Juventus
2
Bologna
1
2. tempo
(1-1)
NJ Devils
1
VAN Canucks
0
fine
(1-0 : 0-0 : 0-0)
STL Blues
1
MON Canadiens
3
2. tempo
(1-1 : 0-2)
Juventus
SERIE A
2 - 1
2. tempo
1-1
Bologna
1-1
1-0 RONALDO CRISTIANO
20'
 
 
 
 
22'
SANSONE NICOLA
 
 
26'
1-1 DANILO LARANGEIRA
RABIOT ADRIEN
29'
 
 
2-1 PJANIC MIRALEM
54'
 
 
20' 1-0 RONALDO CRISTIANO
SANSONE NICOLA 22'
DANILO LARANGEIRA 1-1 26'
29' RABIOT ADRIEN
54' 2-1 PJANIC MIRALEM
Venue: Allianz Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 41,507.
History: 73W-48D-23W.
Goals: 217-128.
Age: 28,9-27,3.
Sidelined Players: JUVENTUS - Mattia De Sciglio (Muscle), Douglas Costa (Muscle), Danilo (Muscle, Mattia Perin (Shoulder), Giorgio Chiellini (Cruciate Ligament).
BOLOGNA - Gary Medel (Red card suspension), Gary Medel (Muscle), Mitchell Dijks (Rib), Takehiro Tomiyasu (Hamstring).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 19.10.2019 22:10
NJ Devils
NHL
1 - 0
fine
1-0
0-0
0-0
VAN Canucks
1-0
0-0
0-0
1-0 HUGHES
15'
 
 
15' 1-0 HUGHES
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 19.10.2019 22:10
STL Blues
NHL
1 - 3
2. tempo
1-1
0-2
MON Canadiens
1-1
0-2
 
 
6'
0-1 WEAL
1-1 SCHWARTZ
8'
 
 
 
 
21'
1-2 GALLAGHER
 
 
24'
1-3 DROUIN
WEAL 0-1 6'
8' 1-1 SCHWARTZ
GALLAGHER 1-2 21'
DROUIN 1-3 24'
Ultimo aggiornamento: 19.10.2019 22:10
+ 8
EUROPA LEAGUE
17.09.2019 - 07:000
Aggiornamento : 12:26

«Coppa? A Lugano dovrebbero essere vaccinati»

Pier Tami ha guidato l'ultimo Lugano internazionale: «L'Europa può darti una spinta. I bianconeri hanno bisogno di reagire e la partita di Copenaghen offre loro un'occasione ghiottissima»

LUGANO - La lezione subita alla Pontaise ha fatto saltare il banco a Lugano dove, dopo settimane di "siamo sereni perché anche se non vinciamo stiamo giocando bene", i bianconeri si sono riscoperti brutti, oltre che ancora perdenti. L'eliminazione dalla Coppa Svizzera contro un rivale sì competitivo ma non certo irresistibile ha cancellato le ultime scuse e reso caldissima la situazione. Per la prima volta dal suo arrivo il mister è stato messo in discussione e per l'ennesima volta i giocatori più navigati - da quando sono padroni di casa a Cornaredo - si sono dovuti sorbire la strigliata presidenziale.

Le ambizioni al via, qualche buona prestazione, le sconfitte, l'Europa League che diventa improvvisamente un peso anziché una risorsa... Una situazione simile a Lugano l'hanno già vissuta nella stagione 2017/2018 quando, dopo un avvio "tranquillo" (due vittorie e otto punti in sette giornate), con le prime gite continentali la squadra si perse. In campionato arrivarono addirittura cinque sconfitte consecutive e, tra una stilettata e una sfuriata, Renzetti arrivò vicinissimo a silurare mister Tami.

«L'Europa League è uno stress ma solo a livello mentale - ha sottolineato proprio Pier Tami - È una competizione che assorbe grandi quantità di energia, ma solo per quanto riguarda l'aspetto nervoso. Per il resto è un qualcosa che può darti una spinta, piuttosto che rallentarti. Anche a livello fisico. Al Lugano farà dunque bene cambiare aria e misurarsi con le avversarie continentali».

A lei quasi fece perdere il posto.
«Ma la rosa a disposizione di Fabio Celestini è migliore di quella sulla quale potevo contare io. E poi ora c'è più esperienza. E non parlo solo di giocatori. Noi facemmo fatica perché, come società, non eravamo pronti alle emozioni della competizione. In quanto all'organizzazione delle partite tutti, i dirigenti, lo staff, gli stessi ragazzi, ci ritrovammo sotto pressione. Ora però a Cornaredo dovrebbero essere vaccinati. L'Europa non è più un'incognita per loro».

Però sono reduci da un periodaccio. Di sicuro non giocheranno tranquilli.
«I bianconeri hanno bisogno di reagire e la partita di Copenaghen offre loro un'occasione ghiottissima per farlo. Per battersi con rabbia e voglia e tirarsi fuori dalla crisi».

L'Europa League, a differenza della Coppa Svizzera, è un torneo nel quale una squadra come il Lugano non ha molto da perdere.
«Questa cosa che affrontare avversarie più forti significhi non avere nulla da perdere non mi è mai piaciuta. Non l'ho mai capita. C'è sempre da perdere. Credo piuttosto che giocando sfide internazionali ci sia molto da guadagnare. E poi preparare partite con rivali importanti è più facile: le motivazioni arrivano da sole e, di conseguenza, non puoi sbagliare l'approccio».

Cosa che invece alla truppa di Fabio Celestini è capitata nel weekend a Losanna. Sulla carta era favorita per il passaggio del turno, eppure ha fatto una pessima figura.
«Se non giochi con lo stesso livello agonistico del tuo avversario l'aspetto tecnico non viene a galla. Il Lugano ha perso? C'è un vantaggio in questo. Le sconfitte hanno sempre un vantaggio, anche se uno solo: stimolano le corde della rivincita. Cresce quella voglia di volere subito invertire il risultato negativo».

Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
GI 1 mese fa su tio
spero non tornino "con le pive nel sacco"....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 22:12:17 | 91.208.130.87