anni ed era stato ricoverato in ospedale per problemi respiratori
SUPER LEAGUE
14 ore
La capolista prolunga Ruiz
Il San Gallo si è accordato con il proprio attaccante fino al 2023
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
16 ore
«Spettatori importantissimi ma non indispensabili»
Zurigo, Zugo, Davos, Ginevra e Bienne ai nastri di partenza di una competizione incerta.
SUPER LEAGUE
17 ore
Covid-19, il Sion si allena senza il mister
Ricardo Dionisio Pereira, tecnico dei vallesani, è uno dei 5 elementi entrati in contatto con il coronavirus
CARNET NOIR
19 ore
Dramma Gattuso: morta la sorella Francesca, aveva 37 anni
La giovane donna era stata colpita da un malore lo scorso 3 febbraio
CHALLENGE LEAGUE
20 ore
Continuità a Chiasso: restano Ukrainets e Della Torre
I momò hanno comunicato che non ci sarà nessun cambiamento azionario
FORMULA 1
21 ore
F1, semaforo verde! Ecco le prime 8 gare
Confermate le date e le sedi delle prime 8 tappe del Mondiale. Si partirà dall'Austria con due prove (5 e 12 luglio)
NATIONAL LEAGUE
21 ore
Krueger passa al Losanna, Maurer resta a Ginevra
Il 33enne saluta gli Orsi per iniziare una nuova avventura con i vodesi. Maurer firma fino al 2021
AMBRÌ
08.05.2019 - 09:400
Aggiornamento : 23:57

«Ora l'hockey non è più la mia priorità, l'infortunio mi ha dato altre opportunità»

Un grave infortunio dal quale Christian Stucki ha saputo tirare fuori il lato positivo: «Negli scorsi giorni sono andato nello spogliatoio dell'Ambrì. Si sono accese tante emozioni...»

AMBRÌ - L'infortunio l'ha segnato ma non l'ha certo affondato. Da quel maledetto 24 agosto 2017 - giorno in cui si era rotto i legamenti crociati anteriori del ginocchio destro - Christian Stucki si è sottoposto a ben tre operazioni, con la speranza di poter tornare a giocare a hockey senza nessun fastidio. Durante questo lungo periodo, però, non tutto è andato come si augurava il 26enne. Ciò, inevitabilmente, l'ha costretto a rivedere quelle che erano le sue priorità, (ri)disegnandosi un futuro da zero.

Dallo sconforto e la delusione derivanti dall'evolversi della situazione Stucki - che oggi non ha ancora abbandonato definitivamente la speranza di indossare di nuovo i pattini - ha saputo estrapolare il meglio, iniziando a guardare la vita da un'altra prospettiva e seguendo altre strade. 

«Dopo la terza operazione svolta a Zurigo ho provato a tornare sul ghiaccio in gennaio, ma senza successo. Il dolore era ancora troppo forte. Ho dovuto di nuovo fermarmi, rifiutando anche un paio di proposte che avevo da due club. Oggi sono sempre alla ricerca di un medico, anche al di fuori della Svizzera, che possa risolvermi il problema. In questo momento, infatti, posso soltanto nuotare, corricchiare nell'acqua e fare palestra. Il mio ginocchio non è assolutamente pronto per altro. Purtroppo ad oggi la situazione è questa...». 

Un infortunio che si è trasformato in opportunità...
«In questo lungo periodo ho cercato di rivedere un po' le mie priorità. Sono consapevole che attualmente l'hockey non è più in cima alla lista. Alla luce di ciò mi sono già attivato in altri ambiti per non farmi cogliere impreparato...». 

...quali sono diventate le priorità di Christian Stucki?
«Con altri due amici ho costituito una società che si occupa d'importazione di vino e, in seconda fascia, di agroalimentare nel settore alberghiero e della ristorazione. In questi due anni di inattività ho avuto l'occasione di ampliare le mie conoscenze e di visitare diversi posti. Nella vita sportiva sei abituato ad essere sotto i riflettori e, tramite questo nuovo progetto, voglio provare ad avere successo. Il mio carattere mi dice di essere ambizioso, guardo avanti con fiducia senza piangermi addosso per quanto accadutomi».

In questo tipo di situazioni la testa conta tantissimo... Te come stai a livello mentale?
«Inizialmente stavo male, adesso invece sono consapevole che più passa il tempo e più diventa dura continuare ad essere un giocatore di hockey. Mentalmente sto bene, conscio del fatto che più di così non posso fare. Non ho nulla da rimproverarmi. L'unica cosa per cui sono dispiaciuto è non aver potuto raggiungere i miei obiettivi sportivi: questo, però, non è dovuto a delle mie mancanze tecniche, bensì a un grave infortunio. Oggigiorno posso dire di essere felice e consapevole del fatto che nell'hockey ho sempre dato tutto. Nonostante il mio carattere a volte un po' impulsivo - che in certe occasioni mi ha portato ad avere qualche problema con un paio di allenatori - mi sono sempre impegnato al 100%». 

Molto onestamente quanto credi ancora di poter giocare a hockey?
«Se in due anni giochi solo sette partite è difficile pensare di tornare nel giro. Quando poi vedo che i medici sono i primi a non crederci, allora è giusto che anch'io inizi a mettermi il cuore in pace. Negli scorsi giorni sono andato nello spogliatoio dell'Ambrì a prendere le mie cose e, dentro di me, si sono accese diverse emozioni. Non rabbia, ma emozioni sì. Una carriera da allenatore? Attualmente non ci penso, ma in futuro non lo escludo. In questo momento, malgrado mi sia un po' distanziato dal mondo dell'hockey, mi sto comunque tenendo in forma: ogni giorno nuoto per circa un'ora e mezza. In questi ultimi mesi, però, non ho più guardato una partita...».

HOCKEY: Risultati e classifiche

TiPress (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 08:47:11 | 91.208.130.89