Keystone (foto d'archivio)
+13
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
5 ore
King Roger: «Vedremo per quanto tempo potrò ancora stare in campo»
Il campione rossocrociato ha parlato delle sue condizioni fisiche: «Adesso il mio ginocchio sta bene»
FEMMINILE
6 ore
Lugano Ladies: torna Evelina Raselli
Il roster della formazione femminile bianconera sta iniziando a prendere forma
CHALLENGE LEAGUE
7 ore
Covid-19: positivo anche un calciatore del Grasshoppers
La sfida fra le cavallette e il Wil di questa sera è stata rinviata
SUPER LEAGUE
8 ore
Tegola YB: stagione finita per Hoarau
L'attaccante dei gialloneri ha rimediato uno strappo muscolare. Il suo campionato si è concluso in anticipo
SUPER LEAGUE
9 ore
Niente match: tutti i giocatori dello Zurigo in quarantena
Coronavirus: i tigurini dovranno restare in isolamento per dieci giorni
SUPER LEAGUE
9 ore
Il Sion non si scompone: «Siamo pronti a qualsiasi scenario»
I vallesani si sono allenati e sono pronti ad affrontare lo Zurigo domani sera come da programma
MOTO GP
10 ore
Annullato il GP di Austin
Adesso è ufficiale: niente gara negli Stati Uniti nel 2020 a causa della situazione sanitaria
SUPER LEAGUE
10 ore
La Super League trema: «Sapevamo che c'era un rischio...»
La positività al Covid-19 del giocatore dello Zurigo potrebbe aprire diversi scenari. Adesso si attendono i risultati
SWISS LEAGUE
12 ore
Ticino Rockets, un nuovo inizio... imparando dal passato
La formazione ticinese è carica e motivata in vista della prossima stagione del campionato cadetto
SUPER LEAGUE
13 ore
Zurigo: il difensore Kryeziu positivo al coronavirus
Si tratta del primo caso dalla ripresa del campionato svizzero. Martedì il 27enne è sceso in campo contro lo Xamax
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
06.03.2019 - 07:000
Aggiornamento : 14:16

HCAP e HCL sfavoriti ma facilitati

I playoff si avvicinano e Ambrì e Lugano guardano a essi con fiducia. Arno Rossini: «Bienne e Zugo ora sembrano favoriti; quanto fatto da settembre in avanti non conta però troppo»

AMBRÌ/LUGANO – Tre giorni e i playoff cominceranno a deliziare gli appassionati di hockey. Tre giorni e, come al solito diviso a metà, il Ticino inizierà a spingere le sue due squadre, per una volta entrambe autorizzate a sognare.

Già, sognare. Guardando a quanto accaduto nei primi sei mesi di stagione Ambrì e Lugano, citati in rigoroso ordine di classifica, oltre a spingere al massimo, devono per il momento limitarsi a quello. Partiranno infatti senza i favori del pronostico rispettivamente contro Bienne e Zugo, meglio piazzati in classifica e, per questo, con il vantaggio del fattore pista. Scattare “dietro” non è però per forza uno svantaggio. Non del tutto almeno. La pressione infatti sarà tutta sulle spalle delle rivali, che tra l'altro non sembrano neppure imprendibili. Ma poi, cosa significa essere favoriti? In fondo si ricomincia da zero...

«Bienne e Zugo hanno fatto meglio di Ambrì e Lugano, per questo, sulla carta, sembrano favoriti – è intervenuto Arno Rossini – Quanto fatto da settembre in avanti non conterà però troppo con l'inizio dei quarti di finale».

Le serie dei playoff si possono paragonare, per la tensione che le accompagna, a un turno di Champions League. In quel caso non sempre chi parte con i favori del pronostico è quello che affronta con più leggerezza la sfida.
«E questo accade soprattutto quando il valore delle due avversarie è simile, quando non ce n'è una nettamente più forte dell'altra. In quel caso infatti le possibilità di una sorpresa sono infatti minime. Quando invece le contendenti sono vicine, ecco che chi parte “dietro” può, per certi versi, vedere facilitato il suo compito».

È sfavorito ma ha un compito più facile?
«La voglia di dimostrare di non essere da meno di un avversario che fino a quel momento ha fatto meglio può dare una grande spinta. Abbiamo detto che, classifica della regular season alla mano, Ambrì e Lugano sono sfavorite, giusto? Io aggiungo che Bienne e Zugo non avranno certo vita facile. Che le ticinesi hanno ottime possibilità di passare il turno. I biancoblù sono stati costanti per tutto l'anno. I bianconeri sono invece cresciuti nelle ultime settimane. Per entrambe il quarto può avere un esito felice».

Il Bienne è partito benissimo ma poi è calato, senza più ritrovare grandissima brillantezza.
«Per questo guardo con fiducia alla serie dei leventinesi, sempre ottimamente comandati e istruiti da coach Cereda».

Lo Zugo è stato fortissimo fino alla certezza della qualificazione ai playoff e al successo in Coppa. Poi ha mollato.
«Ma saprà riprendere a correre».

Una squadra si può accendere così, a comando?
«Non è semplice, a meno che non abbia gestito con tranquillità e calma il periodo di basse motivazioni. I grandi gruppi però non hanno problemi a ritrovarsi in un attimo quando le partite riprendono a contare. Il Lugano ha pescato una bella rivale...».

Abbiamo raccontato di serie molto più equilibrate di quel che tanti possano pensare. Cosa può invece far deragliare biancoblù e bianconeri?
«Una pessima entrata in materia. Partire con il piede sbagliato potrebbe regalare a Bienne e Zugo quelle certezze che, a inizio playoff, ancora devono essere guadagnate. E se a una grande fai capire di... essere grande, ecco che le tue possibilità di sorprenderla si riducono drasticamente».

HOCKEY: Risultati e classifiche

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (DAVIDE AGOSTA)
Guarda tutte le 17 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 04:03:10 | 91.208.130.86