GARIN C. (CHI)
1
Wawrinka S. (SUI)
1
3 set
(6-4 : 6-7 : 3-0)
Ambrì
5
Zurigo
2
fine
(0-0 : 4-1 : 1-1)
Langnau
3
Friborgo
4
fine
(1-1 : 0-1 : 2-1 : 0-1)
Ginevra
5
Berna
3
fine
(1-0 : 2-0 : 2-3)
Losanna
2
Lugano
1
fine
(0-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Keystone
+5
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HCL
2 min
Un punto per il Lugano a Losanna
I bianconeri sono stati sconfitti 2-1 alla Vaudoise Arena. Rete ticinese di Carr
HCAP
17 min
Nättinen show, l'Ambrì divora i Lions
I leventinesi, trascinati dal finnico, brillano e ritrovano il sorriso anche in campionato: Zurigo battuto 5-2
CALCIO
1 ora
Ronaldo ancora positivo: niente duello con Messi
Il fuoriclasse della Juve, positivo dallo scorso 13 ottobre, non potrà giocare domani in Champions contro il Barcellona
CHAMPIONS LEAGUE
1 ora
L'Inter non sfonda a Kiev
Altro pareggio per gli uomini di Conte, fermati sullo 0-0 dallo Shakhtar. Il Bayern piega 2-1 la Lokomotiv Mosca
CALIO
2 ore
Sconquasso Barcellona
Il numero 1 del club catalano ha rassegnato le proprie dimissioni
ATLETICA
2 ore
Due anni di stop per Coleman: ha saltato tre controlli antidoping
Lo sprinter americano paga per non essersi reso reperibile per ben tre volte nel 2019
NAZIONALE
3 ore
Svizzera implacabile, altro passo verso gli Europei
Le rossocrociate, impegnate in Romania, hanno vinto 2-0 e restano in vetta al Gruppo H. Reti di Sow e Crnogorcevic
AMBRÌ
4 ore
«L’esposizione bovina non sullo stesso piano di una finale di Champions»
Filippo Lombardi: «Pronti ad accettare un deficit ma non a mettere in pericolo l’esistenza stessa di una società».
HCAP
5 ore
Tegola Ambrì: D'Agostini out dieci settimane
Il canadese lamenta un problema a un ginocchio e dovrà essere operato
SWISS LEAGUE
6 ore
Sintomi da coronavirus: salta la gara tra Rockets e Langenthal
La squadra bernese è in quarantena: niente match questa sera a Biasca
BARCELLONA
8 ore
Haaland snobbato: «Dissero che non era da Barça»
Ariedo Braida, ex consulente dei blaugrana: «Il mio addio al Barcellona? Alla fine mi hanno mancato di rispetto»
NATIONAL LEAGUE
8 ore
Coronavirus, Bienne in quarantena
I bernesi vedranno rinviate quattro loro partite.
CALCIO
12 ore
Calcio nell'incertezza: «Capisco le paure dei club»
Livio Bordoli sullo stop del calcio regionale: «Tanti tesserati non volevano correre rischi, li capisco»
NATIONAL LEAGUE
14 ore
Ambrì e Lugano in pista, «nella speranza di poter completare la stagione»
Con la situazione Covid costantemente monitorata, il campionato per ora va avanti. Club compatti, si vuole continuare
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
14.10.2020 - 08:000
Aggiornamento : 14:39

«Coronavirus come la guerra: qualcuno che esce ricco c’è sempre»

«Lo sport? Un carrozzone che viene spostato a forza esclusivamente per ragioni economiche».

Anche il re è contagiato, e ora? Arno Rossini: «Il calcio muove miliardi e dà da mangiare a milioni di persone».

LISBONA - Anche Cristiano Ronaldo. L’ultimo, in ordine temporale, a essere risultato positivo a un test per il Covid-19 è pure il più famoso di tutti. Almeno finché si parla di calcio.

Mettendo in ginocchio il re del pallone, un virus che non risparmia alcuno, che non guarda in faccia ad alcuno - e ci mancherebbe - ha mostrato di essere più che un fastidioso contorno alla stagione sportiva. Il problema, per chi non l’avesse ancora capito, non riguarda il disagio che questa o quella squadra potrebbero avere per l’impossibilità di schierare i loro campioni. Il problema è che, come in parte accaduto negli scorsi mesi, tutto il castello potrebbe venir giù da un momento all’altro. Si è smesso di parlare di disagi, di partite forse da rinviare, e si è cominciato a pensare alle ormai famose “bolle”. Il prossimo passo, se il trend sarà confermato, sarà quello di interrogarsi sulla reale possibilità di completare un’annata appena cominciata. E in che modo poi…

«Se mai davvero si potrà giocare con continuità, non so comunque che tipo di campionati ci troveremo a seguire - è intervenuto Arno Rossini - Oggi il calcio, ma il discorso vale per molte discipline, non è più scandito dalle qualità dei giocatori o dalle scelte degli allenatori. Comanda, giustamente, il laboratorio. È il tampone a dire chi gioca».

Cristiano Ronaldo, le tante positività del Genoa, il Giro d’Italia, la “bolla” della NBA…
«Onestamente vedo un mondo sportivo estremamente confuso, che vive alla giornata». 

È comprensibile che le decisioni prese dipendano dall’evoluzione del contagio.
«Certo, è giusto che sia così. Dico solo che io vedo un carrozzone che viene spostato a forza esclusivamente per ragioni economiche». 

L’alternativa c’è: fermare tutto subito invece che rincorrere una soluzione fantasiosa quando i problemi diventeranno più grandi.
«Non è così semplice. Per quel che riguarda i massimi livelli - nonostante i pericoli - penso sia giusto che tutto continui. Almeno finché la situazione rimarrà gestibile. L’idea che il calcio, lo sport in generale, sia solo un passatempo, che si tratti solo di individui che rincorrono la palla, o giochino con un disco, o altro ancora, è sbagliata. È propria di chi vuole avere un punto di vista parziale della realtà. La partita, l’evento, è solo il risultato finale di un processo che muove miliardi e che dà da mangiare a migliaia di persone. A milioni, nel mondo». 

Quindi?
«Quindi è bene che si faccia tutto il possibile per salvare almeno le serie più importanti».

Il calcio regionale?
«Ha il suo valore, grandissimo, ma tra rinvii, cancellazioni e assenze finirebbe con il perdere di significato.  Avere magari cinque, dieci partite disputate in più o meno di un rivale come potrebbe rendere competitivo o anche solo interessante un campionato?».

Pensi sinceramente si potrà continuare?
«Se il trend, negativo, sarà confermato allora sarà molto difficile. Anche nelle situazioni meglio organizzate sarà complicatissimo andare avanti. E di sicuro la regolarità non sarà garantita». 

Per assenze e calendario impossibile da rispettare?
«Anche. Ma pure perché la gestione dell’attività sarà per forza di cose condizionata dalla pandemia. Gestione degli allenamenti, programmazione... l’ombra del virus ci sarà sempre». 

Anche nell’evento sportivo in sé?
«Quello no. Il campo, la pista, la piscina, tutto quanto: durante la gara gli atleti saranno mentalmente liberi. Prima e dopo però non sarà così».

Ultimo ma non meno importante: il tifoso. L’assenza forzata dagli impianti?
«Se prolungata potrebbe causare disaffezione. Sì, c’è anche questa possibilità».

Il quadro è dunque poco confortante.
«Sarà banale dirlo, ma si deve solo tenere duro per tentare di superare un periodo estremamente difficile, che lascerà sicuramente strascichi a livello formativo ma soprattutto finanziario. Ma che, forse, creerà anche opportunità».

Ovvero?
«In molti, quelli più deboli o meno organizzati, quelli che vivono alla giornata, nei prossimi mesi rischieranno grosso. Le realtà migliori, quelle che riusciranno a trovare soluzioni sportive e finanziarie innovative, potrebbero invece fare un balzo in avanti. Creando sinergie e dotandosi degli strumenti giusti, una società - stiamo parlando di aziende ormai - potrebbe anche rafforzarsi. Per poi letteralmente esplodere finita l’emergenza. È come la guerra… qualcuno che esce ricco c’è sempre».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (Thibault Camus)
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 22:24:57 | 91.208.130.85