TI-Press
+7
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
DIVERSI
7 ore
Neymar se ne infischia della quarantena: gioca a footvolley, è polemica
Non è per nulla piaciuta ai suoi follower la foto in cui si vede il brasiliano spassarsela in compagnia di amici
SERIE A
9 ore
CR7 e compagni accettano: la Juve risparmia 90'000'000
I tesserati bianconeri percepiranno solo parte del loro salario nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno
GUANGZHOU
12 ore
C'è anche chi, lentamente, sta tornando a sorridere
Il 46enne ha postato un video per testimoniare come a Guangzhou la gente sta tornando a condurre una vita normale
GRAN BRETAGNA
14 ore
«Piango! Cantano "You'll never walk alone" fuori dalla terapia intensiva...»
L'allenatore del Liverpool ha visto un video nel quale in ospedale si cantava l'inno della sua squadra. Da pelle d'oca
TENNIS
17 ore
«Tuteliamo i tornei centenari, non gli interessi di Federer»
La quarta edizione della Laver Cup verrebbe fagocitata dal Major. Panatta sta con gli organizzatori dello Slam
MERCATO
18 ore
«Tra Rodriguez e Napoli c'era qualcosa di vero»
Gianluca Di Domenico: «Il club olandese ha dato delle sicurezze al giocatore. Rodriguez voleva questo»
SERIE A
21 ore
Dybala: «Facevo fatica a respirare, ora sto meglio». Il fratello intanto viola la quarantena
L'argentino era risultato positivo al Covid-19. Nel frattempo il fratello Gustavo, con la compagna, è stato denunciato
FORMULA 1
1 gior
«Comincio a guardare anche oltre la F1»
Vettel è in scadenza di contratto: «Col tempo si diventa più maturi, quando penso al futuro sono piuttosto rilassato»
VOLLEY
1 gior
Il Lugano riparte da Felipe Lacerda
Sarà Felipe Lacerda l'allenatore del Volley Lugano
MADRID
1 gior
Dramma Sanz, il figlio denuncia: «Non si trova la salma»
Spagna in ginocchio, strutture al collasso: l'ex presidente del Real Madrid doveva essere cremato il 24 marzo
COPPA SVIZZERA
27.02.2019 - 10:010
Aggiornamento : 17:20

«Lugano goloso e presuntuoso; prima favorito, ora è dura»

I secondi finali della sfida tra i bianconeri e lo Young Boys hanno lasciato strascichi: «Un punto contro l'YB era da considerare oro. Senza Maric a Thun...»

SION - Al Tourbillon, questa sera, scatteranno i quarti di Coppa Svizzera. L'attenzione dei tifosi ticinesi è in ogni caso rivolta alla Stockhorn Arena, dove domani il Lugano sarà ospite del Thun.

I bianconeri arriveranno alla sfida dopo la rocambolesca sconfitta rimediata domenica contro lo Young Boys, capitombolo che ha lasciato pesanti strascichi.
«Quella contro i gialloneri è stata una partita ben giocata - ha sottolineato Arno Rossini - rovinata però da quanto accaduto negli ultimi secondi».

L'angolo della "speranza", il contropiede, il presunto fallo su Gerndt, il gol preso, le proteste...
«Tutto quanto. Più le squalifiche di Maric e Covilo. Alla fine la frustrazione che ti porti dietro è grande. Peccato».

Per il risultato?
«Per tutto. Il Lugano non può in ogni caso prendersela con alcuno: in questa situazione ci si è cacciato da solo. Quell'atteggiamento sul corner...».

I bianconeri volevano vincere. Comprensibile.
«Sì, certo, assolutamente. Però se stai pareggiando contro la prima della classe non dovresti esporti a tali rischi. Un punto contro lo Young Boys era da considerare oro. Tutti su per un calcio d'angolo? Sono stati golosi, c'è stata tanta presunzione».

Colpa dei giocatori.
«E anche dell'allenatore. Accortosi che la squadra era completamente sbilanciata, Celestini avrebbe dovuto richiamare qualcuno. Avrebbe dovuto mostrare polso. Invece non l'ha fatto, sperando nel colpaccio. Così sono arrivati il contropiede e il gol. E tutto quello che è accaduto dopo».

Il comportamento tenuto da Maric e Covilo è da condannare? Loro, elementi esperti...
«Ma in quei frangenti ci sono l'adrenalina e la frustrazione. Quanto fatto, le parole fuori posto, non è giustificabile ma è comprensibile».

Ed è costato tre turni di stop.
«Un vero peccato, perché assenze del genere pesano parecchio. Costano caro».

Maric non potrà giocare già a Thun.
«Ed è una perdita gravissima per il Lugano. Stiamo parlando di un giocatore carismatico. Di esperienza. Un leader che in campo sa farsi sentire. L'uomo giusto, insomma, per una battaglia come può essere un quarto di Coppa. Se a ranghi completi, i bianconeri sarebbero stati favoriti contro i bernesi».

Così invece?
«Sarà dura. Il Thun in casa è una brutta bestia».

Le altre tre sfide dei quarti come andranno?
«Lo Zurigo va in semifinale. Contro il Kriens, in casa per giunta, non avrà problemi».

Sion-Basilea, questa sera, potrebbe essere combattuta.
«In Vallese la Coppa la chiamano "mini Champions League". Ci tengono tantissimo. I renani, detto ciò, stanno finalmente giocando bene. Nonostante siano in trasferta, io li vedo favoriti».

Si chiuderà la prossima settimana con Lucerna-Young Boys.
«L'YB è un gradino sopra ogni avversaria. È forte nelle piccole cose. Un esempio? Se l'attaccante perde palla, quasi sempre si trasforma nel primo difensore, ritorna e cerca il recupero. E poi tra i gialloneri c'è grande senso di appartenenza. I vari Fassnacht, Sow, Lauper e Aebischer formano quello zoccolo duro alla base di ogni successo. Detto ciò... mi sento di scommettere che a Lucerna non avranno problemi».

CALCIO: Risultati e classifiche

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PABLO GIANINAZZI)
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 06:59:40 | 91.208.130.85