Keystone
NATIONAL LEAGUE
08.11.2018 - 14:110
Aggiornamento 23:09

«Svizzera invidiata, perché cambiare?»

Raeto Raffainer è scettico sull'eventualità di aumentare il numero di stranieri per squadra: «Fuori dalla top-six mondiale siamo l'unico paese che ha tutte le nazionali nei Gruppi Mondiali A»

BERNA - C'è molta attesa nella Svizzera hockeystica in vista della votazione del 14 novembre, quella che potrebbe portare il numero di stranieri in National League da quattro a sei. Se ogni club ha ovviamente la sua idea - che verrà espressa tra sei giorni nelle sedi opportune - tale iniziativa che ripercussioni avrebbe sul movimento delle squadre nazionali elvetiche?

Lo abbiamo chiesto al direttore delle stesse compagini nazionali Raeto Raffainer, molto scettico su tale possobilità... «Non capisco come mai si voglia cambiare un prodotto che funziona benissimo e che tantissimi paesi ci invidiano. Con quattro stranieri per squadra abbiamo trovato il giusto equilibrio per il nostro campionato. Le due medaglie d'argento della nazionale maggiore, conquistate negli ultimi cinque anni, pensate siano arrivate per caso? No, per nulla. Dietro a questi risultati c'è tanto duro lavoro, iniziato in passato e sbocciato negli anni in cui i giocatori protagonisti delle magiche cavalcate di Stoccolma e Copenaghen avevano potuto esordire e mostrare il loro valore nel massimo campionato. Con sei stranieri per compagine, inevitabilmente, si andrebbe a rallentare questo processo... ». 

La Svizzera ha tanti motivi di cui andare fiera... «Fuori dalla top-six mondiale siamo l'unico paese che ha tutte le nazionali nei Gruppi Mondiali A. E anche questo dev'essere un motivo d'orgoglio per la Svizzera hockeystica, la quale - in particolare a livello giovanile - lavora sodo tutti i giorni per far crescere le giovani leve. Come detto prima non v'è motivo per cambiare questo prodotto, ma posso capire i discorsi economici che ruotano attorno a certe scelte. Di questi, però, preferisco non parlarne...». 

Commenti
 
sergejville 1 sett fa su tio
d'accordo con Raeto al 100%.
Mat78 1 sett fa su tio
Aumentare gli stranieri non farà diminuire il costo dei top svizzeri, anzi...questo è un trappolone bernese, occhio! Chi ha grossi mezzi finanziari spenderà di più per gli stranieri (da 4-5 top player d'importazione passeremmo ad almeno 7 stranieri), salterebbero circa 36 posti attualmente occupati dagli svizzeri, ma i top svizzeri varrebbero ancora di più...inoltre con così tanti stranieri per i ruoli di: portiere, centro e difensore, gli svizzeri avrebbero spesso la strada sbarrata e non ci sarebbe possibilità di crescita e sviluppo di giovani talenti svizzeri...senza menzionare che svizzeri che giocheranno le situazioni speciali sarebbero sempre meno (altro danno). Idea del cavolo che solo chi se ne strafrega del movimento hockeistico nazionale poteva avere...
Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzera
stranieri
nazionali
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-16 13:21:29 | 91.208.130.86