Losanna
2
Lakers
1
fine
(0-0 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Zugo Academy
1
Turgovia
3
fine
(0-0 : 0-1 : 1-2)
Visp
5
GCK Lions
1
fine
(2-1 : 0-0 : 3-0)
Langenthal
3
La Chaux de Fonds
2
fine
(0-2 : 1-0 : 2-0)
Ticino Rockets
1
Winterthur
7
fine
(0-1 : 1-2 : 0-4)
Ajoie
5
Sierre
2
fine
(2-1 : 1-0 : 2-1)
Losanna
LNA
2 - 1
fine
0-0
0-1
1-0
0-0
1-0
Lakers
0-0
0-1
1-0
0-0
1-0
 
 
37'
0-1 CASUTT
1-1 BERTSCHY
54'
 
 
CASUTT 0-1 37'
54' 1-1 BERTSCHY
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
Zugo Academy
LNB
1 - 3
fine
0-0
0-1
1-2
Turgovia
0-0
0-1
1-2
 
 
37'
0-1 REHAK
 
 
51'
0-2 SPILLER
1-2 KRISTENSEN
52'
 
 
 
 
60'
1-3 SPILLER
REHAK 0-1 37'
SPILLER 0-2 51'
52' 1-2 KRISTENSEN
SPILLER 1-3 60'
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
Visp
LNB
5 - 1
fine
2-1
0-0
3-0
GCK Lions
2-1
0-0
3-0
 
 
8'
0-1 FUHRER
1-1 RIATSCH
10'
 
 
2-1 JOSEPHS
11'
 
 
3-1 DOLANA
46'
 
 
4-1 JOSEPHS
48'
 
 
5-1 RIATSCH
50'
 
 
FUHRER 0-1 8'
10' 1-1 RIATSCH
11' 2-1 JOSEPHS
46' 3-1 DOLANA
48' 4-1 JOSEPHS
50' 5-1 RIATSCH
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
Langenthal
LNB
3 - 2
fine
0-2
1-0
2-0
La Chaux de Fonds
0-2
1-0
2-0
 
 
6'
0-1 DUBOIS
 
 
13'
0-2 VOIROL
1-2 BIRCHER
39'
 
 
2-2 CHRISTEN
53'
 
 
3-2 CLARK
57'
 
 
DUBOIS 0-1 6'
VOIROL 0-2 13'
39' 1-2 BIRCHER
53' 2-2 CHRISTEN
57' 3-2 CLARK
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
Ticino Rockets
LNB
1 - 7
fine
0-1
1-2
0-4
Winterthur
0-1
1-2
0-4
 
 
20'
0-1 BOZON
1-1 HAUSSENER
29'
 
 
 
 
35'
1-2 ALIHODZIC
 
 
37'
1-3 BOZON
 
 
42'
1-4 MONNET
 
 
43'
1-5 RAGGI
 
 
54'
1-6 MONNET
 
 
55'
1-7 BLASER
BOZON 0-1 20'
29' 1-1 HAUSSENER
ALIHODZIC 1-2 35'
BOZON 1-3 37'
MONNET 1-4 42'
RAGGI 1-5 43'
MONNET 1-6 54'
BLASER 1-7 55'
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
Ajoie
LNB
5 - 2
fine
2-1
1-0
2-1
Sierre
2-1
1-0
2-1
1-0 FROSSARD
5'
 
 
2-0 HUBER
13'
 
 
 
 
15'
2-1 MAILLARD
3-1 HAZEN
25'
 
 
 
 
51'
3-2 MONTANDON A.
4-2 HAZEN
54'
 
 
5-2 SCHMUTZ
60'
 
 
5' 1-0 FROSSARD
13' 2-0 HUBER
MAILLARD 2-1 15'
25' 3-1 HAZEN
MONTANDON A. 3-2 51'
54' 4-2 HAZEN
60' 5-2 SCHMUTZ
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 22:37
+ 4
ULTIME NOTIZIE Sport
COPPA ITALIA
13 min
Il Toro sogna, il Milan (salvo in extremis) passa
Avanti fino al 91', i granata si sono visti riprendere e poi superare – al supplementare – dai rossoneri. Il 4-2 vale la semifinale con la Juve
SCI ALPINO
41 min
Kinsey (quasi) nuda sulla neve: a Schladming fa caldo
Durante lo slalom austriaco c'è stato tempo per un'inaspettata invasione. Dopo la Champions, l'ormai famosa Wolanski ha timbrato anche lo sci
NATIONAL LEAGUE
1 ora
Rapperswil combattivo ma vince (ai rigori) il Losanna
I Leoni biancorossi hanno piegato 2-1 i sangallesi. Superato in classifica il Lugano
SWISS LEAGUE
1 ora
Razzi abbattuti nello scontro diretto
Pesante sconfitta per i Ticino Rockets, affossati – a Biasca – 1-7 dal Winterthur
SCI ALPINO
1 ora
Yule sul podio a Schladming, trionfa Kristoffersen
Il rossocrociato ha chiuso al terzo posto lo Slalom vinto dal norvegese. Secondo Pinturault, quarto Noël dopo una splendida rimonta
SCI ALPINO
4 ore
Yule in agguato a Schladming
L'austriaco Marco Schwarz, al termine della prima manche, comanda davanti a Kristoffersen e Pinturault. Quarto il rossocrociato
SUPER LEAGUE
4 ore
Wakatsuki alla corte di Ricardo Dionisio Pereira
Il Sion ha ottenuto in prestito il giovane talento giapponese
SCI ALPINO
5 ore
Niente Russia per la Shiffrin
L'americana non prenderà parte alla discesa e al super g in programma nel weekend a Sochi
MOTOMONDIALE
6 ore
In attesa di Rossi la Yamaha blinda Viñales
Il pilota spagnolo resterà con la scuderia nipponica almeno fino al 2022
LOS ANGELES
7 ore
Kobe Bryant e la moglie Vanessa avevano scelto di non volare mai insieme
Lo ha rivelato un amico stretto della famiglia
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
24.07.2019 - 10:020
Aggiornamento : 23:19

«Lugano? È una conferma. Magnin vada allo stadio con il giubbotto antiproiettili...»

Arno Rossini sul valore della compagine bianconera: «Se si pensa che un giocatore come Sulmoni sia in panchina, si capisce quanto il valore di questa rosa sia alto...»

LUGANO - È vero: una rondine non fa primavera. Quel che è certo, però, è che il primo Lugano targato 2019-20 ha saputo andare oltre le più rosee aspettative. Rifilare quattro "sberloni" allo Zurigo, perdipiù in trasferta, non è sicuramente qualcosa che ti riesce tutti i giorni. Ecco perché la prima uscita stagionale dei bianconeri si è trasformata in una domenica trionfale...

«Ma non parlerei di sorpresa, bensì di conferma - le parole di Arno Rossini - La rosa del Lugano è molto interessante e questo non l'abbiamo di certo scoperto a Zurigo. Il fatto che giocheranno in Europa ha permesso alla società di allargare il contingente, coprendosi in ogni ruolo con giocatori d'esperienza. Non puntano più soltanto su elementi giovani da far crescere. Sotto questo aspetto il Lugano ha fatto un grande passo avanti. Se si pensa che un giocatore come Sulmoni sia in panchina, si capisce quanto il valore di questa rosa sia alto...».

Questa squadra potrà dunque togliersi delle belle soddisfazioni anche in Europa? 
«Dipenderà un po' dal girone nel quale dovrà giocare. Ad ogni modo sì, sono convinto che potrà togliersi qualche bella soddisfazione. Celestini è coperto bene in ogni ruolo e ha la possibilità di far giocare la squadra in diversi modi. Non da ultimo avrà l'opportunità di far riposare quei giocatori che reputa essere un po' a corto di fiato».

A questo punto la partenza di Junior non fa più così paura...
«No, assolutamente no. Gerndt e Bottani danno delle garanzie importanti. Senza dimenticare la qualità incredibile del centrocampo». 

C'è un elemento che ti ha stupito più degli altri al Letzigrund?  
«Mai come in questo caso sottolinerei la forza del collettivo. Ad ogni modo Rodriguez ha fatto una grande partita. La difesa si è rivelata solida e il centrocampo dinamico. Ho visto molto bene anche Bottani, diverse azioni sono partite da lui. Si è visto poco Gerndt, ma reputo sia un riferimento importantissimo per la squadra. Ci sono quei giocatori che non sempre noti, ma che sono fondamentali per i meccanismi di un team».

La panchina di Ludovic Magnin, già "ballerina" in primavera, sembra scricchiolare sempre più...  
«Se prendiamo il girone di ritorno dello scorso campionato e la partita con il Lugano possiamo sicuramente parlare di un allenatore a forte rischio. A Zurigo se non rendi fanno in fretta a farti fuori. Diciamo che in questo periodo può andare all'allenamento con il giubbotto antiproiettile...». 

In questa prima tornata ha deluso il Sion...
«Diciamo relativamente. Sottolinerei più i meriti del Basilea piuttosto che i demeriti del Sion. A Basilea c'è tantissima voglia di rivalsa dopo i due campionati vinti dallo Young Boys. Venerdì sera i renani si sono rivelati micidiali, sfruttando appieno due erroracci del Sion. Behrami? È reduce da un grave infortunio e solitamente lui i campionati non li sbaglia. Lo aspettiamo». 

E il Servette? Niente male esordire con un pareggio sul terreno dei campioni svizzeri...
«L'avevo sottolineato settimana scorsa come l'entusiasmo del Servette potrebbe fare volare i ginevrini. La squadra mi ha impressionato, anzi a Berna avrebbero potuto anche vincere. Hanno avuto diverse occasioni per far loro la posta piena. La prossima partita sarà Servette-Sion, un match incredibile. Un derby già molto interessante...». 

keystone-sda.ch/ (ENNIO LEANZA)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-28 23:32:06 | 91.208.130.89