TI-Press
+ 4
LUGANO
23.02.2019 - 10:100
Aggiornamento : 19:15

«Lugano ai ticinesi, io qui a lungo», Novoselskiy indica la via

Il (probabile) futuro socio di maggioranza del club bianconero ha svelato i suoi progetti. «Cresciamo partendo dal Settore Giovanile e, spero, saremo in attivo in sei-sette anni. Renzetti importante»

LUGANO - Ancora qualche settimana e, salvo sorprese, Angelo Renzetti accetterà di cedergli il timone del Lugano. Certo, ci vorrà poi qualche mese per rendere effettivo e ufficiale il passaggio delle quote; da giugno però, l'ultima parola riguardo al mondo bianconero sarà la sua. Sarà quella di Leonid Novoselskiy. Già numero uno del Settore Giovanile e membro del CdA del club, il (quasi) 50enne è pronto per imbarcarsi in una grossa avventura. Forse non tanto grossa come quella che, a inizio anni '90, lo portò a fondare la Gradient, ora uno tra i 200 più grandi gruppi privati russi, ma ci certo molto impegnativa. E ambiziosa.

Il fatto che una società calcistica sia spesso in perdita non spaventa Leonid, il quale conta di arrivare a cifre nere, di vedere «I primi frutti tra sei o sette anni, per un progetto che avrà il supporto del Settore Giovanile».

Dal quale passano tanti giovani. E pochissimi “arrivano”.

«L'obiettivo principale è quello di formare i giocatori per la Prima squadra. Per riuscirci dobbiamo coinvolgere tanti ragazzi. Per riuscirci dobbiamo fare tanti numeri. Dobbiamo dare l'opportunità di tentare a tutti con il calcio. Almeno per uno o due anni un giovane dovrebbe provare, per poi decidere se continuare o fare un altro sport».

Il nuovo Lugano da dove potrebbe partire?

«Tra i primi passi da fare ci sarebbe quello di cercare giocatori che sono cresciuti qui da noi, che potrebbero aiutare la Prima squadra e darle un'identità ticinese. Poi c'è anche lo stadio, che è importantissimo per il futuro del progetto e per il quale Angelo Renzetti può darci una grande mano».

L'ultima battuta del (probabile) futuro socio di maggioranza del club bianconero riguarda le sue origini. I patron che vengono da lontano sono sempre visti con sospetto dai tifosi.

«Io amo il Ticino e qui ho intenzione di fare un progetto a lungo termine. Spero di rimanere per tanti anni, come per tanti anni spero di poter essere coinvolto con la Prima squadra».

TI-Press
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
Michele Dotta 7 mesi fa su fb
... bene tutto a posto allora ...... tanti dubbi
cle72 7 mesi fa su tio
Vai avanti con la tua strada e con la tua idea non ascoltare consigli. Appoggiati a persone serie che vogliono bene al Lugano e che hanno permesso che la squadra esista ancora oggi. Forza Lugano! Domani tutti allo stadio.
jena 7 mesi fa su tio
sinceramente vedo un progetto e buona volontà!!! poi come sempre parleranno i i fatti ... Buona Fortuna!!
Indira69 7 mesi fa su tio
Leonid é persona seria,sta a capo della Gradient,importante società russa attiva nel campo della distribuzione;iniziando ad investire nel settore giovanile sapeva che il suo sarebbe stato un investimento a lungo termine,la prima squadra é lo sbocco naturale di tale processo,personalmente spero si concretizzi il passaggio di consegne.
Zarco 7 mesi fa su tio
Un consiglio ; lascia stare il futuro ex
casi89 7 mesi fa su tio
ma,vedremo.per convincerci dovrebbe depositare su un conto vincolato diversi millioni in modo di avere le garanzie monetarie per diversi anni.vedi il tracollo dello xamax.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 03:32:46 | 91.208.130.87