+ 23
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
11 min
Tomlinson si ferma, deve sottoporsi al trapianto di un rene
L'head coach del Rapperswil dovrebbe tornare alla guida dei sangallesi da metà novembre. Guida tecnica affidata a Gällstedt e Sven Berger
MOTOMONDIALE
1 ora
«Caro Valentino, hai sbagliato...»
Jeremy Burgess, ex capo tecnico con il quale l'italiano ha vinto sette titoli in MotoGP, ha espresso il suo pensiero...
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
4 ore
Le c***ate di Evra e le palle di Xhaka: «Un non top player, per ora»
Il centrocampista svizzero trascina, con carattere, un Arsenal balbettante. Arno Rossini: «Ha questa stagione e la prossima per fare il "click". Può e deve segnare 10-15 gol»
CHAMPIONS LEAGUE
12 ore
Due-bala salva la Juve
Una doppietta in 2' di Paulo Dybala ha permesso ai bianconeri di battere 2-1 il Lokomotiv. Successi larghissimi per Tottenham, PSG e City
SWISS LEAGUE
12 ore
I Razzi rimangono a terra
Nuova sconfitta in campionato per i Ticino Rockets, superati 2-3 dall'Olten alla Raiffeisen BiascArena
NATIONAL LEAGUE
12 ore
I Lions allungano, rimontona per il Rapperswil
Battendo 2-0 il Ginevra, lo Zurigo ha allungato in vetta alla classifica. Sangallesi avanti 5-3 sul Bienne dopo essere stati sotto 0-3
HCAP
13 ore
All'Ambrì non basta la generosità, alla Valascia vincono gli Orsi
I leventinesi – decimati dagli infortuni – si sono dovuti arrendere al cinismo del Berna. 5-2 il risultato finale con doppietta di Scherwey
CHAMPIONS LEAGUE
14 ore
Morata fa godere l'Atletico
Ai Colchoneros è bastato un colpo di testa dell'ex Juve: Leverkusen ko a Madrid. 2-2 esterno della Dinamo Zagabria del ticinese Gavranovic contro lo Shakhtar Donetsk
TENNIS
16 ore
Margaroli eliminato a Basilea
Il ticinese, in coppia con il tedesco Jan-Lennard Struff, è stato eliminato dal torneo di doppio degli Swiss Indoors. Out Zverev in singolare
CICLISMO
16 ore
Cipollini operato al cuore: è stato male dopo le accuse dell’ex moglie
Mario Cipollini non avrebbe retto allo stress della seconda udienza del processo che lo vede sul banco degli imputati per maltrattamenti
NHL
16 ore
Niente Svizzera e niente Lugano: Sbisa agli Anaheim Ducks
Il difensore elvetico si è accordato con la nuova franchigia fino al termine della stagione
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Stagione finita per Fabian Lüthi
L'attaccante del Bienne, alle prese con dei problemi all’anca, deve essere operato
HCL
19 ore
Ohtamaa verso la KHL, spalle coperte con Postma: «Avanti con 4 stranieri»
Col finnico in partenza (contratto in scadenza il 3 novembre), i bianconeri hanno annunciato l'arrivo in prova del canadese. Domenichelli: «Paul è un difensore molto valido, il mio compito...»
NATIONAL LEAGUE
22 ore
«Pestoni? A volte decisivo ma si prendeva delle pause»
Alex Chatelain dentro la crisi del Berna: «Un avvio del genere ci ha lasciato spaesati. Jalonen rinnovato per rinforzare la sua posizione? Può anche essere. Monitoriamo Gaëtan Haas»
SCI NORDICO
23 ore
Nathalie Von Siebenthal si ritira a soli 26 anni
La rossocrociata dice basta per mancanza di motivazioni
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
09.10.2019 - 07:000
Aggiornamento : 16:01

Conte il bianconero e i franchi tiratori (VIP) di San Siro

I tifosi non dimenticano (e non perdonano) il passato. Arno Rossini: «Il mister leccese? Lo sopportano. Dicono: "Se vinci vai bene, altrimenti torni a starci sulle scatole"»

MILANO (Italia) – Un ottimo inizio di stagione, condito da sei vittorie filate in campionato e dalla bella (ma sfortunata) prova di Barcellona, non è bastato ad Antonio Conte per convincere totalmente il mondo Inter. Per farsi amare da una tifoseria caldissima, passionale e anche – a volte – schizzinosa. Da dei supporter che prima di tutto hanno buona memoria.

Fatto finta di nulla per il mezzo passo falso europeo con lo Slavia Praga, il popolo nerazzurro (o almeno parte di esso) ha infatti rumorosamente mugugnato per la sconfitta in campionato con la Juventus. E il mister leccese è stato attaccato da più parti. C'è stato chi l'ha accusato di essere ancora troppo bianconero e chi di non saper convincere i suoi giocatori di essere i migliori. Il tutto per un rovescio con un avversario al momento fuori portata?

«Quante esagerazioni - ha commentato Arno Rossini – quante parole fuori posto. Come si fa a criticare Conte dopo sette giornate di campionato?».

C'è chi, per rimanere a S.Siro, in così poco tempo si è giocato il posto...
«Vero, ma Conte ha portato risultati. La crescita della squadra, l'attitudine dei giocatori... ci sono miglioramenti evidenti».

Tra i criticoni, i più rumorosi sono stati i "VIP" Mazzola, Serena, Bonolis...
«Penso che in questo momento serva equilibrio. Si debba mettere da parte l'irrazionalità del tifo per valutare senza preconcetti il lavoro dell'allenatore. Io davvero vedo un gruppo solido e ragazzi che, a differenza del passato, si fidano a occhi chiusi di chi li sta guidando. E questo è molto importante».

Tanta negatività può essere controproducente? Può ferire un personaggio sanguigno come Conte?
«Di sicuro sentirsi criticati al primo passo falso non fa piacere. Sono in ogni modo convinto che, pur in un ambiente non del tutto favorevole - che negli anni da bianconero ha più volte fatto piangere - il mister sia al momento a suo agio. È un professionista, è un vincente e lo ha dimostrato più volte in carriera, sta lavorando sodo e poi ha Marotta che gli fa da parafulmine. Notate: nel periodo delle vittorie il dirigente si è visto poco. Dopo la sconfitta si è messo di traverso tra le critiche e l'allenatore».

Uno dei punti di forza della Juve di Conte fu la compattezza. Nello spogliatoio come in società.
«Quella è fondamentale. E al momento a Milano non manca. Io continuo a considerare l'Inter pronta a una stagione da protagonista. In Italia – dove ha la possibilità di lottare fino all'ultimo con Ronaldo&Co. - e magari anche all'estero».

La Champions League?
«I nerazzurri non sono nella top-10 europea. Prima di loro, oltre alla Juve, ci sono tre spagnole, un paio di tedesche, il PSG e almeno cinque-sei compagini di Premier League. Però possono levarsi delle soddisfazioni. Ecco, se c'è un “passaggio” che l'allenatore della Beneamata non deve fallire è quello del girone. Non qualificarsi per gli ottavi di finale potrebbe veramente andare a incrinare i rapporti con un ambiente... così...».

Che non lo ama?
«Che lo sopporta. E lo sopporterà finché vincerà. Se i successi però non ci saranno – o anche se ci saranno cadute impreviste – ecco che il suo passato tornerà a essere ingombrante. Del tipo: “Se vinci vai bene, altrimenti torni a starci sulle scatole”».

E così il matrimonio potrebbe durare poco.
«In ogni caso non credo che il mister pugliese sia destinato a rimanere in nerazzurro per tantissimi anni. Il suo modo di lavorare, l'intensità che chiede a se stesso e ai suoi giocatori, alla lunga toglie energie. Pure con delle vittorie può reggere due-tre anni...».

Come alla Juve o con l'Italia...
«I condottieri che lavorano in questo modo non riescono ad aprire cicli lunghissimi. Pure per Mourinho il problema è sempre stato lo stesso».

keystone-sda.ch/ (MATTEO BAZZI)
Guarda tutte le 27 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 11:20:27 | 91.208.130.89