KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (SAMUEL GOLAY)
+ 7
ULTIME NOTIZIE Sport
CHAMPIONS LEAGUE
6 ore
Uno scatenato Di Maria stende il Real, Juve raggiunta nel finale
MADRID
8 ore
Bale, 700'000 sterline di regalo-pensione: «Sei mesi per il mondo a giocare a golf con gli amici»
EUROPA LEAGUE
9 ore
Lugano pronto alla battaglia
LIGUE 1
10 ore
Neymar, ribaltate le parti: denuncia per estorsione e calunnie
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Mai più un "39" a Losanna
FORMULA 1
12 ore
In sauna, con il casco, a 50°C: Perez prepara il tremendo Singapore
NATIONAL LEAGUE
13 ore
Tegola Friborgo: Sprunger out almeno due mesi
TENNIS
14 ore
Federer e i suoi fratelli alla conquista del mondo
TENNIS
14 ore
Stesa la Siniakova, Golubic ai quarti in Cina
NATIONAL LEAGUE
15 ore
Il Bienne blinda Roman Karaffa
SERIE B
16 ore
«A Lugano mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Ascoli? È quello che cercavo»
EUROPA LEAGUE
18 ore
Missione Copenaghen: Lugano partito
LIGUE 1
19 ore
Icardi indesiderato a Parigi per colpa di Messi?
NATIONAL LEAGUE
19 ore
Rantanen dopo Laine, Berna ricettacolo di campioni
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
22 ore
«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»
SUPER LEAGUE
16.05.2019 - 21:580
Aggiornamento : 17.05.2019 - 09:14

Gerndt punisce il San Gallo, Lugano salvo e... terzo

Un calcio piazzato dell'attaccante ha permesso ai bianconeri di superare 1-0 i biancoverdi. Salvezza centrata e mani – anzi piedi – sul gradino più basso del podio

LUGANO – Una punizione di Gerndt è bastata al Lugano per battere 1-0 il San Gallo e rialzarsi immediatamente dopo la sconfitta di Thun.

Con alle porte una trasferta - sulla carta - difficilissima (a Neuchâtel) e un'ultima giornata – sulla carta - molto semplice (contro il Grasshopper), i bianconeri sapevano che i punti in palio nella sfida casalinga ai biancoverdi avrebbero avuto un peso specifico gigantesco. Superare la truppa di Peter Zeidler avrebbe garantito il terzo posto temporaneo della graduatoria e un enorme vantaggio, aritmetico e “morale”, in vista degli ultimi 180' di volata.

Spinti dalle certezze costruite negli ultimi mesi e anche dalla voglia, comprensibile, di chiudere contemporaneamente il discorso salvezza, i ticinesi hanno affrontato il match con la giusta testa. Poi sono anche stati fortunati, se così si può dire, a sbloccare subito il punteggio. Nella prodezza balistica di Gerndt, a segno al 7', c'è poca buona sorte, è giusto sottolinearlo; vedere immediatamente l'incontro mettersi in discesa è però stata un'ulteriore iniezione di fiducia per Sabbatini e soci. Vantaggio da gestire e stop? Facile a dirsi, meno da mettere in pratica, con ancora un'ora e mezza scarsa da giocare.

Quasi non pensando al punteggio, il Lugano ha tentato comunque di fare la partita contro un avversario per nulla molle o rinunciatario. È stato forse meno propositivo del solito; è in ogni caso stato in grado di tenere spesso i rivali lontani dalla porta difesa da Baumann. Colpito a freddo, il San Gallo ci ha messo un po' a riorganizzarsi. Con il passare dei minuti ha però saputo – senza continuità – anche aggredire i padroni di casa. Si è creato qualche occasione (la migliore a metà ripresa) ma non è riuscito a passare. Alla fine è uscito dal campo nervoso, scornato e... superato (in classifica).

La corsa all'Europa è ancora tutta da decidere; da giovedì sera però la truppa di mister Celestini ha definitivamente messo la freccia. Confermato ufficialmente il proprio posto in Super League, ha ora due partite per blindare il piazzamento alle spalle di Young Boys e Basilea. Riuscirci equivarrebbe a un nuovo piccolo capolavoro.

Nell'altro match della sera di Super League lo Young Boys ha fatto la festa al malcapitato Grasshopper. Nel 6-1 finale in luce Assale e Hoarau, entrambi capaci di piazzare una doppietta. 

LUGANO-SAN GALLO 1-0 (1-0)
Reti: 7' Gerndt 1-0.
LUGANO: Baumann; Daprelà, Sulmoni, Yao; Lavanchy, Vecsei, Sabbatini, Crnigoj; Bottani, Junior (67' Brlek), Gerndt (85' Mihajlovic).

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (Samuel Golay)
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
Indira69 4 mesi fa su tio
La salvezza é stata centrata,obettivo raggiunto.Il vero salto di qualità é stato fatto in difesa,basta dare un'occhiata alla media inglese:é il primo anno,da quando si gioca in SL,dove si giganteggia a +1,questo é il vero successo,Daprelà,Sulmoni e Maric sono gli artefici di questo stupendo ritorno.Senza dimenticare gli altri,ci mancherebbe,anche se vorrei spendere due parole per Gerndt:il nostro vero leader,grande Alex!
watson 4 mesi fa su tio
Complimenti a tutti. Nessuno escluso. Sempre Lugano.
Spirito1 4 mesi fa su tio
Gufi abbattuti!!
jena 4 mesi fa su tio
altro anno di acidità e maa da panza per i soliti GUFI. ahaahhahahha
SSG 4 mesi fa su tio
per un altro anno salvezza conquistata (con anticipo) gioco abb divertente. Complimenti alla squadra, all'allenatore e soprattutto al Presidente! E' simpatico andare a rileggere tutti gli interventi dei pseudo-allenatori-da-tastiera durante la stagione...
Roberto Puglisi 4 mesi fa su fb
Quasi Europa league
Danny50 4 mesi fa su tio
Con tranquillità si può ottenere anche il terzo posto. Se non arriva non facciamone un dramma. La salvezza era l’obiettivo no 1 ed è stato centrato. Bravo Celestini e squadra e bravo Presidente.
El Jardinero 4 mesi fa su tio
Grande Alex Gerndt ! FORZA LUGANO !
Zarco 4 mesi fa su tio
Salvezza grande obbiettivo!!!complimenti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:12:14 | 91.208.130.87