TiPress
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
COPPA ITALIA
1 ora
La Roma si butta via
I giallorossi hanno perso 2-4 contro i liguri. Nel supplementare espulsi Mancini e Lopez.
SWISS LEAGUE
2 ore
Rockets raggiunti e beffati
I razzi, acciuffati dall'EVZ Academy al 59'09" (3-3), sono stati sconfitti 4-3 ai rigori
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Tori, un’altra incornata
Sesto successo consecutivo per la capolista, sbarazzatasi 5-3 del Ginevra.
HCL
2 ore
Erroracci e sfortuna, il Lugano piange ancora
Bianconeri regolati da un Rapperswil solido: 4-2 il risultato finale.
HCAP
3 ore
Doppio Kostner: l'Ambrì torna al successo
Gli uomini di Cereda ritrovano la via del gol e la vittoria: Langnau battuto 2-1 all’overtime.
TENNIS
5 ore
«Djokovic è una marionetta»
Nick Kyrgios non le manda a dire al collega, dopo che è stato pizzicato senza mascherina su un bus navetta
SPAGNA
7 ore
Video erotico: due anni di prigione a due calciatori
Sergi Enrich dell'Eibar e Antonio Luna del Girona sono stati condannati a due anni di prigione
SUPER LEAGUE
8 ore
Il Lugano è pronto, c'è Abubakar
La truppa di Jacobacci ospiterà la capolista YB: «Se scendessimo in campo con paura avremmo già perso dall’inizio»
SUPER LEAGUE
10 ore
Dietrofront Lugano: anticipato un match dei bianconeri
Domenica 24 gennaio i bianconeri affronteranno il San Gallo in trasferta
NHL
11 ore
Gli svizzeri d'America hanno (già) iniziato a stupire
Sono undici i giocatori elvetici pronti a ritagliarsi il proprio spazio in NHL.
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Sette giornate a Mercier: il Ginevra ricorre
Il giocatore delle Aquile aveva "travolto" un arbitro durante la partita della Valascia disputata lo scorso 12 gennaio
COPPA SVIZZERA
12 ore
Chiasso & Coppa: si gioca giovedì pomeriggio
I momò disputeranno a domicilio gli ottavi di finale contro il Lucerna
SERIE A
13 ore
Ricardo Rodriguez cambia coach
Davide Nicola è il nuovo allenatore del Torino. Il 47enne prende il posto di Giampaolo
HCAP
05.12.2017 - 08:310
Aggiornamento : 13:25

«L'infortunio, un effetto terapeutico...»

Christian Stucki, infortunatosi gravemente a un ginocchio durante le amichevoli estive, ha aperto il cuore: «Nel primo mese mi sentivo perso, a volte però la vita sa regalarti delle opportunità...»

AMBRÌ - Era il 24 agosto e Christian Stucki in amichevole subiva un grave infortunio al ginocchio destro. Diagnosi senza pietà: rottura del legamento crociato anteriore e stagione compromessa. Era l'inizio di un calvario per l'attaccante ticinese dell'Ambrì. 

Un calvario che però, come ha spiegato il diretto interessato, si è trasformato in un'opportunità e in un trampolino di lancio. Perché nello sport e nella vita non tutto il male vien per nuocere. 

Il 25enne, superato lo shock iniziale, sta facendo tesoro di quanto accaduto in estate e sta "utilizzando" questo periodo come palestra di vita. Un punto di (ri)partenza insomma sul quale costruire progetti e sogni futuri... 

«È passato un po' di tempo da quel maledetto 24 agosto. Da quel giorno la mia routine chiaramente è molto cambiata, non è stato facile adattarsi. Sono passato in breve tempo dall'allenarmi tutti giorni al sentirmi dire "quest'anno fai quello che vuoi". Ho iniziato a fare delle cose che non ero più abituato a fare. Insomma è stato complicato. Non mi nascondo e posso tranquillamente affermare che nel primo mese mi sentivo perso...». 

La sveglia suona presto - «Ora sto facendo fisioterapia all'Ars Medica di Gravesano. Già alle 7 del mattino entro in acqua, poi pratico fisioterapia anche nel pomeriggio dalle 14.30 alle 17.00. Passo molto tempo in questa struttura, tra un po' mi mettono nel loro inventario (ride)...». 

Gli effetti "positivi" del brutto infortunio - «Questo infortunio ha avuto un effetto terapeutico per me. Sono riuscito a pensare a quelle cose a cui magari non ero più abituato a dare troppa importanza. Oggi posso dire di essere migliorato come persona, sto dedicando molto tempo a me stesso. In questo periodo, inoltre, mi sono creato nuovi contatti che un giorno spero possano tornarmi utili. A volte la vita sa regalarti delle opportunità. Poi sta a te farne tesoro e trarne benefici». 

Passi da gigante - «Il ginocchio nelle ultime settimane ha avuto un miglioramento importante. Sto già svolgendo degli esercizi che, solitamente, a questo punto della riabilitazione non si fanno. Il mio obiettivo è quello di tornare a pattinare entro un mese. Sarà però importante capire se ne vale la pena... Non voglio rischiare, ma tornare sul ghiaccio sarà bellissimo...». 

Quel meeting carico di adrenalina - «Stavo giocando bene durante le amichevoli. Tre giorni prima del mio infortunio Luca in un meeting mi aveva parlato della responsabilità che avrei avuto quest'anno. Poi il tutto è stato rovinato. Peccato poiché nel gioco che imposta Cereda potevo togliermi delle belle soddisfazioni».

L'aria... leventinese - «Tutti i lunedì vado negli spogliatoi insieme a Christian Pinana, vittima anche lui di un infortunio molto simile al mio. Con Cereda e Duca cono in costante contatto. Paolo è venuto persino a trovarmi nel giorno dell'intervento».

Il ritorno alla... Valascia - «Inizialmente non mi andava di assistere ai match dal vivo, stavo troppo male. Sono tornato a vedere un incontro in occasione del derby a Lugano del 3 novembre. Mi mancava troppo l'adrenalina della partita. Ora, più o meno, mi reco a vedere a tutte le partite casalinghe». 

Lottare da solo - «Ho avuto la fortuna di confrontarmi con una persona che pratica sport a livello individuale e che, in passato, aveva subito un infortunio simile al mio. Per me, che ero abituato a lavorare in gruppo, trovarmi improvvisamente a lottare da solo e senza la spinta giornaliera dei compagni, è stato uno shock».  

Le persone accanto - «Solo passando questi momenti sai cosa vuol dire lottare contro un grave infortunio. Chi ti dice "ti capisco" non è vero. Una persona, se ti vuole stare vicina, deve sempre farti sentire il suo affetto. In ogni momento, in ogni circostanza». 

La crescita della squadra con Cereda - «Nessuno si aspettava dei risultati del genere. Il gruppo è davvero affiatato, diverso dagli altri anni. C'è un odore "nuovo", oltre che un ambiente molto familiare. I buon risultati si spiegano anche così...». 

Il grande obiettivo di Christian Stucki, ma senza fasciarsi la testa - «Giocare la sfida del 5 marzo contro lo Zugo, l'ultima di regular season. Ma non voglio bruciare le tappe, se sarò pronto scenderò sul ghiaccio altrimenti aspetterò. Saranno i medici a decidere...». 

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alex Von Liechtenstein 3 anni fa su fb
Grande Christian!! Fisio a manetta!!!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-20 01:08:46 | 91.208.130.85