Keystone (foto d'archivio)
+ 3
SUPER LEAGUE
18.10.2019 - 13:000

Via al nuovo tour de force bianconero

Domenica (ore 16, a Cornaredo), il Lugano affronterà lo Zurigo. Sarà la prima di sei partite da giocare in 21 giorni

LUGANO - Due settimane di sosta posson bastare? Per ricaricare le pile e ripartire a tutta velocità, s'intende

Per avere una risposta non si deve attendere molto. Domenica pomeriggio, a Cornaredo (ore 16), il Lugano avrà infatti la possibilità di mostrare a che punto è: se ha fatto il pieno di buonumore dopo il determinante successo colto sul Sion prima della pausa. Se ha nei suoi ragazzi - o almeno nella maggior parte di essi - dei giocatori pronti all'uso e soprattutto al top della convinzione. Perché questo serve, che il “motore” possa rispondere al meglio alle sollecitazioni, per affrontare con serenità e ambizione le prossime settimane di stagione. Già perché, appena consumati giorni di riposo attivo, i bianconeri saranno immediatamente costretti a ripartire a tutta velocità. Da domenica, quando si troveranno di fronte l'ultimamente altalenante Zurigo, Sabbatini e soci saranno in campo sei volte (tra campionato ed Europa League) in 21 giorni. Impossibile uscire indenni da un tal tour de force, il secondo di almeno tre previsti dalla stagione, se testa e gambe non saranno al massimo. Impossibile sarà anche sorprendere una squadra, quella biancoblù del presidente Ancillo Canepa, più che imperfetta ma anche più che pericolosa.

Gli uomini di mister Magnin non hanno vie di mezzo: o sorprendono in positivo o fanno figuracce. Nell'ultimo scorcio di campionato, per esempio, hanno battuto comodamente il Thun, sono andati a vincere a sorpresa a Ginevra e hanno piegato il San Gallo. Hanno però pure preso sberle rumorose dallo Young Boys (due partite, due 0-4) e dal Basilea (un altro 0-4). Levare loro certezze, tenere in mano il pallino del gioco e riuscire a mettere sotto pressione una difesa non certo irreprensibile ma che - a parte le già citate scoppole - ha spesso saputo “tenere”, è il segreto per (ri)partire con il piede giusto, completando un rientro positivo.

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
Indira69 1 mese fa su tio
Calcolando tutte le pause che ha il campionato svizzero durante la stagione,articoli di questo tipo fanno sorridere,cosa dovrebbero dire i giocatori dei top campionati allora?benvenuti nel calcio professionistico,questi sono i ritmi,un professionista dovrebbe averlo scelto e giocare dovrebbe essere un piacere,oltre all'unico mezzo per poter accedere a livelli più alti.
cle72 1 mese fa su tio
@Indira69 Scusa ma con tutto il rispetto...l'esempio più appropriato è questo. Cosa devono dire tutti i comuni mortali che lavorano 8.30 ore al giorno a ritmi frenetici e senza avere il tempo di ridere scherzare mentre si lavora? Senza alcun rispetto articolo indecente! Cmq. Forza Lugano!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 00:57:10 | 91.208.130.87