Sassuolo
Inter
12:30
 
Sassuolo
SERIE A
0 - 0
12:30
Inter
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 11:37
TiPress (foto d'archivio)
SUPER LEAGUE
15.05.2019 - 15:590

«Vogliamo festeggiare la salvezza davanti ai nostri tifosi»

Fabio Celestini si è espresso alla vigilia dell'importante sfida contro il San Gallo, che potrebbe consegnare la salvezza matematica ai ticinesi

LUGANO - Due vittorie e un pareggio: contrariamente al Thun, bestia nera dei bianconeri, il San Gallo è una squadra che porta relativamente fortuna alla truppa di Fabio Celestini. 

Attenzione però: i biancoverdi - attualmente quarti a +2 sui ticinesi - arriveranno domani sera a Cornaredo con la ferma intenzione di staccare il terzo successo di fila, dopo quelli ottenuti contro GC e Sion. 

Per Sabbatini e compagni un altro "spareggio" europeo, ma Celestini sta pensando ad "altro"... «Non abbiamo ancora raggiunto il nostro obiettivo e con il San Gallo vogliamo festeggiare la salvezza davanti ai nostri tifosi. La realtà ci dice che siamo in una buona posizione, anche se manca ancora una vittoria. Bisogna diffidare del San Gallo, è una squadra che non pareggia mai. O vince o perde e quando riesce a prendere in mano le redini della partita diventa un cliente pericolosissimo».

Nonostante la bruciante battuta d'arresto della Stockhorn Arena - giunta dopo dieci risultati utili consecutivi - a Lugano il morale resta alto... «Dopo la sconfitta di Thun non c'erano tanti sorrisi, ma ora si guarda avanti. Domani dovremo essere concentrati sulla partita, che potrebbe permetterci di raggiungere il primo obiettivo stagionale. Se sono pentito delle scelte fatte sabato? Assolutamente no. Quando analizzo le partite vado al di là del risultato. Se ho schierato quella formazione è perché ne ero convinto. Scelgo chi schierare in base a quello che vedo in settimana, quindi non mi piango addosso se poi la partita va male. Sabato a Thun la ciambella è uscita senza buco purtroppo...». 

Due parole sulla retrocessione del Grasshopper... «È triste, però quanto accaduto alle Cavallette dà ulteriore valore al lavoro che stiamo svolgendo qui a Lugano. Credo che, in futuro, un allargamento del campionato a 12 squadre sia indispensabile. Abbiamo società come Servette e Losanna che dispongono di mezzi importanti. A questo punto del campionato è un po' strano che diversi club non sappiano se allestire un budget per la Super League, più eventualmente l'Europa, o per la Challenge League...».

TiPress (foto d'archivio)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
El Jardinero 5 mesi fa su tio
Forza Lugano !
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 12:15:54 | 91.208.130.85