Ti-Press
+10
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BUNDESLIGA
55 min
Il Dortmund di Favre torna già ad allenarsi
Emre Can, ex Juve, ha fatto sapere che i gialloneri riprenderanno l'attività lavorando a coppie
SERIE A
2 ore
Covid-19, Godin attacca l'Italia: «Siamo stati esposti fino all’ultimo momento»
Il difensore dell'Inter, dall'Uruguay, critica le istituzioni: «Hanno continuato a tirare la corda»
MOTOMONDIALE
3 ore
Cadute e cordoli virtuali: Alex Marquez vince al Mugello
Dieci piloti hanno partecipato alla prima edizione dello "StayAtHomeGP"
LIGA
5 ore
«Non seguo il calcio e non so i nomi degli avversari»
Il portiere del Barça ha raccontato un simpatico aneddoto: «Vedo solo i big match o se gioca qualche mio amico»
SUPER LEAGUE
8 ore
«Scioccati, non ce l'aspettavamo»
Il 29enne è tra i nove che si sono visti recapitare la lettera (via WhatsApp) di licenziamento dal patron del Sion
BERGAMO
12 ore
«Questa è una bomba sanitaria, sta diventando una guerra mondiale»
Il presidente dell'Atalanta denuncia una situazione drammatica con la quale sta convivendo la città di Bergamo
DIVERSI
21 ore
Neymar se ne infischia della quarantena: gioca a footvolley, è polemica
Non è per nulla piaciuta ai suoi follower la foto in cui si vede il brasiliano spassarsela in compagnia di amici
SERIE A
23 ore
CR7 e compagni accettano: la Juve risparmia 90'000'000
I tesserati bianconeri percepiranno solo parte del loro salario nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno
GUANGZHOU
1 gior
C'è anche chi, lentamente, sta tornando a sorridere
Il 46enne ha postato un video per testimoniare come a Guangzhou la gente sta tornando a condurre una vita normale
GRAN BRETAGNA
1 gior
«Piango! Cantano "You'll never walk alone" fuori dalla terapia intensiva...»
L'allenatore del Liverpool ha visto un video nel quale in ospedale si cantava l'inno della sua squadra. Da pelle d'oca
TENNIS
1 gior
«Tuteliamo i tornei centenari, non gli interessi di Federer»
La quarta edizione della Laver Cup verrebbe fagocitata dal Major. Panatta sta con gli organizzatori dello Slam
MERCATO
1 gior
«Tra Rodriguez e Napoli c'era qualcosa di vero»
Gianluca Di Domenico: «Il club olandese ha dato delle sicurezze al giocatore. Rodriguez voleva questo»
SERIE A
1 gior
Dybala: «Facevo fatica a respirare, ora sto meglio». Il fratello intanto viola la quarantena
L'argentino era risultato positivo al Covid-19. Nel frattempo il fratello Gustavo, con la compagna, è stato denunciato
FORMULA 1
1 gior
«Comincio a guardare anche oltre la F1»
Vettel è in scadenza di contratto: «Col tempo si diventa più maturi, quando penso al futuro sono piuttosto rilassato»
SUPER LEAGUE
09.08.2019 - 14:560
Aggiornamento : 18:34

Lugano tra Sion e sponsorizzazione dal Casinò

La partita con i vallesani e l'accordo triennale con la casa da gioco: i bianconeri hanno raccontato i loro giorni intensi. Holender, Juior e Lovric possibili titolari

LUGANO - Una reazione: è ciò che si chiede al Lugano reduce dalla sconfitta di Berna contro lo Young Boys. Se un rovescio sul campo dei campioni svizzeri può starci, a preoccupare in riva al Ceresio è la sterilità offensiva riscontrata nelle ultime due uscite.

Dopo le quattro reti rifilate all'esordio a Zurigo, Gerndt e compagni non sono riusciti a bucare né la difesa del Thun, né quella dei gialloneri.

Nonostante ciò Fabio Celestini si è mostrato tutto sommato tranquillo a due giorni dalla sfida interna con il Sion. Nella conferenza stampa tenuta al Casinò di Lugano, occasione per pubblicizzare l’entrata di Casinò Lugano SA nella ristretta cerchia dei Gold Partner (per i prossimi tre anni, nei quali saranno pure organizzate tre edizioni della Casinò Lugano Cup), il tecnico dei ticinesi ha difeso le sue scelte e lanciato la sfida ai vallesani.

«Dopo la partita di Zurigo, dove la squadra ha fatto bene, era giusto dare fiducia allo stesso undici – ha raccontato il 43enne tecnico - Sarà molto difficile ripetere la stesse formazioni nelle prossime settimane. Primo, perché ho una rosa di più di venti giocatori che hanno un livello simile e che mi danno molte possibilità di scelta. Secondo, perché disputeremo tantissime partite. Già domenica non ci sarà comunque la stessa formazione».

Contro i biancorossi, dal 1' si dovrebbero vedere Holender (per Gerndt), Junior (per Bottani) e Lovric (per Custodio).
«Non faccio io l'undici. Lo fanno i giocatori. Se si fosse vinto con il Thun e pareggiato con l'YB sarebbe stato difficile cambiare. Poi ci sono la stanchezza, gli infortuni... tantissimi motivi per andare a cambiare».

Nel calcio le prestazioni vengono valutate anche sui risultati e le reti segnate. Nelle ultime due uscite – senza gol – che indicazioni ci sono state?
«Nella prima abbiamo avuto cinque-sei azioni da gol nettissime. Se a fine primo tempo contro il Thun fossimo stati 3-0 non ci sarebbe stato nulla da dire. Contro l'YB abbiamo invece creato molto meno. È comunque presto per dare dei giudizi reali. Il campionato comincia domenica. Ci serve la stessa qualità a livello difensivo già vista. Mi aspetto però anche che a livello offensivo ci siano la determinazione e la qualità per fare la differenza. Spero di vedere contro il Sion l'equilibrio che ci serve».

Per sbloccare la fase offensiva sono stati curati aspetti particolari, tipo le palle ferme?
«Le partite le prepari più o meno nello stesso modo. Possono cambiare alcuni parametri ma in generale il lavoro è lo stesso. Dobbiamo essere solo consapevoli di essere ambiziosi, determinati, cattivi in attacco. Per me la partita contro l'YB, nei sessanta metri centrali, l'ha vinta il Lugano. Ma i match si vincono negli ultimi venti metri. Alla fine abbiamo fatto due errori evitabili e abbiamo preso due gol. Dobbiamo provare a fare sforzi tutti insieme e a rimanere concentrati negli ultimi metri del campo. I centrocampisti per ora sono stati bravi come realizzatori. A questo punto, con Junior che è tornato e con Holender che sta trovando una buona forma, spero che anche il nostro attacco riesca a fare bene. Mi aspetto qualche gol di Bottani, qualche gol di Gerndt... a me comunque non importa chi segna».

Contro lo Zurigo il Sion ha vinto quasi "per caso"...
«Ha fatto quasi tutto lo Zurigo. Ha fatto le cose giuste e quelle sbagliate. Questa è la bugia del calcio. Se fa gol Kololli vince lo Zurigo, invece ha vinto il Sion. Non credo che Magnin abbia impostato o letto male la partita. La sua squadra ha avuto in mano il gioco. Invece il match, per dettagli, è scivolato in mano ai biancorossi. Il rigore ha cambiato tutto».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone (archivio)
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 7 mesi fa su tio
Salvezza!!poi vedum
Indira69 7 mesi fa su tio
Una chance a Kryeziu la darei con più regolarità,il ragazzo ha voglia e talento,vai Leutrim!
roma 7 mesi fa su tio
@Indira69 concordo
roma 7 mesi fa su tio
yeah
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 20:47:06 | 91.208.130.87