Keystone (foto d'archivio)
+ 16
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
21 min
Berthon continua a Ginevra
Rinnovo per il 27enne attaccante, che rimarrà un'Aquila fino al 2022
TENNIS
39 min
Nadal chiude in vetta: agganciati Federer e Djokovic
Il mancino di Manacor, per la quinta volta in carriera, chiuderà l'anno in testa al ranking Mondiale
FORMULA 1
1 ora
Disastro Ferrari: «Daremo un segnale forte ai piloti»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Sono errori che si pagano come immagine e come squadra: non va bene». Nel frattempo la FIA chiude la vicenda: «Nessun colpevole»
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Il Berna perde Justin Krueger
Il difensore 33enne starà ai box per un periodo di tempo indeterminato
HCAP
4 ore
Ad Ambrì il massimo (per ora) non basta
L'ultimo posto in classifica è un risultato preoccupante per una squadra che già sta spingendo il piede sull'acceleratore
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Il Davos presta Meyer allo Zugo
L'attaccante 22enne rinforzerà i Tori fino a Natale. Nel frattempo, in casa Zugo, da segnalare anche l'infortunio di Leonardo Genoni
HCL
7 ore
Crisi-Lugano? No, però è tempo di riconoscere ed evitare gli errori
"Mollati" dagli attaccanti che hanno tirato la carretta per settimane, i bianconeri faticano a segnare. Tocca a Kapanen trovare una soluzione, anche magari rivedendo la sua filosofia
NAZIONALE
9 ore
Svizzera, il compitino a Gibilterra e poi la festa
Alla Nazionale basterà raccogliere un punto contro una selezione modesta per garantirsi la partecipazione all'Europeo
FORMULA 1
16 ore
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
QUALIFICAZIONI EURO2020
17 ore
Vincono Francia e Inghilterra
La Turchia ha staccato il pass per l'Europeo
TENNIS
18 ore
Il giustiziere di Federer sale sul trono
Piegando 6-7 (6-8), 6-2, 7-6(4) Dominic Thiem, Stefanos Tsitsipas si è aggiudicato le ATP Finals
RIYAD
18 ore
Thiago Silva accusa Messi: «Si tuffa e gli arbitri gli credono perché sono suoi tifosi»
Il capitano del Brasile ha usato parole dure nei confronti della stella dell'Argentina in seguito alla sconfitta maturata proprio contro i verdeoro
SBL
20 ore
Lugano convincente, regolato il Monthey
I Tigers non hanno lasciato scampo ai vallesani: 68-60 il risultato finale
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
10.04.2019 - 11:300
Aggiornamento : 23:07

Beneamata tabula rasa, «Con le donne Spalletti non ci sa fare»

Antonio Conte prossimo allenatore dell'Inter? Arno Rossini ha promosso la scelta: «Mi sembra la persona giusta per tentare di riportare il club ai vertici»

MILANO (Italia) - Non c'è alcun tipo di ufficialità e questo dovrebbe suggerire prudenza. Quando più fonti, diverse e normalmente in contrasto tra loro, riportano la stessa "voce", aggiungendo via via particolari, indizi e suggerimenti, ecco però che una notizia comincia a divenire credibile.

Credibile: questa è la parola giusta per definire il rumor che vuole Antonio Conte pronto, dalla prossima stagione, a sedersi sulla panchina dell'Inter.

Il sergente di ferro con il cuore bianconero al timone dei nerazzurri, davvero?

«Non ci vedo nulla di strano - ha raccontato Arno Rossini - mi sembra anzi la persona giusta per tentare di riportare il club ai vertici».

Il leccese è un vincente. Ha dimostrato di saper fare il suo lavoro ottenendo tantissimo con la Juve, con la nazionale italiana e con il Chelsea. È una garanzia.
«Sa quel che vuole e come ottenerlo. Se l'Inter lo metterà nelle condizioni di lavorare bene, allora di certo i risultati arriveranno».

Scudetto al primo giro, come accaduto con la Vecchia Signora e i Blues?
«No, non credo. In Italia la Juve è davvero molto più forte di tutte le concorrenti. Però il suo ingaggio può far crescere molto l'Inter. Può far invertire la rotta».

Visti i suoi trascorsi, non tutti i tifosi della Beneamata hanno preso bene la notizia del suo possibile arrivo.
«Anche Uli Forte, se vogliamo guardare in casa nostra, non ha ricevuto una calda accoglienza al Grasshopper. Può capitare. Importante è cominciare bene la propria avventura: i successi risolvono tutto».

Su Conte ci sarà comunque parecchia pressione.
«Certo, sicuro, ma fa parte del gioco. Dalla sua l'allenatore avrà in ogni caso il sostegno di Beppe Marotta, con il quale ha lavorato proprio alla Juve. Il dirigente farà di tutto per mettere il mister nelle condizioni di dare il massimo, senza troppo preoccuparsi della piazza».

Compito di Marotta sarà anche quello di costruire una squadra a immagine e somiglianza del nuovo tecnico.
«È inevitabile. Se davvero vogliono ripartire, e farlo con il piede giusto, all'Inter dovranno fare tabula rasa. I nerazzurri non potranno spendere e spandere, perché dovranno comunque muoversi nei parametri imposti dal Financial Fair Play, ma dovranno essere protagonisti del mercato. Questo significa che ci saranno molti cambiamenti. Delle cessioni per poi "finanziare" gli acquisti chiesti dal mister».

Il (possibile) nuovo allenatore si è in passato dimostrato bravissimo nel dare la scossa a un ambiente un po' addormentato. Sul lungo periodo però i suoi metodi stancano.
«Credo che, scegliendolo, l'Inter non abbia pensato a un matrimonio lunghissimo. Credo che la dirigenza abbia - appunto - scelto la strada della rivoluzione, per poi valutare di anno in anno la posizione di tutti. Comunque è vero, ottimo nell'immediato, in carriera Conte ha dimostrato di faticare a costruire su più stagioni».

Per ingaggiarlo i nerazzurri investiranno tanto: lo stipendio dovrebbe essere di 10'000'000 di euro netti l'anno.
«E poi ci sarà ancora da pagare Spalletti...».

L'ex, che ha un ricchissimo contratto fino al 2021.
«Il prossimo anno starà fermo, vedrete. Si godrà i milioni dell'Inter nella campagna toscana. Penserà al vino e all'olio. Poi tornerà in pista con un'altra grande squadra».

Non male come prospettiva, almeno si lascerà alle spalle tutte le critiche e i problemi di spogliatoio.
«Con le donne Spalletti non ci sa fare. Le prime donne intendo. Con Totti, a Roma, fece malissimo. A Milano con Icardi si è ripetuto».

Ha usato il pugno di ferro.
«Com'era giusto che fosse. Salvo poi fare un'incredibile marcia indietro e, dopo un'esclusione, "promuovere" l'argentino con la titolarità».

Lì Marotta lo ha obbligato...
«È sicuramente andata così. Per tutelare un patrimonio dell'Inter, la dirigenza ha imposto al mister di far giocare Mauro».

Ma il tecnico, che già da tempo sa che la prossima stagione la vivrà lontano da Appiano Gentile, non si sarebbe potuto rifiutare? In fondo che avrebbe avuto da perdere?
«Ha pensato alla prossima tappa della sua carriera. Impuntandosi avrebbe finito con il farsi cacciare o con il mancare la qualificazione alla Champions League. E fallimenti del genere non sono certo positivi da inserire nel curriculum».

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 20 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 16:09:49 | 91.208.130.85