Print screen video
SEATTLE
20.07.2019 - 19:000
Aggiornamento : 22:34

Sfidano il Borussia Dortmund con un bambino di otto anni in porta

È successo in occasione della sfida amichevole contro i tedeschi dove i Seattle Sounders hanno messo fra i pali Bheem Goyal, malato di leucemia

SEATTLE (USA) - Il giovane Bheem Goyal si ricorderà sicuramente per molto tempo l'avventura che ha vissuto sul CenturyLink Field di Seattle. Malato di Leucemia il bambino di otto anni è stato infatti invitato dalla compagine statunitense dei Seattle Sounders per difendere i pali della loro porta nel match amichevole contro il Borussia Dortmund (1-3).

Goyal, che ha effettuato soltanto un intervento dopo il calcio di inizio, è stato in seguito sostituito e si è scatenata l'ovazione del pubblico.

Questo gesto è stato possibile grazie alla fondazione "Make-A-Wish", organizzazione che permette ai bambini malati di realizzare i propri sogni. 

Commenti
 
watson 1 mese fa su tio
miba al cuore non si comanda. Ho avuto anch'io dei problemi con un mio nipote da 9 anni (tumore maligno superato) e non si trattava di marketing ma di un essere umano. Non tutti la vedono come lei fortunatamente.
miba 1 mese fa su tio
Quanta ipocrisia in questo mondo! Un'operazione di marketing perfettamente riuscita (e lì tutti a battere le mani...)
Verbania 1 mese fa su tio
@miba ?? L’associazione senza lucro Make a Wish ha lo scopo di realizzare i desideri dei bambini. Sono loro che hanno contattato quella squadra, magari ne hanno contattate altre prima, che hanno rifiutato. La squadra NON HA CHIESTO NULLA.
miba 1 mese fa su tio
@Verbania Make a Wish è un'associazione/organizzazione a livello mondiale (presente anche Svizzera ed Italia) attorno alla quale ruotano anche tanti bei soldoni.... Per carità! Se il sogno di un bambino può essere esaudito ha tutta la mia approvazione (ci mancherebbe!!!) ma purtroppo dietro le quinte non è sempre tutto oro quello che luccica... Non voglio entrare nel merito ma in internet si trovano anche non poche controversie... Nell'era delle fake news, delle mezze bugie e mezze verità e del dio denaro nessuno (quindi né tu né io...) sapremo mai come stanno realmente le cose. Dai, forse è meglio mettere sempre le fette di salame sugli occhi, mai farsi domande e battere sempre le mani da buoni pecoroni
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 05:30:59 | 91.208.130.86