HC Lugano
+ 1
ULTIME NOTIZIE Sport
EURO 2020
1 ora
Euro 2020, ecco le sfide dei playoff
Sedici squadre possono ancora sperare di partecipare a Euro 2020. 4 i posti disponibili
SERIE A
2 ore
«Con CR7 non servono chiarimenti. Il match di Bergamo? Al 99% non giocherà»
Maurizio Sarri ha parlato alla vigilia della sfida contro l'Atalanta: «Cristiano Ronaldo ha un problema che lo sta condizionando anche mentalmente. Puntiamo a recuperarlo per la gara di Champions»
DERBY
5 ore
Ambrì & Lugano: è tutto pronto per il terzo derby
La stracantonale si giocherà alla Valascia: i biancoblù saranno forse più freschi visto che non giocano questa sera, al contrario dei bianconeri (in casa contro il Rapperswil)
SUPER LEAGUE
8 ore
Esame fanalino di coda per il Lugano: a Thun bisogna vincere
I bianconeri se la vedranno contro l'ultima della classe. In Challenge League il Chiasso cerca il terzo successo consecutivo
UDINE
16 ore
«Vivrò a Udine con Lara. Il calcio? Avrei preferito restare fra le pannocchie...»
Valon Behrami ha rilasciato una lunga intervista sulla sua vita: «Il mondo del calcio è fantastico, ma va tutto molto veloce. Lara? Quando torna dalle gare le faccio trovare la cena pronta...»
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Tegola Zugo, Genoni è out
L'estremo difensore dei Tori si è infortunato agli adduttori e dovrà stare lontano dal ghiaccio per circa tre settimane
NATIONAL LEAGUE
17 ore
«Avevo lasciato un gruppo come questo. Kubalik? All-in per seguire i suoi sogni»
Samuel Guerra, tornato a Davos dopo le avventure a Zurigo e Ambrì, è alla seconda esperienza in gialloblù: «Inizio buono, ma il difficile comincia ora. Anche noi svizzeri dobbiamo tirare il carro»
LIGUE 1
17 ore
La rabbia del Lilla contro Mourinho: «Che classe comportarsi così!»
L'allenatore dei francesi Christophe Galtier ha attaccato il nuovo tecnico del Tottenham, reo di avergli "scippato" il vice allenatore e il coach dei portieri senza nemmeno avvisarlo
SERIE A
19 ore
Brescia & Balotelli è già tensione: il 29enne allontanato dall'allenamento
Il tecnico dei lombardi Fabio Grosso ha deciso di spedire anzi tempo sotto la doccia il giocatore a causa del suo atteggiamento svogliato
NATIONAL LEAGUE
20 ore
187 punti in 180 match non sono bastati: il Losanna liquida Jeffrey
La società vodese ha informato il proprio TopScorer che sarà libero di scegliersi un'altra squadra al termine del corrente campionato: «Ci serve un altro profilo di giocatore»
COPPA DAVIS
20 ore
Ritiri e orari assurdi, ma Piqué attacca Federer: «Pensi quello che vuole»
La nuova Coppa Davis piace a pochi e sta facendo discutere. Fognini: «Finalmente è finita... 4:18. È normale?». Nel frattempo Piqué critica King Roger: «Lui ha il suo torneo...»
SUPER LEAGUE
21 ore
Kakabadze ai box
Il Lucerna non potrà contare sul 24enne georgiano per diverse settimane
NATIONAL LEAGUE
23 ore
Rapperswil, rinnova Noël Bader
Il portiere 23enne ha esteso il suo accordo con i sangallesi fino al 2022
SUPER LEAGUE
23 ore
«Se sei ultimo ti brucia il c**o»
Ultimo ma non allo sbando, il Thun pensa alla rimonta. Rapp: «Non cambiamo nulla. Guai a farlo o a mettersi a inventare qualcosa adesso. Perdere la testa non ha senso»
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Lo Zurigo si tiene stretto Noreau
Il difensore canadese ha rinnovato fino al 2022 il suo accordo con i Lions. Sven Leuenberger: «Maxim dà impulsi importanti al nostro gioco»
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Calle Andersson resta fedele al Berna
Il difensore 25enne, che di recente era stato accostato a diversi club - tra cui anche il Lugano -, ha rinnovato con gli Orsi fino al 2023
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Bienne, Kohler firma fino al 2022
Il giovane attaccante ha prolungato il suo accordo con i Seelanders
TENNIS
1 gior
Federer battuto, a Buenos Aires la spunta Zverev
Il 22enne tedesco ha vinto il secondo round del tour d'esibizione. King Roger piegato 7-6(2), 7-6(2)
HCL
1 gior
«Il mio Lugano era in crisi, non questo»
Penultimo ma combattivo, sul ghiaccio della Cornèr Arena il Rapperswil non baderà troppo ai bianconeri: «A noi interessa poco come sta il nostro avversario»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sabbatini potrebbe non rientrare prima dell'anno nuovo»
Maurizio Jacobacci sta preparando il Lugano per Thun: «Siamo pronti. Abbiamo recuperato Bottani, Gerndt ha avuto qualche problema con la pubalgia ma si è allenato con il gruppo»
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
1 gior
Red Bull ottava sorella: in gol anche l'ex Lugano Sanguinetti
La compagine di Monaco ha liquidato il Yunost Minsk 6-0 e nei quarti di finale se la vedrà con il Djurgardens
FORMULA 1
1 gior
«La Ferrari è un posto strano, non andarci»
Bernie Ecclestone ha messo in guardia Hamilton, che nel 2021 potrebbe cambiare scuderia: «Fossi in lui vincerei un altro titolo e mi ritirerei»
VIDEO
NHL
1 gior
Che parata di Fleury: l'intervento è strepitoso (e salva i suoi!)
L'estremo difensore dei Vegas Golden Knights si è regalato il 450esimo successo in carriera
PREMIER LEAGUE
1 gior
«Mou senz'anima, è tutto quello che il Tottenham ha sempre evitato»
Spurs: via Pochettino, dentro lo SpecialOne. Stan Collymore: «È fantastico come qualcuno si sia bevuto il "Mourinho vincente" senza alcun riguardo per chi lascia il club...»
HCL
28.03.2019 - 13:510
Aggiornamento : 19:08

Marco Werder nuovo CEO del Lugano: «Impossibile dire no»

Nominato il nuovo Chief Executive Officer sottocenerino, Vicky Mantegazza: «Marco è una persona che ha i colori bianconeri e l’hockey su ghiaccio nel cuore»

LUGANO - Dopo aver deciso di non rinnovare la fiducia a Greg Ireland e Roland Habisreutinger, il Lugano ha annunciato che Marco Werder è il nuovo CEO (Chief Executive Officer) bianconero. «Una sfida alla quale non ho saputo resistere», le parole del diretto interessato. 

Ecco il comunicato del club bianconero: 

"L’Hockey Club Lugano ha il piacere di annunciare di aver identificato in Marco Werder il suo nuovo CEO (Chief Executive Officer). Per meglio perseguire la strategia e la politica sportiva dell’intera organizzazione e preparare il Club alle sfide del futuro Marco Werder ricoprirà un duplice ruolo di conduzione sia nell’ambito dell’HCL SA, sia all’interno della Sezione Giovanile. 
 
Dopo un’attenta analisi della struttura societaria del Club, il Consiglio di Amministrazione dell’Hockey Club Lugano SA ha definito l’esigenza di poter contare in futuro sulla visione e sulla conduzione dell’intera organizzazione da parte di un unico CEO (Chief Executive Officer).

Per ricoprire questa nuova posizione sono stati valutati diversi profili interessanti. Il CdA ha infine identificato quale miglior candidato Marco Werder, attuale presidente della Sezione Giovanile dell’HCL, editore e imprenditore nell’ambito della comunicazione. 

Vicky Mantegazza, Presidente del CdA: «Marco è una persona che ha i colori bianconeri e l’hockey su ghiaccio nel cuore. Grazie alle sue esperienze personali e professionali è un profondo conoscitore di ogni settore di una società sportiva moderna, porta spirito imprenditoriale e una forte capacità di gestione e motivazione del personale».

Classe 1972, Marco Werder è nato e cresciuto a Lugano, ha giocato nel settore giovanile ed è stato giovanissimo capitano della squadra Juniori Elite a 15 anni. Con le maglie dell’HCL, del Rapperswil e del Coira tra il 1992 e il 2001 ha giocato 214 partite da professionista nell’allora LNA e 183 partite nell’allora LNB, dove ha festeggiato due promozioni.

Chiusa la carriera di giocatore, è entrato nella Sezione Giovanile dell’HCL dapprima come allenatore diplomato, a partire dal 2012 come presidente e responsabile dell’intero movimento. Grazie anche alla sua passione e al suo interesse per la formazione a 360 gradi, il vivaio bianconero è cresciuto anno dopo anno, tanto da conseguire due stagioni orsono il primo posto nella speciale classifica Label della SIHF per la qualità della formazione. Marco Werder è inoltre stato il promotore del progetto cantonale Scuola Media per sportivi concretizzatosi negli ultimi due anni scolastici.

Sul piano professionale, conseguita la maturità liceale, Marco Werder ha studiato economia aziendale a Zurigo e si è presto avventurato, ancora da giocatore attivo, nel mondo della comunicazione e del marketing. Oggi, a 47 anni, è editore e caporedattore dello storico magazine Illustrazione Ticinese, è stato contitolare e fondatore dell’agenzia di comunicazione YJOO Communications, ed è membro di direzione di Farner Consulting SA, azienda per la quale è responsabile per la sede della Svizzera italiana e per il settore sport a livello nazionale.

Marco Werder: «Sono molto orgoglioso che l’Hockey Club Lugano abbia pensato alla mia persona per ricoprire questo nuovo ruolo essenziale per il futuro del Club. La mia non è stata una decisione facile. Assumere questa nuova carica significa riorganizzare la mia vita professionale, ma la passione che nutro per l’hockey su ghiaccio e per l’HCL, così come l’interesse e la curiosità per le diverse sfaccettature che compongono la gestione e conduzione di una società sportiva come la nostra, rappresentano una sfida alla quale non ho saputo resistere».

Marco Werder inizierà la sua attività di CEO a partire dal 1. agosto 2019 e avrà come compito la guida e la conduzione della Hockey Club Lugano SA. Coerentemente con l’obiettivo strategico di avvicinare ulteriormente le due realtà del Club, resterà nel contempo direttore operativo della Sezione Giovanile dell’HCL".

TiPress (Foto d'archivio)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
BarryMc 7 mesi fa su tio
Ottimo! Luganese DOC e uomo di hockey!!! In bocca al lupo sig. Werder e buon lavoro
Evry 7 mesi fa su tio
Complimenti e auguri, cancelli subito le traccie lasciate dal Kultura del Laworo, grazie
albertolupo 7 mesi fa su tio
chief executive officer = amministratore delegato. Meglio ancora e più comprensibile: direttore generale.
Zarco 7 mesi fa su tio
Stavo pensando; ds ex hcl ....su Suri e Lammer non male !
sergejville 7 mesi fa su tio
@Zarco anche Zangger, del quale nessuno parla.
BarryMc 7 mesi fa su tio
@Zarco Concordo
Zarco 7 mesi fa su tio
@sergejville Sui 2 Zugo, sono convinto; sul giocatore Losanna non saprei !
BarryMc 7 mesi fa su tio
@sergejville Concordo!
Zarco 7 mesi fa su tio
Finalmente, uno che ha il Lugano nel cuore !!!!!
budo76 7 mesi fa su tio
Complimenti e Auguri Marco
Francesco Cech Selmoni 7 mesi fa su fb
Bella notizia!👍🔥
cle72 7 mesi fa su tio
Tanto di cappello ad essere ancora in seno alla HCL dopo essere stato posteggiato in serie B come tanti altri giovani ticinesi di quei tempi..un plauso a lui.
sergejville 7 mesi fa su tio
@cle72 "posteggiato"? Semplicemente non aveva il livello per emergere in NLA e/o è stato mandato a giocare (di più) in altri Club. Non vedo cosa ci sia di strano. Infatti -da buon luganese- è tornato nel Club fino ad assumersi la carica futura. Bianconero di fatto e nel cuore.
Zarco 7 mesi fa su tio
@cle72 Posteggiato ???verbo sbagliato, semplicemente non livello eccelso .
dino 7 mesi fa su tio
@cle72 Tra tutti , che commenti inutili, solo a far polemica e giudicare persone che non conoscete, poi che c’entra il suo passato di giocatore con il suo nuovo ruolo di CEO del Lugano.
SSG 7 mesi fa su tio
@cle72 Se uno non ha il livello per giocare in serie A è giusto dargli la possibilità di giocare dove trova spazio. A dover di cronaca anche l'Ambrì ha posteggiato tanti giocatori nella lega cadetta. Addirittura Tallarini è stato mandato a Basilea perché non ritenuto idoneo ... però dopo è diventato campione svizzero con il Davos.
cle72 7 mesi fa su tio
@dino Lui effettivamente non lo conosco ma conosco altri per questo scrivo.
cle72 7 mesi fa su tio
@cle72 Giusto per precisare io non ho commentato la persona anzi gli ho fatto un plauso. Ho commentato la dirigenza che fu...spazio ai giovani ticinesi di casa nulla rien Nada niet!!!
cle72 7 mesi fa su tio
@sergejville Posteggiato! Punto! A Lugano era così punto! Se volevi giocare o emigravi in altre squadre o fini in b non c'era spazio per i ticinesi a parte se non eri un mostro sacro. Rivedi i roster e mia darai ragione.
sergejville 7 mesi fa su tio
@cle72 si certo ma non per forza è una "colpa" del Club. Punto, lo dico anch'io; posso? ;-) Lo spazio c'era ma bisognava anche avere talento, forza fisica e carattere. E tanti non avevano questi ingredienti per giocare nel Lugano che, non dimentichiamolo, detiene il record di presenze nei POff dalla loro introduzione. Punto.
Alessandro Milani 7 mesi fa su fb
Ci sono piu alte cariche manager ecc ecc che stranieri decenti...manco in nhl........cmq auguri
F/A-18 7 mesi fa su tio
Solo chi ama il Lugano può farne parte, tutto il resto è da evitare. Poi magari non sarà ancora sufficiente a vincere il titolo però si ottiene una squadra vera che suda per questi colori, con convinzione, i risultati arriveranno di conseguenza.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 15:04:50 | 91.208.130.86