Keystone
Lauper, con la maglia dedicata all’80esimo anniversario dell’Ambrì, in azione contro il Davos
ULTIME NOTIZIE Sport
SERIE A
4 ore
Uragano Atalanta: Torino umiliato 7-0
La Dea, trascinata da uno scatenato Ilicic (prodezze e tripletta), ha maltrattato i granata di Mazzarri
NATIONAL LEAGUE
4 ore
Il Friborgo conquista 3 punti d'oro, il Berna cede all'overtime
I Dragoni, in trasferta, hanno piegato 3-1 il Losanna. Orsi battuti in casa dal Ginevra (4-3 OT). Successi al supplementare anche per Zugo e Zurigo
HCAP
5 ore
L’Ambrì doma i Tigrotti e ritrova il gusto della vittoria
I leventinesi hanno superato 4-2 il Langnau grazie (anche) ad un micidiale powerplay. Doppietta di un ispirato D’Agostini
SWISS LEAGUE
5 ore
I Rockets si inchinano al Kloten
I rivieraschi, impegnati in trasferta, sono stati sconfitti 9-1
SUPER LEAGUE
5 ore
Il Lucerna di Celestini fa festa al Letzigrund
Impegnati in trasferta, i lucernesi si sono imposti 3-2. Xamax piegato 2-1 dal Servette, che ha aperto le marcature con il gol-lampo di Koné
BASKET
6 ore
Il Riva cade contro il Pully
Trasferta amara per le ticinesi, battute 72-64
SERIE A
7 ore
Dragowski ferma Behrami & Co
Fiorentina e Genoa hanno impattato 0-0, con il portiere Viola grande protagonista. Criscito ha sbagliato un rigore al 15'. Successo del Bologna
SERIE A
9 ore
«Tornare al Napoli? Dopo la Juve potrei anche smettere»
Maurizio Sarri, ex tecnico dei partenopei, si prepara al ritorno al San Paolo da grande ex: «Sarà speciale, ma...»
MOTOMONDIALE
10 ore
«Rossi e Marquez hanno vinto barando. È tutto falso, chiedete a Lüthi»
Durissimo sfogo dell'ex pilota Marc West, messo al bando dopo una sospensione per doping: «F*****i FIM»
SCI ALPINO
14 ore
Feuz secondo, la Streif resta "stregata"
Il campione rossocrociato, per la quarta volta negli ultimi cinque anni, ha chiuso al secondo posto la Discesa di Kitzbühel. Successo di Mayer
HCAP
16.01.2018 - 13:510
Aggiornamento : 17.01.2018 - 09:12

«Stagione davvero difficile, la bagarre mi ha fatto bene»

Adrien Lauper, attaccante dell'Ambrì, ha parlato del suo momento personale e di quello della squadra: «Dobbiamo sempre dare il 100%»

AMBRÌ - Ottimo all’Hallenstadion, fiacco e a tratti inguardabile nella domenica vissuta alla Valascia - balzata agli onori della cronaca anche per la violenza, i disordini e le deprecabili gesta di una sessantina di pseudo-tifosi ospiti -, l’Ambrì dopo l'acuto contro lo Zurigo ha fallito una nuova prova di maturità arrendendosi al Losanna di Sarault. «Contro i Lions abbiamo fatto una gran bella partita, mentre con il Losanna non ci siamo presentati in pista… - spiega schietto e sincero l’attaccante biancoblù Adrien Lauper - Dobbiamo sempre dare il 100%, quando non lo facciamo è impossibile vincere le partite. Ci sono stati troppi buchi, troppi passaggi a vuoto: nel secondo tempo non abbiamo praticamente portato conclusioni dallo slot e, se non si tira da dove fa male, non si segna».

Poca grinta, poca intensità: tanti aspetti non hanno funzionato. «Il Losanna ha dato tutto, ha lavorato più di noi e questo è inaccettabile. Non possiamo dare meno degli avversari davanti al nostro pubblico, tanto più davanti alle famiglie e ai bambini che vengono a vederci».

Il gruppo leventinese cerca continuità, ma nel frattempo sono già passate 40 partite e ora il decimo posto occupato dal Langnau è lontano 11 punti. «Vero. Non riusciamo a vincere due partite di fila e questo è un problema. Adesso abbiamo una settimana intera per allenarci duramente e preparare le sfide con Zugo e Langnau (sabato alla Valascia, ndr)».

In casa l’Ambrì ha totalizzato 21 punti in 19 partite, fuori 20 in 21 gare. Il rendimento è (troppo) simile, la Valascia non è certo un fortino. Lauper come se lo spiega? C’è un po’ di pressione? «Non c’è una spiegazione. I tifosi ci sostengono tantissimo e non dovremmo avere problemi in questo senso. Dovrebbe essere un vantaggio, ma in termini di punti conquistati non è così e questo è un peccato».

Dal momento della squadra a quello personale: in 38 partite Lauper ha messo a referto solo una rete e il bilancio +/- è di -15. «Personalmente è una stagione davvero difficile. Da inizio 2018 però mi sento meglio sul ghiaccio, la bagarre nel derby mi ha un po’ liberato, mi ha fatto bene. È un anno complicato ma ho fiducia e do tutto: il mio motto, come quello del gruppo, è “Non mollare mai”».

Lauper, impiegato a volte come 13esimo attaccante e in media 10’45” a partita, ha comunque sempre accettato da vero professionista le scelte di Cereda. «"Chiudo gli occhi" e lavoro a testa bassa, faccio quel che mi dice il coach. Credo in me stesso e ho già dimostrato anche ad Ambrì quello di cui sono capace: sono fiducioso per il finale di stagione».

Tornando sul match col Losanna, è inevitabile un commento sul caos scatenato da una parte della “tifoseria” ospite. Oltre ai disordini prima e dopo il match, nel corso della seconda pausa gli addetti alla sicurezza dei vodesi sono dovuti intervenire usando spray al pepe che ha fatto posticipare l’inizio del terzo tempo complicando la vita anche ai giocatori. «Non abbiamo capito bene quel che è accaduto. Nel terzo tempo a diversi giocatori veniva da vomitare. Da parte nostra abbiamo cercato di rimanere concentrati sul match, ma sono episodi che non hanno nulla a che vedere con lo sport in generale», conclude il 30enne Adrien Lauper.

Commenti
 
Amos Bianchi 2 anni fa su fb
Forza ambri
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 03:15:12 | 91.208.130.89