Milan
1
Torino
0
2. tempo
(1-0)
SJ Sharks
1
FLO Panthers
1
1. tempo
(1-1)
CAL Flames
0
ANA Ducks
0
1. tempo
(0-0)
ARI Coyotes
1
NY Islanders
0
1. tempo
(1-0)
Milan
SERIE A
1 - 0
2. tempo
1-0
Torino
1-0
BENNACER ISMAEL
22'
 
 
1-0 REBIC ANTE
25'
 
 
 
 
34'
EDERA SIMONE
CASTILLEJO SAMU
50'
 
 
 
 
60'
RINCON TOMAS
 
 
73'
ANSALDI CRISTIAN
22' BENNACER ISMAEL
25' 1-0 REBIC ANTE
EDERA SIMONE 34'
50' CASTILLEJO SAMU
RINCON TOMAS 60'
ANSALDI CRISTIAN 73'
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
History: 59W-55D-33W.
Goals: 224-145.
Age: 26,1-27,2.
Sidelined Players: AC MILAN - Andrea Conti (Yellow card suspension), Rade Krunic (Fatigue fracture), Leo Duarte (Ankle).
TORINO - Armando Izzo (Red card suspension), Daniele Baselli (Calf), Simone Zaza (Thigh Muscle).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2020 22:31
SJ Sharks
NHL
1 - 1
1. tempo
1-1
FLO Panthers
1-1
 
 
5'
0-1 DADONOV
1-1 GAMBRELL
12'
 
 
DADONOV 0-1 5'
12' 1-1 GAMBRELL
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2020 22:31
CAL Flames
NHL
0 - 0
1. tempo
0-0
ANA Ducks
0-0
Ultimo aggiornamento: 17.02.2020 22:31
ARI Coyotes
NHL
1 - 0
1. tempo
1-0
NY Islanders
1-0
1-0 KELLER
5'
 
 
5' 1-0 KELLER
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2020 22:31
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Sport
DIVERSI
37 min
Weekend da incorniciare per il Bob Club della Svizzera italiana
Pioggia di medaglie per il sodalizio "nostrano", che si conferma nei top-3 a livello nazionale
SUPER LEAGUE
49 min
«Per Janga parlerà il campo, ma l'impressione è ottima. Crnigoj? Fuori dal progetto»
Il presidente Angelo Renzetti ha commentato l'arrivo dell'attaccante: «È un prestito con diritto di riscatto. Spero di vederlo già col Sion»
PREMIER LEAGUE
3 ore
Chi ha preso più cartellini in Premier? Granit Xhaka
Il centrocampista elvetico ha rimediato la bellezza di 27 cartellini gialli negli ultimi due anni e mezzo, nessuno ha fatto peggio di lui
SUPER LEAGUE
4 ore
Stagione finita per Zuffi
Il centrocampista del Basilea dovrà stare ai box per un periodo di 6-9 mesi
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Il Berna ingaggia Thomas
L'attaccante canadese si è accordato con gli Orsi fino al termine del campionato
SUPER LEAGUE
6 ore
Ufficiale: Janga rinforza il Lugano
L'attaccante 27enne arriva in prestito dall'Astana fino al 30 giugno 2020
NATIONAL LEAGUE
8 ore
A Zugo si sta proprio bene: Kovar firma altri tre anni
L'attaccante ceco si è accordato con i Tori fino al 2023: «La mia famiglia si sente al 100% a casa»
HCAP
8 ore
Grande carattere e un po' di frustrazione: l'Ambrì non molla, ma raccoglie poco
I generosi biancoblù, sempre incerottati, sono reduci da due sconfitte oltre il 60'. Ancora 4 fatiche, poi si tireranno le somme: la lotta continua
NATIONAL LEAGUE
9 ore
Lo Zurigo ingaggia un altro... Fredrik Pettersson!
I Lions hanno messo sotto contratto il portiere svedese fino al termine del campionato
NATIONAL LEAGUE
9 ore
Tegola Friborgo: Killian Mottet infortunato
L'attaccante dei burgundi lamenta problemi alla schiena
FOTO
HCL
10 ore
Lugano, ecco Ryno per la prima volta sul ghiaccio
In questa stagione il 33enne ha totalizzato 15 punti in 30 partite con il Färjestad
UNIHOCKEY
10 ore
Vittoria della SUM, ora nei playout si parte in casa
Le ragazze ticinesi hanno battuto i Red Lions Frauenfeld 4-3 centrando il secondo successo in campionato
ARNO ROSSINI - L'OSPITE
21.11.2018 - 07:000
Aggiornamento : 17:02

I difensori non c'entrano con la difesa; errori losannesi per Celestini

Il Lugano gioca per segnare un gol più dei rivali però... Arno Rossini: «Davanti i bianconeri non sono imprendibili e manca equilibrio»

LUGANO - Quattro difensori, un centrocampo a tre, il fantasista (o la mezzapunta) e due attaccanti. Fabio Celestini ha ormai dato al Lugano una veste precisa. È infatti così che, esclusa la partita contro il GC di inizio ottobre, la sua prima in panchina dopo l'esonero di Abascal, il 43enne mister sta facendo giocare i bianconeri. Le sue scelte hanno tuttavia pagato solo in parte. La luce "vista" nelle due vittorie centrate con San Gallo e Thun è infatti sparita nelle ultime due uscite, nelle quali sono arrivati i rovesci con Basilea e Lucerna. Eppure la quadratura del cerchio pareva essere stata trovata...

«A dire il vero penso che la quadratura ancora non ci sia - è intervenuto Arno Rossini - Io vedo ancora tanti alti e bassi. Troppi».

Da Costa, Masciangelo, Mihajlovic, Sulmoni, Maric... i ticinesi sono ormai quasi sempre quelli. Questo significa che il tecnico ha trovato il "suo" undici.
«E poi Sabbatini, Brlek e Bottani in mezzo, con anche Piccinocchi da quando ha ritrovato una buona condizione. E Junior davanti. Questi sono i fedelissimi. Ma schierare la stessa formazione non significa essere a posto. Soprattutto quando i numeri non sono dalla tua parte. Il problema è che il Lugano sta soffrendo troppo in difesa. Come già capitato quando lavorava a Losanna, Celestini sta schierando una squadra che dietro fa fatica. E subisce troppo. In cinque match di Super League sono stati incassati undici gol. Tanti. Puoi giustificarli se poi in attacco sei eccellente, se giochi per segnare una rete più del tuo avversario. A Cornaredo però davanti non sono imprendibili».

Parli di problema difensivo. Eppure i quattro sempre scelti da Celestini paiono avere il giusto mix tra qualità, esperienza e fisico.
«L'errore è considerare i guai difensivi come provocati dalla... difesa. È l'equilibrio generale della squadra che ancora manca. È di quello che dovrebbe preoccuparsi il mister».

Giocare con due punte e una mezzapunta è troppo?
«Ecco, sì. In questo momento della stagione il Lugano fatica a sostenere tanti giocatori offensivi. Soprattutto quando, poi, questi hanno alle spalle un centrocampo a tre nel quale almeno due maglie sono affidate a calciatori come Sabbatini e Piccinocchi. Bravi a livello tattico e tecnico, ma in evidente difetto a livello fisico».

Serve il classico filtro in mezzo? 
«Esatto. Non per forza si devono schierare meno uomini in avanti; l'atteggiamento generale deve però cambiare. Serve che la squadra sia pensata e disegnata a protezione della retroguardia».

Un giocatore come Covilo potrebbe dare una mano...
«Mi sto giusto chiedendo perché non abbia trovato molto spazio nelle ultime partite».

Numeri: il 32enne mediano ha giocato 360' con Abascal, praticamente sempre, nei quali ha messo a referto due reti e due assist. Con Celestini in cinque sfide ha invece totalizzato 167'.
«Se in buona condizione, io un elemento come Miroslav lo metterei certamente in campo. Ha le caratteristiche giuste per dare più stabilità ed equilibrio alla formazione. Schierandosi davanti a Sulmoni e Maric, soprattutto ora che si giocherà su campi pesanti, un calciatore con le sue caratteristiche risolverebbe parecchi problemi. E poi è bravo di testa...».

Ma Celestini è un tecnico che guarda alle caratteristiche del singolo e su queste prova a costruire il successo? Il colpo di testa di Covilo, la velocità di Junior...
«Deve esserlo per forza. È sulle qualità dei suoi giocatori, valutate in base al momento del campionato, che ogni bravo allenatore deve provare a regalare gioco e vittorie».

Sabato i bianconeri saranno di scena a Berna contro lo Young Boys.
«Avversario fisicamente tra i più pericolosi del campionato. Contro rivali del genere ti devi muovere e difendere con grande attenzione, altrimenti rischi di farti molto male».

Il calendario non è bellissimo per il Lugano che, oltre ai gialloneri, da qui a fine anno si troverà ad affrontare Xamax, Sion (entrambi in casa) e Zurigo (in trasferta).
«I ticinesi hanno una rosa da primi cinque posti della classifica».

Questo sulla "carta".
«È compito del mister mettere i giocatori in condizione di esprimere il loro vero valore. A Cornaredo non devono però scherzare con il fuoco...».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 22:38:14 | 91.208.130.85