Keystone
Lauper, con la maglia dedicata all’80esimo anniversario dell’Ambrì, in azione contro il Davos
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
1 ora
King Roger resta in corsa, affondato Berrettini
Il fuoriclasse renano supera 7-6(2), 6-3 l'italiano e resta in corsa per un posto in semifinale alle ATP Finals
TENNIS
3 ore
"Hai perso perché ti sei sposato?" e il Nadal furioso sbrocca: "Str***ate"
Nervoso dopo la sconfitta incassata da Alexander Zverev, in conferenza stampa Rafa Nadal ha dovuto fronteggiare una domanda non troppo sensata di Ubaldo Scanagatta
NATIONAL LEAGUE
6 ore
«Lavoro per guadagnarmi più ghiaccio. Futuro? Aperto a ogni possibilità»
Il Friborgo, dopo un avvio complicato e il cambio di coach a inizio ottobre, ha dato segnali di crescita e inanellato 3 vittorie prima della sosta. Lhotak: «Vogliamo continuare in questa direzione»
FORMULA 1
6 ore
Verstappen-Albon, la Red Bull non cambia
Per il prossimo campionato la scuderia austriaca ha confermato, accanto all'olandese, il 23enne thailandese
NATIONAL LEAGUE
8 ore
Cadonau sarà un Toro
Il 31enne difensore del Langnau ha firmato un biennale con lo Zugo
HCL
9 ore
«Nilsson non giocherà più, ma non prenderemo Klasen»
Zurigo capolista intrattabile? Sven Leuenberger: «Dopo la pausa è sempre dura. Lugano squadra pericolosa, che gioca per divertire. Può vincere il titolo»
HCL
11 ore
Postma e il Lugano davanti al rullo compressore
Fin qui capace di vincere 9 delle 10 partite disputate all'Hallenstadion, questa sera lo Zurigo ospiterà i bianconeri del debuttante difensore canadese
TENNIS
19 ore
Zverev impeccabile, Nadal piegato in due set
Il 22enne tedesco non ha lasciato scampo al mancino di Manacor, liquidato 6-2, 6-4 alle Atp Finals
NAZIONALE
19 ore
La Svizzera perde anche Freuler
Al posto del centrocampista dell'Atalanta Vlado Petkovic ha convocato Michel Aebischer
SERIE A
20 ore
«CR7? Serve rispetto per gli allenatori e i compagni»
Roberto Mancini ha detto la sua sul "caso" di Cristiano Ronaldo, furioso dopo essere stato sostituito da Sarri. Nel frattempo l'asso portoghese ha chiuso la polemica sui social
HCAP
16.01.2018 - 13:510
Aggiornamento : 17.01.2018 - 09:12

«Stagione davvero difficile, la bagarre mi ha fatto bene»

Adrien Lauper, attaccante dell'Ambrì, ha parlato del suo momento personale e di quello della squadra: «Dobbiamo sempre dare il 100%»

AMBRÌ - Ottimo all’Hallenstadion, fiacco e a tratti inguardabile nella domenica vissuta alla Valascia - balzata agli onori della cronaca anche per la violenza, i disordini e le deprecabili gesta di una sessantina di pseudo-tifosi ospiti -, l’Ambrì dopo l'acuto contro lo Zurigo ha fallito una nuova prova di maturità arrendendosi al Losanna di Sarault. «Contro i Lions abbiamo fatto una gran bella partita, mentre con il Losanna non ci siamo presentati in pista… - spiega schietto e sincero l’attaccante biancoblù Adrien Lauper - Dobbiamo sempre dare il 100%, quando non lo facciamo è impossibile vincere le partite. Ci sono stati troppi buchi, troppi passaggi a vuoto: nel secondo tempo non abbiamo praticamente portato conclusioni dallo slot e, se non si tira da dove fa male, non si segna».

Poca grinta, poca intensità: tanti aspetti non hanno funzionato. «Il Losanna ha dato tutto, ha lavorato più di noi e questo è inaccettabile. Non possiamo dare meno degli avversari davanti al nostro pubblico, tanto più davanti alle famiglie e ai bambini che vengono a vederci».

Il gruppo leventinese cerca continuità, ma nel frattempo sono già passate 40 partite e ora il decimo posto occupato dal Langnau è lontano 11 punti. «Vero. Non riusciamo a vincere due partite di fila e questo è un problema. Adesso abbiamo una settimana intera per allenarci duramente e preparare le sfide con Zugo e Langnau (sabato alla Valascia, ndr)».

In casa l’Ambrì ha totalizzato 21 punti in 19 partite, fuori 20 in 21 gare. Il rendimento è (troppo) simile, la Valascia non è certo un fortino. Lauper come se lo spiega? C’è un po’ di pressione? «Non c’è una spiegazione. I tifosi ci sostengono tantissimo e non dovremmo avere problemi in questo senso. Dovrebbe essere un vantaggio, ma in termini di punti conquistati non è così e questo è un peccato».

Dal momento della squadra a quello personale: in 38 partite Lauper ha messo a referto solo una rete e il bilancio +/- è di -15. «Personalmente è una stagione davvero difficile. Da inizio 2018 però mi sento meglio sul ghiaccio, la bagarre nel derby mi ha un po’ liberato, mi ha fatto bene. È un anno complicato ma ho fiducia e do tutto: il mio motto, come quello del gruppo, è “Non mollare mai”».

Lauper, impiegato a volte come 13esimo attaccante e in media 10’45” a partita, ha comunque sempre accettato da vero professionista le scelte di Cereda. «"Chiudo gli occhi" e lavoro a testa bassa, faccio quel che mi dice il coach. Credo in me stesso e ho già dimostrato anche ad Ambrì quello di cui sono capace: sono fiducioso per il finale di stagione».

Tornando sul match col Losanna, è inevitabile un commento sul caos scatenato da una parte della “tifoseria” ospite. Oltre ai disordini prima e dopo il match, nel corso della seconda pausa gli addetti alla sicurezza dei vodesi sono dovuti intervenire usando spray al pepe che ha fatto posticipare l’inizio del terzo tempo complicando la vita anche ai giocatori. «Non abbiamo capito bene quel che è accaduto. Nel terzo tempo a diversi giocatori veniva da vomitare. Da parte nostra abbiamo cercato di rimanere concentrati sul match, ma sono episodi che non hanno nulla a che vedere con lo sport in generale», conclude il 30enne Adrien Lauper.

Commenti
 
Amos Bianchi 1 anno fa su fb
Forza ambri
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 18:23:49 | 91.208.130.85