TiPress (foto d'archivio)
+ 1
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
56 min
Il Davos presta Meyer allo Zugo
L'attaccante 22enne rinforzerà i Tori fino a Natale. Nel frattempo, in casa Zugo, da segnalare anche l'infortunio di Leonardo Genoni
HCL
2 ore
Crisi-Lugano? No, però è tempo di riconoscere ed evitare gli errori
"Mollati" dagli attaccanti che hanno tirato la carretta per settimane, i bianconeri faticano a segnare. Tocca a Kapanen trovare una soluzione, anche magari rivedendo la sua filosofia
NAZIONALE
4 ore
Svizzera, il compitino a Gibilterra e poi la festa
Alla Nazionale basterà raccogliere un punto contro una selezione modesta per garantirsi la partecipazione all'Europeo
FORMULA 1
11 ore
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
QUALIFICAZIONI EURO2020
12 ore
Vincono Francia e Inghilterra
La Turchia ha staccato il pass per l'Europeo
TENNIS
13 ore
Il giustiziere di Federer sale sul trono
Piegando 6-7 (6-8), 6-2, 7-6(4) Dominic Thiem, Stefanos Tsitsipas si è aggiudicato le ATP Finals
RIYAD
13 ore
Thiago Silva accusa Messi: «Si tuffa e gli arbitri gli credono perché sono suoi tifosi»
Il capitano del Brasile ha usato parole dure nei confronti della stella dell'Argentina in seguito alla sconfitta maturata proprio contro i verdeoro
SBL
15 ore
Lugano convincente, regolato il Monthey
I Tigers non hanno lasciato scampo ai vallesani: 68-60 il risultato finale
FORMULA 1
15 ore
Le due Ferrari si neutralizzano a vicenda, alla fine gode Verstappen
Il pilota olandese ha preceduto al traguardo la Toro Rosso di Gasly e la Mercedes di Hamilton
NATIONAL LEAGUE
15 ore
Wick, un anno e poi basta
L'attaccante dei Lions ha confermato che si ritirerà al termine del campionato 2020/21
CALCIO
18.05.2019 - 11:000
Aggiornamento : 20:27

«Il GC si è nascosto dietro al blasone, ora serve un repulisti»

Davide Morandi sul figlio Giotto: «Si è meritato l'esordio in Super League, ma il GC ha sbagliato gestione»

LUGANO - La finale di Coppa Svizzera tra Basilea e Thun - in agenda domenica -, il fallimento del Grasshopper e la grande gioia per l'esordio in Super League del figlio Giotto. Davide Morandi - ex allenatore del Lugano - si è espresso su alcuni temi d'attualità.

«La partita di domenica? L'unico vantaggio che vedo per il Thun è che si giocherà sul sintetico. Per il resto reputo che il Basilea sia ampiamente favorito, soprattutto dal punto di vista fisico hanno più argomenti da far valere. Inoltre l'assenza di Hediger sul fronte bernese sta complicando maledettamente le cose». 

Capitolo GC: il club più titolato del calcio svizzero scende in Challenge...
«Il fallimento non è mai la conseguenza di qualcosa a corto termine, ma ha sempre radici più profonde. In questo caso è dovuto al continuo e repentino cambiamento di persone nella gestione del club e a all'incapacità di focalizzarsi su ciò che davvero conta. Inoltre per troppi anni ci si è nascosti dietro alla storia e al blasone del club. Il blasone va lasciato da parte, conta solo il lavoro e a Zurigo si è lavorato poco e male...».

Bisognerà ripartire da zero?
«Sì, serve un repulisti generale. Non si dovrà puntare subito alla Super League, poiché tornarci non sarà una passeggiata scolastica. Ora devono pensare a ripulire la loro immagine, giocare al Letzigrund davanti a 2'500 persone contro Winterthur, Sciaffusa o Chiasso non rispecchia quella che è la storia della società. Per questo sono convinto che, come prima cosa, ci si debba abituare a questa nuova realtà». 

Questo GC, però, evocherà sempre dei bei ricordi per te e tuo figlio Giotto...
«Chiaramente il giorno dell'esordio (il 3 febbraio, ndr) non lo dimenticheremo mai. È un esordio che si è ampiamente meritato. Quel che però mi ha lasciato perplesso, e non me ne voglia mio figlio, è il fatto che il Grasshopper durante l'arco di tutta la stagione abbia schierato 39 giocatori. Questo non fa altro che confermare come il club abbia avuto diversi problemi anche dal punto di vista della crescita sportiva dei giocatori».

Un esordio arrivato anche grazie ai consigli del papà...
«Negli ultimi anni ho sostenuto Giotto soprattutto dal punto di vista mentale, poiché non è sempre evidente muoversi quando non hai ancora 20 anni. Ora, invece, tendo a staccarmi un po' di più perché reputo che si sia costruito le competenze per gestirsi al meglio autonomamente. Ma lui sa che io sono sempre presente...». 

TiPress (foto d'archivio)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Sandra Gasser 6 mesi fa su fb
Si hai ragione Alessio
albertolupo 6 mesi fa su tio
Morandi che squadra allena adesso?
roma 6 mesi fa su tio
Piangina in "action"
bananajoe 6 mesi fa su tio
Tante prediche ai genitori per poi lasciare queste dichiarazioni... mah
Alessio Nesurini 6 mesi fa su fb
Potrebbe andare lui al GC e fare il manager all’inglese. Sapientone di uno...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 11:11:42 | 91.208.130.89