Keystone/foto d'archivio
+ 3
ULTIME NOTIZIE Sport
FORMULA 1
1 ora
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
QUALIFICAZIONI EURO2020
1 ora
Vincono Francia e Inghilterra
La Turchia ha staccato il pass per l'Europeo
TENNIS
2 ore
Il giustiziere di Federer sale sul trono
Piegando 6-7 (6-8), 6-2, 7-6(4) Dominic Thiem, Stefanos Tsitsipas si è aggiudicato le ATP Finals
RIYAD
3 ore
Thiago Silva accusa Messi: «Si tuffa e gli arbitri gli credono perché sono suoi tifosi»
Il capitano del Brasile ha usato parole dure nei confronti della stella dell'Argentina in seguito alla sconfitta maturata proprio contro i verdeoro
SBL
4 ore
Lugano convincente, regolato il Monthey
I Tigers non hanno lasciato scampo ai vallesani: 68-60 il risultato finale
FORMULA 1
5 ore
Le due Ferrari si neutralizzano a vicenda, alla fine gode Verstappen
Il pilota olandese ha preceduto al traguardo la Toro Rosso di Gasly e la Mercedes di Hamilton
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Wick, un anno e poi basta
L'attaccante dei Lions ha confermato che si ritirerà al termine del campionato 2020/21
SWISS LEAGUE
5 ore
Niente da fare per i Rockets
La compagine ticinese è stata sconfitta in casa 5-1 dal Langenthal
STOP AND GO
6 ore
Lugano giù in "picchiata", Ambrì cuore e grinta non sempre bastano
Non è stata una settimana allegra per le due formazioni ticinesi: un solo punto conquistato (dai biancoblù) negli ultimi sette giorni. In National League torna Cervenka e totalizza 6 punti personali!
QULIFICAZIONE EURO 2020
7 ore
Ronaldo fa 99 e trascina il Portogallo agli Europei
I lusitani si sono imposti con il punteggio di 2-0 contro il Lussemburgo. Nello stesso tempo la Serbia non è andata oltre al 2-2 con l'Ucraina
MOTO GP
9 ore
Marquez il cannibale suona la 12esima sinfonia
Il campione spagnolo ha chiuso in bellezza davanti a Quartararo e Miller
MOTO 2
10 ore
Lüthi che peccato: l'elvetico è secondo
Il pilota bernese è stato battuto soltanto da Binder e si piazza terzo nella classifica generale
SUPER LEAGUE
18.10.2019 - 16:050
Aggiornamento : 19.10.2019 - 00:04

«Clic mentale? Ho visto più sorrisi, ma non c'erano dubbi o divisioni»

Il Lugano di Celestini, reduce dal successo sul campo del Sion, si prepara ad accogliere lo Zurigo: «Hanno un po' i nostri stessi problemi, ma restano pericolosissimi»

LUGANO - Tornato al successo prima della sosta dedicata alle Nazionali, il Lugano di Celestini ha potuto lavorare con maggior serenità e fiducia in vista del prossimo tour de force. Sei match in 21 giorni aspettano i bianconeri, che domenica a Cornaredo ospitano lo Zurigo nell'11esimo turno di Super League. 

«A livello fisico questa settimana di pausa è stata importante, abbiamo potuto lavorare molto bene anche dal punto di vista tattico e mentale - esordisce in conferenza stampa Celestini, che contro lo Zurigo dovrà fare a meno di Dalmonte, Sulmoni e Covilo, mentre Lavanchy è in forse - Al di là del gioco e del contenuto delle partite, in questo secondo periodo dobbiamo metterci i risultati e conquistare punti. I ragazzi lo meritano. La squadra ha fatto bene tante volte, ma raccolto poco. La partita di Sion ci ha dato fiducia e voglia, ci ha dimostrato che sappiamo farlo».

Lo Zurigo, battuto dai bianconeri nel primo turno (0-4 al Letzigrund), è un avversario che alterna parecchi alti e bassi. 
«Hanno un po' i nostri stessi problemi. È una squadra che fa anche bene, ma poi degli episodi magari un po' sfortunati condizionato i loro risultati. La sensazione non è quella di una squadra che ha problemi, però hanno segnato un solo gol nelle ultime 4 partite. Restano pericolosissimi. Domenica mi aspetto un match da 50-50».

Sarà importante non trovarsi "ad inseguire".
«Vero. Lo Zurigo, quando va sotto, ha un po' la tendenza a disorganizzarsi. Segnare per primi potrebbe darci una spinta incredibile. I ragazzi avranno una grande voglia di confermare la vittoria di Sion e aggiustare la classifica. Loro invece sanno che chiudendosi molto possono crearci dei problemi. Chi fa gol per primo avrà un bel vantaggio».

Il Lugano fatica contro le squadre che si chiudono.
«Per noi è più difficile attaccare una squadra chiusa e compatta. Non possiamo basarci sul gioco sulla fasce e sui centri. Dobbiamo giocare con la qualità dei nostri ragazzi e questo vuol dire giocare con la palla bassa. Per intenderci aspettiamo una giocata o un "uno contro uno di Junior", non un suo colpo di testa».

Il mister si è poi soffermato sul ritorno di Gerndt.
«È un giocatore che dà tranquillità ai compagni. Non ha trovato il gol ma dà fiducia alla squadra. Chi gioca con lui sa che in qualsiasi momento può succedere qualcosa».

La vittoria di Sion ha portato un "clic mentale"?
«Chi vive con noi avrà visto qualche sorriso in più, ma per il resto non è cambiato nulla. Non c'erano dubbi o divisioni, ma non facevamo gol e risultati. Parlo con i ragazzi e so cosa pensano. Anche prima di Sion c'era tranquillità e ci dicevamo: "Non è possibile che non riusciamo a vincere". Ora abbiamo vissuto due settimane più tranquille perché la performance ha finalmente portato i tre punti. Va detto che siamo però sempre stati molto realisti. Non ci illudevamo e guardavamo in faccia alla realtà. Sapevamo di dover fare di più per segnare. Quel che mi è piaciuto è che i ragazzi non hanno mai perso il filo e hanno avuto una lettura eccezionale».

Celestini ha poi elogiato tre elementi ritenuti determinanti.
«In questo momento ci sono Baumann, Sabbatini e Maric che danno qualcosa in più. Baumann cresce ogni settimana e non sappiamo fin dove arriverà. Maric sa indicare la via ai compagni: è un "ragazzo" di 35 anni che ha saputo mettersi in gioco. È un segnale fantastico per il gruppo e l'allenatore. Sabbatini invece sta facendo delle partite allucinanti come playmaker. Si è sempre comportato da vero capitano».

Il Lugano, dalla prima giornata ad oggi (passando anche per gli impegni in Coppa ed Europa League), ha cambiato parecchio.
«Cambiare non è un problema. A Zurigo, all'esordio, avevamo giocato con 3-4 nuovi elementi e vinto 4-0. Col Thun avevamo fatto un primo tempo eccellente. Poi mi è stato rimproverato che facevo sempre giocare gli stessi e i risultati non venivano. Diciamo che nei commenti e nei giudizi è mancata coerenza. Chiaramente quando non vinco cerco nuove soluzioni. Adesso la squadra, guardando gli interpreti, è più simile a quella dell'anno scorso, ma non si può dire che mi sono aggrappato alla vecchia guardia».

keystone-sda.ch/ (VALENTIN FLAURAUD)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 00:54:35 | 91.208.130.87