CHI Blackhawks
MIN Wild
01:00
 
DET Wings
LA Kings
01:00
 
CHI Blackhawks
NHL
0 - 0
01:00
MIN Wild
Ultimo aggiornamento: 16.12.2019 00:05
DET Wings
NHL
0 - 0
01:00
LA Kings
Ultimo aggiornamento: 16.12.2019 00:05
Keystone
ULTIME NOTIZIE Sport
SWISS SPORTS AWARDS
1 ora
Sports Awards: gioie per Kambundji e Stucki
Il riconoscimento alla squadra dell'anno è andato alla 4x100, nella quale figura anche la ticinese Ajla Del Ponte
SERIE A
1 ora
Inter fermata a Firenze
Il match del Franchi si è chiuso sull'1-1 e ora i nerazzurri non sono più primi in solitaria
SUPER LEAGUE
2 ore
«Ho una squadra di qualità. Mercato? Ne discuteremo»
Maurizio Jacobacci si è detto soddisfatto per l'attitudine e le prestazioni del suo Lugano: «La squadra ha accettato quello che volevo»
SERIE A
4 ore
La Roma è un diesel, Spal superata
Chiuso in svantaggio un brutto primo tempo ma cresciuti alla distanza, i giallorossi hanno battuto 3-1 i ferraresi
COPPA SVIZZERA
4 ore
Sgambettato il Bienne, Ajoie in finale
Piccola, grande, impresa dei giurassiani che, impostisi 4-3 sui bernesi, hanno guadagnato il diritto di sfidare il Davos nel match che assegnerà il trofeo
SUPER LEAGUE
5 ore
Cessione? Renzetti nero (ma è rinfrancato dalla squadra)
Il presidente bianconero è deluso da come sta andando la trattativa per il passaggio di mano del club. Sul piano sportivo, invece, guarda con fiducia al futuro
UNIHOCKEY
5 ore
Svizzere gigantesche, ma la favola non ha il lieto fine
La nazionale femminile non è riuscita nell'impresa di battere la Svezia. Sconfitta 3-2 (all'overtime) nella finale del Mondiale, si è dovuta “accontentare” dell'argento
SUPER LEAGUE
6 ore
Per il Lugano arrivano pari, record e vacanze (ma non per tutti)
I bianconeri hanno chiuso la prima parte del campionato pareggiando 0-0 contro lo Young Boys. Ora il rompete le righe, mentre Renzetti proverà a completare la vendita del club
COPPA SVIZZERA
6 ore
Davos primo finalista
Battuto 4-1 il Rapperswil, i grigionesi si sono qualificati per l'ultimo atto di coppa
SCI NORDICO
6 ore
Bel podio grigionese per Cologna
Il 33enne ha chiuso al terzo posto, superato da Krüger e Ustjugov, la 15km a tecnica libera di Davos
SERIE A
7 ore
Timbro di Ronaldo e la Juve riparte
Una doppietta del portoghese ha lanciato i bianconeri, impostisi 3-1 sull'Udinese. Milan fermato sul pari dal Sassuolo. Bologna avanti contro l'Atalanta
HCAP - L'ANALISI
28.01.2018 - 19:200
Aggiornamento : 22:21

Ai playout tra fiammate, errori, cadute e reazioni: c'è di tutto in questo Ambrì

Weekend decisamente movimentato per i biancoblù di Cereda. Piegato il Bienne all'overtime, i leventinesi hanno sbandato a Berna prima di tentare la rimonta. Tanti gli spunti su cui riflettere

AMBRÌ - Belle giocate, erroracci, brutti passaggi a vuoto e improvvise fiammate: c'è di tutto nel weekend biancoblù. Capace di tornare al successo venerdì alla Valascia piegando il rognoso e fin lì lanciatissimo Bienne di Törmänen all'overtime (3-2), l'Ambrì è caduto sul ghiaccio della capolista Berna (6-4) in una sfida decisamente movimentata e dai due volti. Due i punti conquistati, per un totale di 43 in 44 partite: da ieri i leventinesi hanno anche la certezza matematica - mancava solo quella - di dover disputare il girone playout. Non una sorpresa, ad inizio stagione staff e società erano stati limpidi e sinceri nell'indicare gli obiettivi, ma comunque un appuntamento sempre da bollino rosso a cui si dovrà arrivare pronti, possibilmente in salute (preoccupa l'infortunio di D'Agostini) e con le idee ben chiare.

Restando focalizzati sulla stretta attualità, negli impegni del weekend l'Ambrì ha saputo mostrare pregi e difetti, facendosi sicuramente preferire contro il Bienne, salvo poi pagare un'indecisione di Conz nel finale (fin lì impeccabile e più volte provvidenziale). L'estremo difensore, che nel corso della stagione - e questo va sottolineato - ha ampiamente confermato il suo valore e la sua affidabilità, ha di fatto servito sul bastone di Pouliot il disco del 2-2 al 59'. Acciuffati in extremis dai Seelanders i sopracenerini hanno avuto il merito di non scomposti e, con carattere e la giusta attitudine (aspetti certamente apprezzati da coach Cereda), hanno spinto a tutta nell'overtime prendendosi di forza l'extra-point. Decisiva la rete di Zwerger, mattatore della serata e premiato come migliore in pista, sicuramente da applausi la grinta e lo spirito di capitan Fora ma anche degli altri biancoblù. Tra le note liete del match col Bienne vi è anche il ritorno al gol di Dominik Kubalik, che era a secco dal 9 dicembre. Le reti del giovane ceco, sempre e comunque tra i più pungenti, servono e serviranno "maledettamente" a questo Ambrì.

Vinto il duello con il Bienne dopo 3 ko filati, recuperata autostima e morale, sulla strada dell'Ambrì - sempre in cerca della famosa costanza - si è poi presentata la prima della classe. Di scena a Berna, i biancoblù hanno toppato l'entrata in materia (3-0 al 15'), ritrovandosi sotto 5-0 dopo 40'. Quando la sfida sembrava già archiviata, Kostner - sempre tra gli ultimi a mollare - ha però dato la scossa firmando il 5-1 in entrata di terzo tempo. Da quel momento i biancoblù si sono infiammati iniziando a vincere tutti i duelli, mettendo pressione ai bernesi e segnando in un attimo altre tre reti, di cui ben 2 in powerplay (efficace) e una in shortanded ancora con il brillante Kostner. L'Ambrì, da una situazione estremamente negativa, ha così avuto la forza di risollevarsi e dare segnali importanti. L'esito finale non è cambiato, ma gli Orsi si sono innervositi e hanno realmente temuto l'aggancio.

Nessun punto dunque dalla trasferta nella Capitale, ma per i leventinesi un mix di emozioni e indicazioni che deve servire da lezione. Aspetti positivi e altri meno, tra i quali la classifica nuda e cruda. I sopracenerini, lontani 15 punti dal decimo posto (un abisso con 12 partite ancora da giocare tra regular season e girone playout), hanno ormai il fiato sul collo degli Aviatori. Il Kloten, tra passi falsi e qualche sussulto, si è ormai portato a -3 dai biancoblù e, da qui alla fine (salvo colpi di scena), le due squadre si giocheranno il fattore pista nella finale playout.

Ora le ultime fatiche prima della sosta per le Olimpiadi (sotto con Ginevra, Friborgo e Davos), poi ancora tre impegni prima dei playout. La strada è tracciata, l'Ambrì ha una missione-salvezza da compiere: il gruppo biancoblù dovrà ora continuare a lavorare a testa bassa in cerca di continuità tra una prestazione e l'altra come pure nell'arco dei 60'.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Gus 1 anno fa su tio
I play out saranno decisi dagli arbitri
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 00:10:17 | 91.208.130.87