Cagliari
0
Napoli
1
fine
(0-0)
Lazio
Inter
20:45
 
PIT Penguins
5
DET Wings
1
pausa
(2-1 : 3-0)
Cagliari
SERIE A
0 - 1
fine
0-0
Napoli
0-0
PEDRO JOAO
12'
 
 
WALUKIEWICZ SEBASTIAN
30'
 
 
 
 
66'
0-1 MERTENS DRIES
NANDEZ NAHITAN
74'
 
 
 
 
81'
ZIELINSKI PIOTR
12' PEDRO JOAO
30' WALUKIEWICZ SEBASTIAN
MERTENS DRIES 0-1 66'
74' NANDEZ NAHITAN
ZIELINSKI PIOTR 81'
Venue: Sardegna Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 16,233.
History: 14W-24D-29W.
Goals: 53-91.
Age: 28,5-27,6.
Sidelined Players: CAGLIARI - Radja Nainggolan (Yellow card suspension), Luca Ceppitelli (Heelspur), Marko Rog (Thigh), Christian Oliva (Fever), Leonardo Pavoletti (Cruciate Ligament).
NAPOLI - Faouzi Ghoulam (Muscle), Ku00e9vin Malcuit (Cruciate Ligament).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 16.02.2020 20:13
Lazio
SERIE A
0 - 0
20:45
Inter
Ultimo aggiornamento: 16.02.2020 20:13
PIT Penguins
NHL
5 - 1
pausa
2-1
3-0
DET Wings
2-1
3-0
 
 
6'
0-1 FILPPULA
1-1 LAFFERTY
8'
 
 
2-1 LETANG
15'
 
 
3-1 HORNQVIST
23'
 
 
4-1 CROSBY
28'
 
 
5-1 HORNQVIST
32'
 
 
FILPPULA 0-1 6'
8' 1-1 LAFFERTY
15' 2-1 LETANG
23' 3-1 HORNQVIST
28' 4-1 CROSBY
32' 5-1 HORNQVIST
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 16.02.2020 20:13
Keystone
+ 2
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
28 min
«Siamo andati oltre le nostre possibilità»
Maurizio Jacobacci si gode i tre punti ottenuti con i bernesi: «Vincere contro una squadra come lo Young Boys è bellissimo»
SERIE A
35 min
Tre punti per il Napoli
I ragazzi di Gattuso si sono imposti 1-0 a Cagliari, decisivo Mertens
SUPER LEAGUE
1 ora
L'attaccante Rangelo Janga a Lugano
L'olandese proviene dall'Astana: sosterrà domani mattina le visite mediche
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Vittoria dello Zurigo e secondo posto
I Lions hanno battuto il Bienne 5-2, doppietta di Pettersson
SUPER LEAGUE
2 ore
Un Lugano sotto pressione stende lo Young Boys
Bianconeri sul velluto a Cornaredo, prima vittoria del 2020 e tre punti pesantissimi: 2-1 il risultato finale
ATLETICA
3 ore
Petrucciani re dei 400 metri
Tris per il ticinese, già capace di vincere su questa distanza nel 2018 e nel 2019
SERIE A
3 ore
Juve non bellissima ma vincente
I bianconeri, in superiorità numerica dal 37', hanno sconfitto il Brescia per 2-0. Larga vittoria della Fiorentina, 5-1 esterno sulla Sampdoria
CHALLENGE LEAGUE
3 ore
Un coraggioso Chiasso ottiene un punto a Vaduz
I rossoblù, ai quali sono stati annullati due gol nel finale di gara, hanno pareggiato 0-0 sul campo della seconda della classe
VOLLEY
3 ore
Volley Lugano battuto in gara-1
Le ragazze ticinesi sono state sconfitte per 3-0 dal Neuchâtel
SCI ALPINO
5 ore
Holdener, è di nuovo podio: seconda in slalom
Dopo il terzo posto in gigante, la svittese ci ha regalato un'altra grande giornata. Vittoria alla Vlhova
TENNIS
8 ore
Leonie, il sogno svanisce in finale
Niente lieto fine per la 19enne elvetica, protagonista in Thailandia di un eccellente torneo: l'ultimo atto ha sorriso alla polacca 6-3, 6-2
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
06.11.2019 - 07:000
Aggiornamento : 15:56

EuroLugano, giusto rischiare? «Ora meglio un pari e 200'000 franchi»

Per passare il turno in Europa, dopo aver conquistato un punto in tre partite, il Lugano dovrà vincere sempre e sperare. Arno Rossini: «I 16esimi? Più importante trovare certezze e continuità»

LUGANO - Equilibrio, attenzione, praticità. Questo è, semplificando, il gioco secondo Maurizio Jacobacci. Il Lugano se n'è accorto già a Lucerna dove, grazie anche a un pizzico di fortuna, ha conquistato tre punti importantissimi. Se il mister riuscirà a far passare il suo credo, a furia di concretezze i bianconeri dovrebbero poter comodamente consolidare la loro classifica in Super League. Magari non saranno spettacolari - non che lo siano stati troppo nella prima parte di stagione - ma almeno dovrebbero (il condizionale è comunque sempre d'obbligo) poter conquistare punti con continuità. E tenersi lontani dalla zona retrocessione.

Solo questo - evitare di finire in uno degli ultimi due posti della graduatoria - conta in fondo in questo momento. Dopo i tanti pensieri negativi delle ultime settimane...

Il Lugano non ha però davanti a sé solo il campionato. C'è un girone di Europa League da chiudere. C'è una qualificazione ai sedicesimi di finale che, seppur difficile, può ancora essere acciuffata. Per pensare di superare il turno, dopo aver conquistato un unico punto nelle prime tre uscite continentali, i bianconeri devono tuttavia mettersi a correre. Farlo, con un mister che sta impostando la squadra per prendere un gol meno degli avversari, piuttosto che segnarne uno in più, sembra in ogni caso complicato.

«Non penso che Jacobacci snaturerà la sua filosofia di gioco solo per le partite di Europa League - ha ammesso Arno Rossini - Ha un'idea ben chiara in testa, ha un metodo, li applicherà sia in campionato che in coppa».

Il gioco attento voluto dall'allenatore potrebbe portare i ticinesi a fare le formichine. Ad accontentarsi, nelle giornate di scarsa brillantezza, di un pareggio.
«Mi sembra che non ci sia nulla di male».

Nel girone europeo, a questo punto, i pareggi non bastano però più. Per la qualificazione servirà fare punti. Tanti. Cominciando da giovedì, in casa (a San Gallo) contro il Malmö.
«Io non credo che il passaggio del turno sia, in questo momento, il primo obiettivo della società. Chiusa la parentesi Celestini, con la squadra che a livello difensivo era in grande difficoltà, a Lugano stanno probabilmente pensando a ripartire. A trovare e fare proprio un gioco efficace. In questo la vittoria di Lucerna è stata una manna: ha portato serenità e convinzione a tutto l'ambiente. Giocatori in primis».

Giocare in Europa senza provare a qualificarsi...
«Non ho detto questo. La mia idea è che Jacobacci abbia cominciato un percorso, che sarà lineare. Affronterà il Malmö come ha fatto con il Lucerna. Tanto più che scandinavi e svizzerocentrali hanno caratteristiche simili. Cercherà di chiudere ogni varco dalle parti di Baumann e si affiderà al contropiede. Ridurre il numero di occasioni concesse ai rivali è il primo passo, poi si guarda alla fase di costruzione. Così, mal che vada, se fai bene il tuo lavoro, finisce 0-0. E un pareggio è sempre positivo. Magari non ti permette di pensare ai sedicesimi di finale, è vero; con quello però vai a far crescere l'autostima dei ragazzi e, soprattutto, fai cassa. Il premio europeo per un pari è di circa 200'000 franchi; immagino che quei soldi facciano comodo a Renzetti per far quadrare i conti della società. Tra le spese per San Gallo e il resto...».

Quindi è qualcosa del tipo: ci stabilizziamo, prendiamo quel che viene e, se all'ultima partita del girone siamo ancora in corsa, allora possiamo anche osare?
«Il ragionamento fila. Adesso il Lugano ha solo bisogno di crescere. Se poi, tra un mese abbondante, quando affronterà la trasferta di Kiev, avrà bisogno dei tre punti per passare, allora avrà senso provare a sbilanciarsi. Fino ad allora però è più importante trovare certezze e continuità».

keystone-sda.ch/ (ALEXANDRA WEY)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-16 20:29:27 | 91.208.130.87