MILLMAN J. (AUS)
2
Federer R. (SUI)
3
fine
(6-4 : 6-7 : 4-6 : 6-4 : 6-7)
MILLMAN J. (AUS)
2 - 3
fine
6-4
6-7
4-6
6-4
6-7
Federer R. (SUI)
6-4
6-7
4-6
6-4
6-7
ATP-S
AUSTRALIAN OPEN
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 14:56
KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PABLO GIANINAZZI)
+ 2
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
39 min
Paura, rimonta, crollo e trionfo: faticaccia-Federer allo Slam
A lungo in grossa difficoltà, il renano si è dovuto “rifugiare” nel super tie-break del quinto set (chiuso 10-8) per superare Millman
SUPER LEAGUE
1 ora
Due anni (in più) per Magnin a Zurigo
Rinnovo biennale per il 40enne tecnico losannese
SCI ALPINO
2 ore
Kitzbühel amara, si salva solo Mauro Caviezel
Svizzeri opachi nel superG austriaco. Successo per Jansrud su Mayer e Kilde. Feuz settimo
NATIONAL LEAGUE
3 ore
Josh Holden convince: un altro anno a Zugo
Il 42enne ex centro farà parte dello staff tecnico dei Tori almeno fino all'aprile 2021
SCI ALPINO
4 ore
Shiffrin vince, Hählen sogna, Gut e Gisin deludono
Primo successo stagionale in discesa per la statunitense, in trionfo a Bansko. Terza la bernese, al miglior risultato in carriera
SUPER LEAGUE
5 ore
Il Lugano riparte da San Gallo, tra speranze e "autogufate"
Consumata la preparazione e mal digerito il mercato, domenica - in casa dei biancoverdi - i bianconeri apriranno la loro seconda parte di stagione
HCAP/HCL
8 ore
Weekend di fuoco per l'Ambrì, Lugano invece senza pressione
I playoff? Con Friborgo e Langnau l'Ambrì proverà piuttosto a mettere le mani su punti pesanti nella corsa al decimo posto. Bianconeri attesi a Zugo
SWISS LEAGUE
17 ore
«Esempio per i giovani? Bisognerebbe chiedere... a loro»
Il difensore del Sierre Goran Bezina: «Toglierei la retrocessione in Prima Lega, poiché a rimetterci sono soprattutto i ragazzi»
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Ginevra e Zurigo si divertono: 15 gol in 60'
Match pirotecnico tra Aquile e Lions, con questi ultimi impostisi 9-6
COPPA SVIZZERA
27.02.2019 - 16:220
Aggiornamento : 23:38

Lugano, la beffa-YB brucia ancora: «Meglio giocare subito»

Fabio Celestini è pronto a guidare i bianconeri nei quarti di Coppa contro il Thun: «Torneo unico. Sarebbe bello poter ridare ai bernesi un po' di quel che ci hanno dato in campionato»

THUN - Eliminare le scorie della beffa patita contro lo Young Boys. Fare nuovamente il pieno di fiducia. Continuare l'avventura in Coppa Svizzera. Per questi motivi - e molti altri - quella di domani sera a Thun è una partita da vincere per il Lugano.

I quarti di finale del torneo a eliminazione diretta sono uno spartiacque importante nella stagione dei bianconeri. Un successo riporterebbe larghi sorrisi e, soprattutto, permetterebbe di non smettere di sognare di arrivare a mettere le mani sul trofeo. Una sconfitta svuoterebbe invece di significato i prossimi mesi. Certo, c'è una salvezza ancora da conquistare; i ticinesi hanno in ogni caso dimostrato di essere in grado, con il minimo sforzo, di tenere dietro Xamax e GC. E di non avere forse la continuità necessaria per andare all'assalto della quarta piazza della graduatoria, l'ultimo buono per tentare una gita europea...

«Visto quanto successo domenica, è meglio giocare subito - ha raccontato Fabio Celestini - La Coppa è poi una competizione unica, soprattutto in Svizzera. Ha un sapore speciale e ti può portare a esibirti davanti a 20-25'000 spettatori. E poi ti dà la possibilità di arrivare a un trofeo. E vincere un titolo è la cosa più importante che ci sia nel calcio. Qualsiasi sia questo titolo. Se poi pensiamo che in piazze come Lugano non vinci ogni anno...».

Andrete a far visita al Thun, squadra che a inizio febbraio vinse a Cornaredo.
«Affronteremo la sfida con il giusto spirito; cercheremo di creare problemi. Sarebbe bello poter ridare al Thun un po' di quel che ci ha dato in campionato. La sconfitta patita contro i bernesi ci ha fatto molto bene, ci ha fatto capire alcune cose. Dopo quella c'è stata una grande reazione e abbiamo fatto tre buone prestazioni. Ci sono stati il pareggio di Sion, con il gol preso al 93'-94' minuto, la vittoria di Lucerna e lo Young Boys. Partite nelle quali abbiamo sempre retto molto bene, "uscendo" negli ultimi 20'».

Fisicamente il Lugano c'è.
«Sul piano fisico la squadra ha raggiunto un livello eccezionale. Detto questo io sono convinto che si corra con la testa, più che con le gambe. E ora i ragazzi hanno l'entusiasmo giusto, stanno bene e riescono anche a sacrificarsi. E commettono meno errori. Quelli tattici, soprattutto, con Lucerna e YB ne ho visti meno. E questo è importante».

Alla Stockhorn Arena non ci saranno gli squalificati Maric e Bottani (Covilo ci sarà, il club ha inoltrato ricorso alla sua squalifica), oltre a Lavanchy e Vecsei. Ci sarà invece Baumann, sempre più convincente.
«Stiamo facendo un percorso con la squadra, con lui. Con Noam parlo tanto in settimana; ha solo bisogno di sentire fiducia intorno a se e di trovare il coraggio di fare le "sue" partite. Ha grandi qualità, sta crescendo».

Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
roma 11 mesi fa su tio
...ma Lavanchy è ancora rotto? Non si capisce il perchè molti giocatori quando arrivano a Lugano si rompono!
Zarco 11 mesi fa su tio
Noah! Per me futuro ottimo
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-24 15:32:30 | 91.208.130.87