Keystone
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
09.10.2018 - 11:130
Aggiornamento 13:53

«Lugano? Squadra un po' scarica. In Champions con un'altra testa»

La formazione bianconera affronterà nella serata odierna i finlandesi del JYP: «È una partita da dentro o fuori, mi auguro che Ireland getti nella mischia anche Haapala»

LUGANO - Questa sera - martedì 9 ottobre - il Lugano ospita alla Cornèr Arena i finlandesi del JYP, nella quinta sfida valida per la fase a gironi di Champions League (ore 19.45).

I bianconeri - terzi del Gruppo H con 3 punti, a tre lunghezze proprio dagli scandinavi secondi (6) - non possono permettersi di sbagliare davanti ai propri tifosi: una sconfitta eliminerebbe infatti prematuramente la truppa di Ireland dalla competizione europea. «È una partita da dentro o fuori», è intervenuto l'ex attaccante di Lugano e Ambrì degli anni '90 Stefano Togni. «I bianconeri dovranno evidentemente scendere in pista con un'altra testa rispetto alle ultime due gare di campionato, ovvero con voglia, passione e spirito di sacrificio. Bisogna avere fame, soltanto così i risultati arriveranno».

Dopo un derby giocato ad alti livelli, la squadra è notevolmente calata nei due match seguenti perdendoli entrambi e realizzando solo una rete...  «Siamo a inizio stagione e la situazione non è sicuramente drammatica, anche se sul ghiaccio ho visto una squadra un po' scarica. Contro il JYP il gruppo è chiamato a una reazione, visto che un risultato positivo sarebbe importante per il morale di tutto l'ambiente. Penso che sia la partita ideale per ritrovare gli stimoli giusti: non è infatti mai semplice ripartire mentalmente da zero dopo una cavalcata straordinaria come quella degli scorsi playoff».

Potrebbero esserci dei malumori di qualcuno nei confronti di Ireland? «Non penso proprio. Un aspetto positivo di Ireland è che mette tutti i giocatori sullo stesso livello, che siano stranieri o giovani. Il gruppo ha poi sempre dimostrato di seguire il suo credo, per questo motivo non credo che possa essere un problema per qualcuno».

Klasen è finora mancato soprattutto per quanto riguarda la costruzione del gioco... «L'assenza dello svedese non facilita sicuramente il compito. Sul ghiaccio manca in particolar modo la sua leadership, che permette alla squadra di essere più pericolosa. Non deve però essere una scusa, il roster del Lugano ha molta qualità e tutti i giocatori sono obbligati ad aumentare il loro livello. Haapala? Possiede delle buone doti di pattinaggio, così come un'interessante tecnica di bastone. Mi auguro che Ireland riesca a gettarlo nella mischia già questa sera in Champions».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
ireland
champions
jyp
partita
po
testa
altra testa
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-16 00:02:47 | 91.208.130.87