Manchester Utd
1
FC Copenhagen
0
fine
(0-0 : 0-0 : 1-0)
KEYSTONE/EPA (HUGO DELGADO)
+38
NATIONS LEAGUE
08.06.2019 - 14:060
Aggiornamento : 19:14

Droga e rabbia (per Mourinho) nel passato dell'imprendibile Depay

Decisivo in nazionale ma altalenante con i club, il funambolo olandese ha parlato dei suoi problemi fuori e dentro il campo

PORTO (Portogallo) – Alti e bassi, lampi accecanti e pause imbarazzanti. Fino a questo momento la carriera di Memphis Depay è stata un'altalena di emozioni e risultati. Fenomeno del calcio olandese, capace – a 21 anni – di completare una stagione da 28 reti in 40 presenze con il PSV, l'attaccante ora 25enne è passato dalla comparsata del Manchester United alla conferma del Lione. Prima dell'ultima complicata annata.

Dove la punta raramente ha sbagliato è stato in Nazionale. Solo nell'ultima stagione ha infatti trascinato gli Oranje con 7 reti in 9 partite. E tante invenzioni. Ne sa qualcosa l'Inghilterra, schiantata (anche) dalle sue accelerazioni nella semifinale di Nations League.

Tornato a essere coccolatissimo, Depay ha raccontato alcuni aneddoti relativi al suo percorso. Ha ammesso di essere stato un ragazzino terribile: "Non sono d'accordo con molte cose che ho fatto in passato e non ne sono orgoglioso – ha raccontato l'olandese nel suo libro Heart of Lion - ho vissuto al limite ma ho avuto la fortuna di salvarmi grazie al talento. Stavo in giro di notte per le strade e facevo quelle cose che un ragazzo di quell'età non dovrebbe fare, vendendo erba o partecipando a feste in cui si consumavano droghe pesanti”.

E il calcio? "Van Gaal aveva buone ragioni per mandarmi in panchina. Con Mourinho, invece, mi sentivo in fiducia e allenato ad un livello superiore, ma nulla ha cambiato la mia situazione, anche dando tutto in allenamento. Pure compagni come Ibrahimovic, Pogba o Carrick si chiedevano come fosse possibile che non giocassi. Il portoghese disse che era molto soddisfatto del mio lavoro e del mio atteggiamento, ma non mi diede mai le possibilità di giocare. E mi fece perdere la testa. Un giorno, sconvolto dalla rabbia, arrivai persino a colpire il mio migliore amico. Mi fermai prima di ferirlo, ma poi mi vergognai".

CALCIO: Risultati e classifiche

KEYSTONE/AP (Armando Franca)
Guarda tutte le 42 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:43:43 | 91.208.130.85