WAS Capitals
5
ANA Ducks
2
fine
(1-0 : 2-0 : 2-2)
ARI Coyotes
3
LA Kings
0
pausa
(2-0 : 1-0)
WAS Capitals
NHL
5 - 2
fine
1-0
2-0
2-2
ANA Ducks
1-0
2-0
2-2
1-0 PANIK
1'
 
 
2-0 OVECHKIN
27'
 
 
3-0 STEPHENSON
40'
 
 
4-0 VRANA
46'
 
 
 
 
54'
4-1 STEEL
 
 
58'
4-2 DESLAURIERS
5-2 VRANA
59'
 
 
1' 1-0 PANIK
27' 2-0 OVECHKIN
40' 3-0 STEPHENSON
46' 4-0 VRANA
STEEL 4-1 54'
DESLAURIERS 4-2 58'
59' 5-2 VRANA
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 19.11.2019 04:36
ARI Coyotes
NHL
3 - 0
pausa
2-0
1-0
LA Kings
2-0
1-0
1-0 GARLAND
4'
 
 
2-0 STEPAN
15'
 
 
3-0 CHYCHRUN
31'
 
 
4' 1-0 GARLAND
15' 2-0 STEPAN
31' 3-0 CHYCHRUN
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 19.11.2019 04:36
TI-Press
+ 7
ULTIME NOTIZIE Sport
QUALIFICAZIONI EURO 2020
5 ore
Italia esagerata: nove gol per la decima vittoria
Gli azzurri hanno travolto 9-1 l'Armenia. Successi pure per Spagna, Svezia, Grecia e Norvegia
NAZIONALE
6 ore
La Svizzera vince senza sudare, l'Europeo è realtà
Imponendosi 6-1 a Gibilterra, la truppa di Vlado Petkovic ha staccato il pass - da prima del girone - per Euro 2020
MOTOGP
7 ore
Da fenomeno a peso: Yamaha ostaggio di Valentino Rossi
Il Dottore non deciderà fino all'estate se continuare oltre il 2020. E fino ad allora la casa giapponese non potrà scegliere liberamente i piloti del futuro
SUPER LEAGUE
8 ore
Un sudcoreano al Servette
I granata si sono rinforzati ingaggiando Jung-Bin Park
MOTOGP
9 ore
Marquez + Marquez: la Honda ufficializza la coppia
Nella prossima stagione Marc e Alex – che sostituirà Jorge Lorenzo - correranno nella stessa squadra
HCL
12 ore
Vicky Mantegazza ci mette la faccia: “Vi chiedo scusa, ma sosteneteci”
La presidente del Lugano ha ammesso i problemi e chiesto ai tifosi di rimanere vicini alla squadra
NATIONAL LEAGUE
13 ore
Berthon continua a Ginevra
Rinnovo per il 27enne attaccante, che rimarrà un'Aquila fino al 2022
TENNIS
13 ore
Nadal chiude in vetta: agganciati Federer e Djokovic
Il mancino di Manacor, per la quinta volta in carriera, chiuderà l'anno in testa al ranking Mondiale
FORMULA 1
14 ore
Disastro Ferrari: «Daremo un segnale forte ai piloti»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Sono errori che si pagano come immagine e come squadra: non va bene». Nel frattempo la FIA chiude la vicenda: «Nessun colpevole»
NATIONAL LEAGUE
15 ore
Il Berna perde Justin Krueger
Il difensore 33enne starà ai box per un periodo di tempo indeterminato
COPPA SVIZZERA
27.02.2019 - 10:010
Aggiornamento : 17:20

«Lugano goloso e presuntuoso; prima favorito, ora è dura»

I secondi finali della sfida tra i bianconeri e lo Young Boys hanno lasciato strascichi: «Un punto contro l'YB era da considerare oro. Senza Maric a Thun...»

SION - Al Tourbillon, questa sera, scatteranno i quarti di Coppa Svizzera. L'attenzione dei tifosi ticinesi è in ogni caso rivolta alla Stockhorn Arena, dove domani il Lugano sarà ospite del Thun.

I bianconeri arriveranno alla sfida dopo la rocambolesca sconfitta rimediata domenica contro lo Young Boys, capitombolo che ha lasciato pesanti strascichi.
«Quella contro i gialloneri è stata una partita ben giocata - ha sottolineato Arno Rossini - rovinata però da quanto accaduto negli ultimi secondi».

L'angolo della "speranza", il contropiede, il presunto fallo su Gerndt, il gol preso, le proteste...
«Tutto quanto. Più le squalifiche di Maric e Covilo. Alla fine la frustrazione che ti porti dietro è grande. Peccato».

Per il risultato?
«Per tutto. Il Lugano non può in ogni caso prendersela con alcuno: in questa situazione ci si è cacciato da solo. Quell'atteggiamento sul corner...».

I bianconeri volevano vincere. Comprensibile.
«Sì, certo, assolutamente. Però se stai pareggiando contro la prima della classe non dovresti esporti a tali rischi. Un punto contro lo Young Boys era da considerare oro. Tutti su per un calcio d'angolo? Sono stati golosi, c'è stata tanta presunzione».

Colpa dei giocatori.
«E anche dell'allenatore. Accortosi che la squadra era completamente sbilanciata, Celestini avrebbe dovuto richiamare qualcuno. Avrebbe dovuto mostrare polso. Invece non l'ha fatto, sperando nel colpaccio. Così sono arrivati il contropiede e il gol. E tutto quello che è accaduto dopo».

Il comportamento tenuto da Maric e Covilo è da condannare? Loro, elementi esperti...
«Ma in quei frangenti ci sono l'adrenalina e la frustrazione. Quanto fatto, le parole fuori posto, non è giustificabile ma è comprensibile».

Ed è costato tre turni di stop.
«Un vero peccato, perché assenze del genere pesano parecchio. Costano caro».

Maric non potrà giocare già a Thun.
«Ed è una perdita gravissima per il Lugano. Stiamo parlando di un giocatore carismatico. Di esperienza. Un leader che in campo sa farsi sentire. L'uomo giusto, insomma, per una battaglia come può essere un quarto di Coppa. Se a ranghi completi, i bianconeri sarebbero stati favoriti contro i bernesi».

Così invece?
«Sarà dura. Il Thun in casa è una brutta bestia».

Le altre tre sfide dei quarti come andranno?
«Lo Zurigo va in semifinale. Contro il Kriens, in casa per giunta, non avrà problemi».

Sion-Basilea, questa sera, potrebbe essere combattuta.
«In Vallese la Coppa la chiamano "mini Champions League". Ci tengono tantissimo. I renani, detto ciò, stanno finalmente giocando bene. Nonostante siano in trasferta, io li vedo favoriti».

Si chiuderà la prossima settimana con Lucerna-Young Boys.
«L'YB è un gradino sopra ogni avversaria. È forte nelle piccole cose. Un esempio? Se l'attaccante perde palla, quasi sempre si trasforma nel primo difensore, ritorna e cerca il recupero. E poi tra i gialloneri c'è grande senso di appartenenza. I vari Fassnacht, Sow, Lauper e Aebischer formano quello zoccolo duro alla base di ogni successo. Detto ciò... mi sento di scommettere che a Lucerna non avranno problemi».

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PABLO GIANINAZZI)
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 04:51:43 | 91.208.130.85