Keystone
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
1 ora
King Roger resta in corsa, affondato Berrettini
Il fuoriclasse renano supera 7-6(2), 6-3 l'italiano e resta in corsa per un posto in semifinale alle ATP Finals
TENNIS
3 ore
"Hai perso perché ti sei sposato?" e il Nadal furioso sbrocca: "Str***ate"
Nervoso dopo la sconfitta incassata da Alexander Zverev, in conferenza stampa Rafa Nadal ha dovuto fronteggiare una domanda non troppo sensata di Ubaldo Scanagatta
NATIONAL LEAGUE
6 ore
«Lavoro per guadagnarmi più ghiaccio. Futuro? Aperto a ogni possibilità»
Il Friborgo, dopo un avvio complicato e il cambio di coach a inizio ottobre, ha dato segnali di crescita e inanellato 3 vittorie prima della sosta. Lhotak: «Vogliamo continuare in questa direzione»
FORMULA 1
6 ore
Verstappen-Albon, la Red Bull non cambia
Per il prossimo campionato la scuderia austriaca ha confermato, accanto all'olandese, il 23enne thailandese
NATIONAL LEAGUE
8 ore
Cadonau sarà un Toro
Il 31enne difensore del Langnau ha firmato un biennale con lo Zugo
HCL
9 ore
«Nilsson non giocherà più, ma non prenderemo Klasen»
Zurigo capolista intrattabile? Sven Leuenberger: «Dopo la pausa è sempre dura. Lugano squadra pericolosa, che gioca per divertire. Può vincere il titolo»
HCL
11 ore
Postma e il Lugano davanti al rullo compressore
Fin qui capace di vincere 9 delle 10 partite disputate all'Hallenstadion, questa sera lo Zurigo ospiterà i bianconeri del debuttante difensore canadese
TENNIS
19 ore
Zverev impeccabile, Nadal piegato in due set
Il 22enne tedesco non ha lasciato scampo al mancino di Manacor, liquidato 6-2, 6-4 alle Atp Finals
NAZIONALE
19 ore
La Svizzera perde anche Freuler
Al posto del centrocampista dell'Atalanta Vlado Petkovic ha convocato Michel Aebischer
SERIE A
20 ore
«CR7? Serve rispetto per gli allenatori e i compagni»
Roberto Mancini ha detto la sua sul "caso" di Cristiano Ronaldo, furioso dopo essere stato sostituito da Sarri. Nel frattempo l'asso portoghese ha chiuso la polemica sui social
HCL
26.01.2018 - 21:580
Aggiornamento : 27.01.2018 - 13:46

Che gran Lugano: quattro schiaffi alle ambizioni del Berna

Terzo successo stagionale su quattro incontri con gli Orsi per i bianconeri i quali, solidi e cinici, hanno festeggiato 4-0 alla Resega

LUGANO – Spigoloso e concreto, cattivissimo e con grande qualità, il Lugano ha centrato una prestigiosa vittoria, piegando 4-0 il Berna alla Resega. In un match che, per intensità e ritmi, è stato un'anticipazione dei playoff, i bianconeri hanno mostrato alla National League di avere le caratteristiche e il carattere per giocare alla pari con la squadra dominatrice del campionato. Su una stagione intera gli Orsi sono sicuramente più competitivi. Su un match o una serie (sono tre le vittorie su quattro sfide stagionali contro la truppa di Jalonen) i ticinesi non partono però battuti. Anzi.

Che non sarebbe stata una sera di grassi banchetti il Lugano lo ha fatto subito capire al Berna, sceso in Ticino per blindare il primo posto e, soprattutto, per levar sicurezza ai padroni di casa. Chi ha chiuso la sfida con qualche certezza in meno sono invece stati proprio gli Orsi i quali, pur spingendo al massimo, sono arrivati al 60' con in mano un pugno di mosche. Il rovescio, per la prima della classe, è nato fin dai primi minuti. Merito della difesa bianconera, immediatamente attenta e solidissima, e dell'opportunismo di chi di mestiere fa gol. In questo caso Dario Bürgler. Il 30enne ha scritto il suo nome nel tabellino dei marcatori già al 5', dando un piccolo ma prezioso vantaggio ai locali. Gli ospiti non sono rimasti a guardare ma, nonostante muscoli e buone idee, non sono stati in grado di sorprendere Merzlikins. Rüfenacht, Arcobello, Bodenmann... in tanti hanno tentato di lasciare il segno. Non ci sono riusciti e si sono innervositi. Non ci sono riusciti e si sono dimostrati imperfetti. Da qui, al 27', è nato il pesantissimo 2-0 di Morini, ottimamente servito da Reuille. Con il passare dei minuti, come prevedibile, la pressione di Blum e compagni è aumentata. Non è però mai stata asfissiante; non ha cioè mai spinto gli uomini di coach Ireland sull'orlo del baratro. Seppur ogni tanto con il fiatone, i ticinesi hanno infatti sempre risposto con ordine e decisione ai graffi subiti, “rimbalzando” ogni tentativo di spaventare Elvis e, dal terzo tempo, prendendo decisamente in mano le redini dell'incontro. Il punto di Riva (53') e poi quello di Hofmann (57') sono stati solo la logica conseguenza di quanto visto sul ghiaccio e hanno messo in cassaforte risultato e punti.

Più che il successo in sé è in ogni caso stato il modo in cui il Lugano ha affrontato un'avversaria stratosferica a mandare in visibilio gli oltre 6'000 della Resega. Senza timore reverenziale ma, al contrario, con grande sicurezza nei propri mezzi, i bianconeri hanno infatti dimostrato che, sul breve periodo, possono essere migliori di tutti. C'è da tenerne conto. Ora come a marzo e aprile, quando cioè i match varranno davvero.

LUGANO-BERNA 4-0 (1-0, 1-0, 2-0)
Reti: 4'59” Bürgler 1-0 (Vauclair); 26'16” Morini (Reuille) 2-0; 52'01" Riva (Walker) 3-0; 56'19" Hofmann 4-0.
LUGANO: Merzlikins; Furrer, Sanguinetti; Vauclair, Ronchetti; Riva, Chiesa; Wellinger; Hofmann, Lajunen, Brunner; Bertaggia, Lapierre, Etem; Romanenghi, Cunti, Bürgler; Reuille, Morini, Walker; Fazzini.
Penalità: Lugano 4x2'; Berna 3x2'.
Note: Resega, 6'048 spettatori. Arbitri: Eichmann, Urban, Progin, Wüst.

Keystone
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
sergejville 1 anno fa su tio
Il vero hockey.
Evry 1 anno fa su tio
Grande Lugano anche con i sonollenti tra le nuvole Ronchetti e Brunner hanno dimostrato carattere e concretezze , BRAVI
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 18:17:13 | 91.208.130.87